DECRETO LEGISLATIVO 20 febbraio 2009, n. 23 - Attuazione della direttiva 2006/117/Euratom, relativa alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti radioattivi e di combustibile nucleare esaurito. (GU n. 68 del 23-3-2009 | Edilone.it

DECRETO LEGISLATIVO 20 febbraio 2009, n. 23 – Attuazione della direttiva 2006/117/Euratom, relativa alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti radioattivi e di combustibile nucleare esaurito. (GU n. 68 del 23-3-2009

DECRETO LEGISLATIVO 20 febbraio 2009, n. 23 - Attuazione della direttiva 2006/117/Euratom, relativa alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti radioattivi e di combustibile nucleare esaurito. (GU n. 68 del 23-3-2009 )

DECRETO LEGISLATIVO 20 febbraio 2009 , n. 23

Attuazione della direttiva 2006/117/Euratom, relativa alla
sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti radioattivi e
di combustibile nucleare esaurito.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;
Vista la legge 25 febbraio 2008, n. 34, ed, in particolare,
l’articolo 22, commi 1, 2 e 3;
Vista la direttiva 2006/117/Euratom del Consiglio, del 20 novembre
2006, relativa alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di
rifiuti radioattivi e di combustibile nucleare esaurito;
Vista la legge 14 ottobre 1957, n. 1203, recante la ratifica ed
esecuzione del Trattato istitutivo della Comunita’ europea
dell’energia atomica ed Atti allegati;
Vista la legge 31 dicembre 1962, n. 1860, concernente impiego
pacifico dell’energia nucleare, modificata e integrata dal decreto
del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1965, n. 1704, dalla
legge 19 dicembre 1969, n. 1008, e dal decreto del Presidente della
Repubblica 10 maggio 1975, n. 519;
Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante disciplina
dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza del
Consiglio dei Ministri, e successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, recante
attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom,
92/3/Euratom e 96/29/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti,
cosi’ come modificato dal decreto legislativo 26 maggio 2000, n. 241,
recante attuazione della direttiva 96/29/Euratom in materia di
protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori contro i
rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti e dal decreto
legislativo 9 maggio 2001, n. 257;
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, e successive
modificazioni, recante conferimento di funzioni e compiti
amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in
attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59;
Visti l’articolo 38 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,
di istituzione dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i
servizi tecnici (APAT), nonche’ il decreto del Presidente della
Repubblica 8 agosto 2002, n. 207, concernente il regolamento recante
approvazione dello statuto dell’Agenzia per la protezione
dell’ambiente e per i servizi tecnici, a norma dell’articolo 8, comma
4, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante norme
generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche, e successive modificazioni;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
10 febbraio 2006 recante linee guida per la pianificazione di
emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili, in
attuazione dell’articolo 125 del decreto legislativo 17 marzo 1995,
n. 230, e successive modificazioni, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 44 del 22 febbraio 2006;
Visto il decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 52, recante
attuazione della direttiva 2003/122/CE Euratom sul controllo delle
sorgenti radioattive sigillate ad alta attivita’ e delle sorgenti
orfane;
Visto il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con
modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, recante
disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione,
la competitivita’, la stabilizzazione della finanza pubblica e la
perequazione tributaria, ed in particolare l’articolo 28 istitutivo
dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale,
(ISPRA);
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 18 dicembre 2008;
Sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le
regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano in data 22
gennaio 2009;
Acquisiti i pareri delle Commissioni competenti della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 20 febbraio 2009;
Sulla proposta del Ministro per le politiche europee e del Ministro
dello sviluppo economico, di concerto con i Ministri dell’ambiente e
della tutela del territorio e del mare, dell’interno, del lavoro,
della salute e delle politiche sociali, degli affari esteri, della
giustizia e dell’economia e delle finanze;

E m a n a

il seguente decreto legislativo:

Art. 1.

