Decreto Ministeriale 06/11/2001 | Edilone.it

Decreto Ministeriale 06/11/2001

Decreto Ministeriale 06/11/2001 - Autorizzazione all'utilizzo delle economie di appalto in interventi di acquedotti non di competenza statale. Gazzetta Ufficiale 29/11/2001 n. 278

Autorizzazione all’utilizzo delle economie di appalto in interventi di
acquedotti non di competenza statale.
Gazzetta Ufficiale 29/11/2001
n. 278

IL DIRETTORE GENERALE
della difesa del suolo
Vista la legge
11 marzo 1988, n. 67, recante “Disposizioni per la
formazione del
bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge
finanziaria
1988)”;
Visto il decreto ministeriale 22 maggio 1989, con il quale e’
stata
autorizzata, ai sensi e per gli effetti dell’art. 17, commi 38 e
42,
della citata legge, a favore della regione Molise, la concessione
da
parte della Cassa depositi e prestiti, di mutui finalizzati
alla
attuazione di vari interventi acquedottistici fra i quali
quello
riguardante “Acquedotto molisano sinistro – Completamento del
tratto
fra Colle S. Onofrio e Colle La Montagnola” dell’ERIM
dell’importo
complessivo di L. 2.500.000.000;
Vista la deliberazione
n. 418284500 del 16 ottobre 1991, con la
quale la Cassa depositi e
prestiti ha assentito un mutuo di
L. 2.250.000.000 al sopracitato
progetto;
Vista la legge 30 dicembre 1991, n. 412, recante
“Disposizioni in
materia di finanza pubblica”, in particolare l’art.
20, comma 1,
secondo il quale “le economie verificatesi nella
realizzazione di
opere pubbliche finanziate con ricorso a mutui con
ammortamento a
carico del bilancio statale in base a specifiche
disposizioni
legislative, possono essere utilizzate per lavori
suppletivi e di
variante al progetto originario, previa autorizzazione
del Ministero
competente, secondo le medesime procedure previste dalla
legge di
riferimento”;
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, recante
“Misure in materia
di investimenti”, in particolare l’art. 8, che
sostituisce il
menzionato art. 20, comma 1 della legge n. 412/1991,
secondo il quale
“le economie verificatesi nella realizzazione di
opere pubbliche
finanziate con ricorso a mutui con ammortamento a
carico del bilancio
statale in base a specifiche disposizioni
legislative, possono essere
utilizzate per il finanziamento di
ulteriori lavori afferenti al
progetto originario ovvero a un nuovo
progetto di opere della stessa
tipologia di quelle previste dalla
legge originaria di finanziamento
previa autorizzazione del Ministero
competente”;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri 10
aprile 2001, il quale ha disposto che a decorrere dal 1
giugno 2001 i
compiti e le funzioni in materia di difesa del suolo e
di gestione e
tutela delle risorse idriche sono trasferiti dal
Ministero dei lavori
pubblici al Ministero dell’ambiente e della
tutela del territorio;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n.
300, recante norme
per la razionalizzazione, il riordino, la
soppressione e la fusione
di Ministeri, l’istituzione di agenzie, il
riordino
dell’amministrazione periferica dello Stato, con il quale e’
stato
istituito il Ministero dell’ambiente e della tutela del
territorio;
Considerato che con determinazione dirigenziale regionale
del
29 maggio 2000, n. 20/SSI/2000, si e’ proceduto, sulla base
del
rendiconto finale delle spese sostenute nell’appalto
dell’intervento
autorizzato, alla chiusura del rapporto di concessione
per
L. 1.376.168.516, accertando una economia di appalto di
L.
1.123.831.484 di cui L. 1.011.448.336 sul mutuo a carico
dello
Stato;
Considerata la delibera n. 88 del 18 luglio 2001, con la
quale il
commissario straordinario dell’ERIM approva il progetto
denominato
“Interventi urgenti per sopperire alle gravi carenze
idriche
dell’Acquedotto molisano sinistro – Pozzi di Sessano del
Molise –
Opere elettromeccaniche” per l’importo complessivo di
L.
1.480.000.000;
Considerata la delibera n. 93 del 16 agosto 2001, con
la quale il
Commissario straordinario dell’ERIM impegna l’Ente ad
assumere a
proprio carico gli oneri finanziari che dovessero eccedere
il
finanziamento disponibile sotto forma delle citate economie
di
appalto;
Considerato che le predette delibere commissariali
costituiscono,
ai sensi dell’art. 86 della legge regionale 29
settembre 1999, n. 34,
approvazione del progetto e relativo quadro
economico e che detto
progetto e’ finalizzato all’esecuzione di opere
integrative del
progetto originariamente approvato e comunque della
stessa tipologia
delle opere previste dalla legge di
finanziamento;
Vista la delibera di giunta regionale n. 977 del 9
ottobre 2001,
con la quale la regione Molise ha destinato al
cofinanziamento
dell’intervento denominato “Interventi urgenti per
sopperire alle
gravi carenze idriche dell’Acquedotto molisano sinistro
– Pozzi di
Sessano del Molise – Opere elettromeccaniche” per
l’importo
complessivo di L. 1.480.000.000 che comporta l’utilizzazione
delle
economie di appalto dell’importo complessivo di L. 1.123.831.480
di
cui L. 1.011.448.336 sul mutuo a carico dello Stato;
Vista la nota
del 18 ottobre 2001, n. 10475 della regione Molise –
Direzione
generale IV delle politiche del territorio dei trasporti e
della casa,
con la quale viene chiesta al Ministero dell’ambiente e
della tutela
del territorio l’autorizzazione per l’utilizzo delle
citate economie
di appalto;
Viste le risultanze favorevoli dell’istruttoria compiuta
sugli atti
in argomento, ai fini della rispondenza degli interventi in
essa
previsti ai requisiti di ammissibilita’ fissati dalla
deliberazione
C.I.P.E. del 14 giugno 1988;
Visto il decreto
ministeriale 5 luglio 2001, n. 6253, del Ministro
dell’ambiente e
della tutela del territorio;
Decreta:
Art. 1.
Ai sensi e per gli
effetti dell’art. 20, comma 1 della legge 30
dicembre 1991, n. 412,
come sostituito dall’art. 8 della legge 17
maggio 1999, n. 144, la
regione Molise e’ autorizzata ad utilizzare
le economie, ammontanti
complessivamente a L. 1.123.831.480, di cui
L. 1.011.448.336 sul mutuo
a carico dello Stato, derivanti
dall’appalto dell’intervento
originario “Acquedotto molisano sinistro
– Completamento del tratto
fra Colle S. Onofrio e Colle La
Montagnola” dell’ERIM dell’importo
complessivo di L. 2.500.000.000,
finanziato con mutuo della Cassa
depositi e prestiti a carico dello
Stato di L. 2.250.000.000, per il
cofinanziamento dei lavori relativi
a “Interventi urgenti per
sopperire alle gravi carenze idriche
dell’Acquedotto molisano sinistro
– Pozzi di Sessano del Molise –
Opere elettromeccaniche” per l’importo
complessivo di
L. 1.480.000.000, come indicato nelle premesse.
Roma, 6
novembre 2001
Il direttore generale: Cappiello

Decreto Ministeriale 06/11/2001

Edilone.it