Decreto Legislativo 27/01/1992 | Edilone.it

Decreto Legislativo 27/01/1992

Decreto Legislativo 27/01/1992 n. 97 - Attuazione della direttiva 87/219/CEE, relativa al tenore di zolfo di taluni combustibili liquidi. Gazzetta Ufficiale 15/02/1992 n. 38

Decreto Legislativo 27/01/1992 n. 97
Attuazione della direttiva
87/219/CEE, relativa al tenore di zolfo di taluni combustibili
liquidi.
Gazzetta Ufficiale 15/02/1992 n. 38

IL PRESIDENTE DELLA
REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Visto
l’art. 67 della legge 29 dicembre 1990, n. 428, recante delega al
Governo per l’attuazione della direttiva 87/219/CEE del Consiglio del
30 marzo 1987, che modifica la direttiva 75/716/CEE, concernente il
ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al
tenore di zolfo di taluni combustibili liquidi;

Vista la
deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del
15 novembre 1991;

Acquisiti i pareri delle competenti commissioni
parlamentari della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 27 gennaio 1992;

Sulla proposta del Ministro per il
coordinamento delle politiche comunitarie, di concerto con i Ministri
degli affari esteri, di grazia e giustizia, del tesoro,
dell’industria, del commercio e dell’artigianato, della sanità e
dell’ambiente;

Emana

il seguente decreto legislativo:

Art. 1

1. A partire dal 1° gennaio 1993 nei comuni con popolazione
superiore a 300.000 abitanti, nonché negli impianti termoelettrici
delle isole, con esclusione della Sardegna e della Sicilia, il
contenuto di zolfo del gasolio non deve essere superiore a 0,2% in
peso.

Art. 2

1. Le ulteriori modificazioni del tenore di zolfo nel
gasolio, anche in attuazione di successive direttive, saranno adottate
ai sensi dell’art. 2, comma 2, della legge 8 luglio 1986, n. 349.

Art. 3

(Sanzioni)

1. Chiunque utilizza in impianti di
combustione gasolio con contenuto in zolfo non conforme a quanto
previsto nell’art. 1 è punito con l’arresto sino a due anni o con
l’ammenda da lire un milione a lire cinque milioni.

Decreto Legislativo 27/01/1992

Edilone.it