Modifiche al decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230

1. Il titolo del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e’
sostituito dal seguente: «Attuazione delle direttive 89/618/Euratom,
90/641/Euratom, 96/29/Euratom e 2006/117/Euratom in materia di
radiazioni ionizzanti.».
2. All’articolo 32 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230,
sono apportate le seguenti modificazioni:
a) nella rubrica, dopo la parola: «radioattivi» sono aggiunte le
seguenti: «e di combustibile nucleare esaurito»;
b) al comma 1, dopo la parola: «radioattivi» sono inserite le
seguenti: «e di combustibile nucleare esaurito»;
c) al comma 1, dopo le parole: «esportazioni dei rifiuti» sono
inserite le seguenti: «e di combustibile nucleare esaurito»;
d) la lettera a) del comma 2 e’ sostituita dalla seguente:
«a) l’autorita’ preposta al rilascio del nulla osta di cui
all’articolo 29 o dell’autorizzazione di cui all’articolo 30, sentiti
i competenti organismi tecnici e le regioni o le province autonome
territorialmente competenti, ove queste ultime non siano autorita’
competenti al rilascio dell’autorizzazione stessa, nei casi di
spedizioni, di importazioni o di esportazioni da effettuare
nell’ambito delle attivita’ soggette ai provvedimenti autorizzativi
di cui agli stessi articoli 29 o 30 o nell’ambito di attivita’ esenti
da detti provvedimenti. Le regioni e le province autonome formulano
eventuali osservazioni entro il termine di dieci giorni, trascorso il
quale l’autorita’ procede; »;
e) la lettera b) del comma 2 e’ sostituita dalla seguente:
«b) Il Ministero dello sviluppo economico, sentito l’ISPRA, il
Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali e la
regione o le province autonome di destinazione o provenienza, nei
casi di spedizioni, di importazioni o di esportazioni da effettuare
nell’ambito degli altri provvedimenti autorizzativi di cui al
presente decreto, nonche’ nel caso di transito nel territorio
italiano. Le regioni e le province autonome formulano eventuali
osservazioni entro il termine di dieci giorni, trascorso il quale
l’autorita’ procede.»;
f) al comma 3, secondo periodo, le parole: «o non abbia comunicato
alla Commissione europea la propria mancata accettazione di tale
procedura di approvazione automatica, ai sensi dell’articolo 17 della
direttiva 92/3/Euratom» sono soppresse;
g) al comma 4, secondo periodo, dopo le parole: «di rifiuti» sono
inserite le seguenti: «e di combustibile nucleare esaurito»;
h) dopo il comma 4, sono aggiunti i seguenti:
«4-bis. Con apposite prescrizioni da inserire nell’autorizzazione
di cui al comma 1, viene fatto obbligo agli operatori della
restituzione al Paese di origine, dei rifiuti radioattivi derivanti
da:
a) operazioni di trattamento su rifiuti radioattivi introdotti
nel territorio italiano destinati a tali operazioni o su altri
materiali ai fini del recupero di rifiuti radioattivi;
b) operazioni di ritrattamento sul combustibile nucleare
esaurito introdotto nel territorio italiano destinato a tali
operazioni.
4-ter. Le autorizzazioni di cui al comma 1 non possono essere
rifiutate:
a) per il ritorno al Paese di origine di rifiuti radioattivi
equivalenti a quelli che siano stati in precedenza spediti od
esportati ai fini del loro trattamento, nel rispetto della normativa
applicabile;
b) per il ritorno al Paese di origine dei rifiuti radioattivi e
degli altri materiali prodotti dal ritrattamento di combustibile
esaurito che sia stato effettuato in un Paese diverso, nel rispetto
della normativa applicabile;
c) per il ritorno dei rifiuti radioattivi e del combustibile
esaurito al detentore che ha effettuato la spedizione, nel caso in
cui questa non possa essere ultimata nei casi descritti nel decreto
di cui al comma 4, se la rispedizione e’ effettuata nelle stesse
condizioni e specifiche e nel rispetto della normativa applicabile.».
3. Dopo il comma 4 dell’articolo 137 del decreto legislativo 17
marzo 1995, n. 230, sono inseriti i seguenti:
«4-bis. Chi non ottempera agli obblighi di cui al comma 4-bis
dell’articolo 32 e’ punito con l’arresto da due a sei mesi o con
l’ammenda da dieci a quarantamila euro.
4-ter. Chi non osserva le particolari prescrizioni contenute
nell’autorizzazione di cui al comma 1 dell’articolo 32 e’ punito con
l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a ventimila euro.».
4. Al comma 1 dell’articolo 142 del decreto legislativo 17 marzo
1995, n. 230, le parole: «commi 1 e 2» sono sostituite dalle
seguenti: «comma 1».
5. L’Allegato II del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e’
sostituito dall’Allegato al presente decreto. Restano ferme le
disposizioni di cui al comma 7 dell’articolo 146 del medesimo decreto
legislativo n. 230 del 1995.
6. Dopo l’articolo 7 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230,
e’ inserito il seguente:

«Art. 7-bis.
Particolari definizioni concernenti le spedizioni, importazioni ed
esportazioni di rifiuti radioattivi e di combustibile nucleare
esaurito

1. Ferme restando le definizioni del decreto legislativo 6 febbraio
2007, n. 52, ai fini dell’applicazione dell’articolo 32 del presente
decreto valgono le seguenti specifiche definizioni:
a) rifiuti radioattivi: materiali radioattivi in forma gassosa,
liquida o solida per i quali non e’ previsto un ulteriore uso da
parte dei Paesi di origine e di destinazione o di una persona fisica
o giuridica la cui decisione e’ accettata da tali Paesi, e che sono
oggetto di controlli in quanto rifiuti radioattivi da parte di
un’Autorita’ di regolamentazione, secondo le disposizioni legislative
e regolamentari dei Paesi di origine e di destinazione;
b) combustibile esaurito: combustibile nucleare irraggiato e
successivamente rimosso in modo definitivo dal nocciolo di un
reattore; il combustibile esaurito puo’ essere considerato come una
risorsa usabile da ritrattare, oppure essere destinato allo
smaltimento definitivo, senza che siano previsti altri utilizzi, ed
essere trattato al pari di rifiuti radioattivi;
c) ritrattamento: un processo o un’operazione intesi ad estrarre
gli isotopi radioattivi dal combustibile esaurito per un ulteriore
uso;
d) smaltimento: il deposito di rifiuti radioattivi o di
combustibile esaurito in un impianto autorizzato, senza intenzione di
recuperarli;
e) stoccaggio: la conservazione di rifiuti radioattivi o di
combustibile esaurito in un impianto equipaggiato per il loro
confinamento, con l’intenzione di recuperarli successivamente;
f) detentore: qualsiasi persona fisica o giuridica che, prima di
effettuare una spedizione di rifiuti radioattivi o di combustibile
esaurito, e’ responsabile conformemente alla normativa applicabile
per tali materiali e preveda di effettuare una spedizione ad un
destinatario;
g) domanda debitamente compilata: il documento uniforme di cui
alla decisione della Commissione del 5 marzo 2008, relativa al
documento uniforme per la sorveglianza e il controllo delle
spedizioni di rifiuti radioattivi e di combustibile nucleare esaurito
di cui alla direttiva 2006/117/Euratom del Consiglio, del 20 novembre
2006, ed eventuali successive modifiche ed integrazioni.».
7. L’articolo 157 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e’
sostituito dal seguente:

«Art. 157.
Sorveglianza radiometrica su materiali o prodotti semilavorati
metallici

1. I soggetti che a scopo industriale o commerciale esercitano
attivita’ di importazione, raccolta, deposito o che esercitano
operazioni di fusione di rottami o altri materiali metallici di
risulta, sono tenuti ad effettuare una sorveglianza radiometrica sui
predetti materiali o prodotti al fine di rilevare la presenza di
livelli anomali di radioattivita’ o di eventuali sorgenti dismesse. A
tali obblighi sono altresi’ tenuti i soggetti che a scopo industriale
o commerciale esercitano attivita’ di importazione di prodotti
semilavorati metallici. La disposizione non si applica ai soggetti
che svolgono attivita’ che comportano esclusivamente il trasporto.
2. Ferme restando le disposizioni di cui al comma 3 dell’articolo
25, nei casi in cui le misure radiometriche indichino la presenza di
sorgenti o comunque livelli anomali di radioattivita’, individuati
secondo le norme di buona tecnica applicabili ovvero guide tecniche
emanate ai sensi dell’articolo 153, qualora disponibili, i soggetti
di cui al comma 1 debbono adottare, ai sensi dell’articolo 100, comma
3, le misure idonee ad evitare il rischio di esposizione delle
persone e debbono darne immediata comunicazione al Prefetto ed agli
organi del servizio sanitario nazionale competenti per territorio
che, in relazione al livello del rischio, ne danno comunicazione
all’ISPRA. Tale comunicazione deve essere altresi’ effettuata al
Comando provinciale dei Vigili del fuoco, alla regione o province
autonome ed all’Agenzie delle regioni e delle province autonome per
la protezione dell’ambiente competenti per territorio. Ai medesimi
obblighi e’ tenuto il vettore che, nel corso del trasporto, venga a
conoscenza della presenza di livelli anomali di radioattivita’ nei
predetti materiali o prodotti trasportati.
3. Ferme restando le disposizioni di cui all’articolo 14 del
decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 52, nei casi in cui le misure
radiometriche indichino la presenza di livelli anomali di
radioattivita’, i prefetti adottano, valutate le circostanze del caso
in relazione alla necessita’ di tutelare le persone e l’ambiente da
rischi di esposizione, i provvedimenti opportuni ivi compreso il
rinvio dell’intero carico o di parte di esso all’eventuale soggetto
estero responsabile del suo invio, con oneri a carico del soggetto
venditore. Il Ministero degli affari esteri provvedera’ ad informare
della restituzione dei carichi l’Autorita’ competente dello Stato
responsabile dell’invio.».

Avvertenza:

Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3 del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con d.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
modificate o alle quali e’ operato il rinvio. Restano
invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi
qui trascritti.
Per le direttive CEE vengono forniti gli estremi di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea
(GUUE).
Note alle premesse:
– L’art. 76 della Costituzione stabilisce che
l’esercizio della funzione legislativa non puo’ essere
delegato al Governo se non con determinazione di principi e
criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per
oggetti definiti.
– L’art. 87 della Costituzione conferisce, tra l’altro,
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi e di emanare i decreti aventi valore di legge ed i
regolamenti.
– Si riporta il testo dell’art. 22, commi 1, 2 e3 della
legge 25 febbraio 2008, n. 34, recante:
«Art. 22 (Disposizioni per l’adempimento di obblighi
derivanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunita’
europee. “Legge comunitaria 2007”). – 1. Il
Governo e’ delegato ad adottare, entro il termine e con le
modalita’ di cui all’art. 1, un decreto legislativo al fine
di dare organica attuazione alla direttiva 2006/117/EURATOM
del Consiglio, del 20 novembre 2006, relativa alla
sorveglianza ed al controllo delle spedizioni di rifiuti
radioattivi e di combustibile nucleare esaurito, ed allo
scopo di garantire l’adeguata protezione della popolazione
ai sensi dell’art. 1, paragrafo 1, della medesima
direttiva, nel rispetto dei seguenti principi e criteri
direttivi:
a) apportare le necessarie modifiche al decreto
legislativo 17 marzo 1995, n. 230, recante attuazione delle
direttive 89/618/EURATOM, 90/641/EURATOM, 92/3/EURATOM e
96/29/EURATOM, in materia di radiazioni ionizzanti;
b) assicurare, nelle procedure autorizzative, di
sorveglianza e controllo di cui al presente articolo, la
previsione di misure atte a garantire il rispetto delle
eventuali prescrizioni o condizioni fissate, nonche’ delle
disposizioni nazionali e comunitarie concernenti la
sicurezza dell’ambiente, l’adeguatezza delle condizioni di
smaltimento e stoccaggio del materiale a destinazione, la
tutela della salute dei lavoratori e delle popolazioni
interessate;
c) assicurare il pieno rispetto del principio di
informazione preventiva delle autorita’ locali sulle misure
di sorveglianza e controllo adottate nei casi di
spedizione, trasferimento e transito del materiale
radioattivo, con particolare riferimento ai provvedimenti
di protezione ambientale e sanitaria e al comportamento in
caso di emergenza;
d) prevedere, ai fini del consenso, del diniego o della
fissazione di condizioni per l’autorizzazione, criteri e
prescrizioni atti a ridurre al minimo l’impatto ambientale
e sanitario del materiale e delle spedizioni, nonche’
sanzioni efficaci, proporzionate e dissuasive in caso di
violazione delle disposizioni attuative della direttiva
2006/117/EURATOM;
e) fermo restando quanto previsto dalla legislazione
vigente in materia, assicurare adeguate forme di
consultazione e informazione di regioni ed enti locali con
riguardo a quanto previsto dalla direttiva
2006/117/EURATOM, con particolare riferimento alle domande,
autorizzazioni e spedizioni che interessano il territorio
di loro competenza;
f) prevedere adeguate misure di controllo relative alla
destinazione dei rifiuti radioattivi e alle tipologie e
caratteristiche delle discariche a cui vengono inviati gli
stessi rifiuti, ai fini della salvaguardia della salute
umana.
2. Nel rispetto del termine di cui al comma 1, lo schema
di decreto legislativo e’ trasmesso, oltre che alle
competenti Commissioni parlamentari, anche alla Conferenza
permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le
province autonome di Trento e di Bolzano, ai fini
dell’acquisizione del relativo parere.
3. Dall’attuazione del presente articolo non devono
derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza
pubblica».
– La direttiva 2006/117/Euratom e’ pubblicata nella
G.U.C.E. n. L.337 del 5 dicembre 2006.
– La legge 14 ottobre 1957, n. 1203, e’ pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale del 23 dicembre 1957, n. 317 S.O.
– La legge 31 dicembre 1962, n. 1860, e’ pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale del 30 gennaio 1963, n. 27.
– Il decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre
1965, n. 1704 e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9
maggio 1966, n. 112.
– Il decreto del Presidente della Repubblica 10 maggio
1975, n. 519, e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 6
novembre 1975, n. 294.
– La legge 23 agosto 1988, n. 400, e’ pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale del 12 settembre 1988, n. 214 S.O.
– Il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 13 giugno 1995, n.
136, S.O.
– La direttiva 89/618/ Euratom e’ pubblicata nella
G.U.C.E. n. L. 357 del 7 dicembre 1989.
– La direttiva 90/641/Euratom e’ pubblicata nella
G.U.C.E n. L. 349 del 13 dicembre 1990.
– La direttiva 92/3/Euratom e’ pubblicata nella G.U.C.E.
n. L. 35 del 12 febbraio 1992.
– La direttiva 96/29/Euratom e’ pubblicata nella
G.U.C.E. del 29 giugno 1996, n. 159.
– Il decreto legislativo 26 maggio 2000, n. 241, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 agosto 2000, n.
203 S.O.
– Il decreto legislativo 9 maggio 2001, n. 257, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 4 luglio 2001, n.
153.
– Il decreto legislativo 31 marzo1998, n. 112, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 21 aprile 1998, n.
92 S.O.
– La legge 15 marzo 1997, n. 59, recante: «Delega al
Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle
regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica
Amministrazione e per la semplificazione amministrativa.»
e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 17 marzo 1997,
n. 63, S.O.
– L’art. 38 e l’art. 8, comma 4, del decreto legislativo
30 luglio 1999, n. 300, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
30 agosto 1999, n. 203 S.O., cosi’ recitano:
«Art. 38 (Agenzia per la protezione dell’ambiente e per
i servizi tecnici) – 1. E’ istituita l’Agenzia per la
protezione dell’ambiente e per i servizi tecnici nelle
forme disciplinate dagli articoli 8 e 9.
2. L’Agenzia svolge i compiti e le attivita’
tecnico-scientifiche di interesse nazionale per la
protezione dell’ambiente, per la tutela delle risorse
idriche e della difesa del suolo, ivi compresi
l’individuazione e delimitazione dei bacini idrografici
nazionali e interregionali.
3. All’Agenzia sono trasferite le attribuzioni
dell’agenzia nazionale per la protezione dell’ambiente,
quelle dei servizi tecnici nazionali istituiti presso la
Presidenza del Consiglio dei Ministri, ad eccezione di
quelle del servizio sismico nazionale.
4. Lo statuto dell’Agenzia, emanato ai sensi dell’art.
8, comma 4, prevede l’istituzione di un consiglio federale
rappresentativo delle agenzie regionali per la protezione
dell’ambiente, con funzioni consultive nei confronti del
direttore generale e del comitato direttivo. Lo statuto
prevede altresi’ che il comitato direttivo sia composto di
quattro membri, di cui due designati dal Ministero
dell’ambiente e due designati dalla Conferenza permanente
per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano. Lo statuto disciplina
inoltre le funzioni e le competenze degli organismi sopra
indicati e la loro durata, nell’ambito delle finalita’
indicate dagli articoli 3, comma 5, e 1, comma 1, lettera
b), del decreto-legge 4 dicembre 1993, n. 496, convertito,
con modificazioni, dalla legge 21 gennaio 1994, n. 61.
5. Sono soppressi l’agenzia nazionale per la protezione
dell’ambiente, i servizi tecnici nazionali istituiti presso
la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il relativo
personale e le relative risorse sono assegnate all’Agenzia
.».
«4. Con regolamenti emanati ai sensi dell’art. 17, comma
2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del
presidente del consiglio dei ministri e dei ministri
competenti, di concerto con il Ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, sono emanati gli
statuti delle agenzie istituite dal presente decreto
legislativo, in conformita’ ai seguenti principi e criteri
direttivi:
a) definizione delle attribuzioni del direttore
generale dell’agenzia anche sulla base delle previsioni
contenute nel precedente art. 5 del presente decreto con
riferimento al capo del dipartimento;
b) attribuzione al direttore generale e ai dirigenti
dell’agenzia dei poteri e della responsabilita’ della
gestione, nonche’ della responsabilita’ per il
conseguimento dei risultati fissati dal Ministro competente
nelle forme previste dal presente decreto; nell’ambito, ove
possibile, di massimali di spesa predeterminati dal
bilancio o, nell’ambito di questo, dal Ministro stesso;
c) previsione di un comitato direttivo, composto da
dirigenti dei principali settori di attivita’ dell’Agenzia,
in numero non superiore a quattro, con il compito di
coadiuvare il direttore generale nell’esercizio delle
attribuzioni ad esso conferite;
d) definizione dei poteri ministeriali di vigilanza,
che devono comprendere, comunque, oltre a quelli
espressamente menzionati nel precedente comma 2:
d1) l’approvazione dei programmi di attivita’
dell’agenzia e di approvazione dei bilanci e rendiconti,
secondo modalita’ idonee a garantire l’autonomia
dell’agenzia;
d2) l’emanazione di direttive con l’indicazione degli
obiettivi da raggiungere;
d3) l’acquisizione di dati e notizie e l’effettuazione
di ispezioni per accertare l’osservanza delle prescrizioni
impartite;
d4) l’indicazione di eventuali specifiche attivita’ da
intraprendere;
e) definizione, tramite una apposita convenzione da
stipularsi tra il Ministro competente e il direttore
generale dell’agenzia, degli obiettivi specificamente
attribuiti a questa ultima, nell’ambito della missione ad
essa affidata dalla legge; dei risultati attesi in un arco
temporale determinato; dell’entita’ e delle modalita’ dei
finanziamenti da accordare all’Agenzia stessa; delle
strategie per il miglioramento dei servizi; delle modalita’
di verifica dei risultati di gestione; delle modalita’
necessarie ad assicurare al Ministero competente la
conoscenza dei fattori gestionali interni all’Agenzia,
quali l’organizzazione, i processi e l’uso delle risorse;
f) attribuzione all’agenzia di autonomia di bilancio,
nei limiti del fondo stanziato a tale scopo in apposita
unita’ previsionale di base dello stato di previsione del
ministero competente; attribuzione altresi’ all’agenzia di
autonomi poteri per la determinazione delle norme
concernenti la propria organizzazione ed il proprio
funzionamento, nei limiti fissati dalla successiva lettera
l);
g) regolazione su base convenzionale dei rapporti di
collaborazione, consulenza, assistenza, servizio, supporto,
promozione tra l’agenzia ed altre pubbliche
amministrazioni, sulla base di convenzioni quadro da
deliberarsi da parte del Ministro competente;
h) previsione di un collegio dei revisori, nominato con
decreto del Ministro competente, composto di tre membri,
due dei quali scelti tra gli iscritti all’albo dei revisori
dei conti o tra persone in possesso di specifica
professionalita’; previsione di un membro supplente;
attribuzione dei relativi compensi, da determinare con
decreto del Ministro competente di concerto con quello del
tesoro;
i) istituzione di un apposito organismo preposto al
controllo di gestione ai sensi del decreto legislativo di
riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di
monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei
risultati dell’attivita’ svolta dalle amministrazioni
pubbliche;
l) determinazione di una organizzazione dell’Agenzia
rispondente alle esigenze di speditezza, efficienza ed
efficacia dell’adozione amministrativa; attribuzione a
regolamenti interni di ciascuna agenzia, adottati dal
direttore generale dell’agenzia e approvati dal ministro
competente, della possibilita’ di adeguare l’organizzazione
stessa, nei limiti delle disponibilita’ finanziarie, alle
esigenze funzionali, e devoluzione ad atti di
organizzazione di livello inferiore di ogni altro potere di
organizzazione; applicazione dei criteri di mobilita’
professionale e territoriale previsti dal decreto
legislativo 3 febbraio 1993, n. 29 e successive
modificazioni e integrazioni;
m) facolta’ del direttore generale dell’agenzia di
deliberare e proporre all’approvazione del Ministro
competente, di concerto con quello del tesoro, regolamenti
interni di contabilita’ ispirati, ove richiesto
dall’attivita’ dell’agenzia, a principi civilistici, anche
in deroga alle disposizioni sulla contabilita’ pubblica
(10).».
– Il decreto del Presidente della Repubblica 8 agosto
2002, n. 207, e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 21
settembre 2002, n. 222 S.O.
– Il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9 maggio 2001, n.
106 S.O.
– Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
10 febbraio 2006 e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del
22 febbraio 2006, n. 44.
– Si riporta il testo dell’art. 125 del decreto
legislativo 17 marzo 1995, n. 230, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale del 13 giugno 1995, n. 136 S.O.:
«Art. 125 (Trasporto di materie radioattive). – 1. Con
decreto del Ministro per il coordinamento della protezione
civile, di concerto con i Ministri dell’ambiente,
dell’interno, della difesa, della sanita’, dei trasporti e
della navigazione, sentita l’ANPA, sono stabiliti i casi e
le modalita’ di applicazione delle disposizioni del
presente capo alle attivita’ di trasporto di materie
radioattive, anche in conformita’ alla normativa
internazionale e comunitaria di settore.
2. Il decreto di cui al comma 1 deve in particolare
prevedere i casi per i quali i termini del trasporto e la
relativa autorizzazione debbono essere preventivamente
comunicati alle autorita’ chiamate ad intervenire nel corso
dell’emergenza, nonche’ le relative modalita’ di
comunicazione.».
– Il decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 52 e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 24 aprile 2007, n.
95.
– La direttiva 2003/122/Euratom e’ pubblicata nella
G.U.C. E. n. L.346 del 31 dicembre 2003.
– La legge 6 agosto 2008, n. 113, di conversione, con
modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, e’
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 21 agosto 2008, n.
195 S.O.
Nota all’art. 1:

– Si riporta il testo del titolo del decreto legislativo
17 marzo 1995, n. 230, citato nelle premesse, cosi’ come
modificato dal presente decreto: «Attuazione delle
direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom e
2006/117/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti».
– Si riporta il testo dell’art. 32 del decreto
legislativo 17 marzo 1995, n. 230, citato nelle premesse,
cosi’ come modificato dal presente decreto:
«Art. 32 (Spedizioni, importazioni ed esportazioni di
rifiuti radioattivi “e di combustibile nucleare
esaurito”). – 1. Le spedizioni di rifiuti radioattivi
“e di combustibile nucleare esaurito“
provenienti da Stati membri dell’Unione europea o ad essi
destinate, le importazioni e le esportazioni dei rifiuti
“e di combustibile nucleare esaurito“ medesimi
da e verso altri Stati, nonche’ il loro transito sul
territorio italiano debbono essere preventivamente
autorizzati.
2. L’autorizzazione di cui al comma 1 e’ rilasciata da:
a) l’autorita’ preposta al rilascio del nulla osta di
cui all’art. 29 o dell’autorizzazione di cui all’art. 30,
sentiti i competenti organismi tecnici e le regioni o le
province autonome territorialmente competenti, ove queste
ultime non siano autorita’ competenti al rilascio
dell’autorizzazione stessa, nei casi di spedizioni,di
importazioni o di esportazioni da effettuare nell’ambito
delle attivita’ soggette ai provvedimenti autorizzativi di
cui agli articoli 29 e 30 o nell’ambito di attivita’ esenti
da detti provvedimenti: le regioni e le province autonome
formulano eventuali osservazioni entro il termine di dieci
giorni, trascorso il quale l’autorita’ procede;
b) il Ministero dello sviluppo economico, sentito
l’ISPRA, il Ministero del lavoro, della salute e delle
politiche sociali e la regione e le province autonome di
destinazione o provenienza, nei casi di spedizioni, di
importazioni o di esportazioni da effettuare nell’ambito
degli altri provvedimenti autorizzativi di cui al presente
decreto, nonche’ nel caso di transito nel territorio
italiano. Le regioni e le province autonome formulano
eventuali osservazioni entro il termine di dieci giorni,
trascorso il quale l’autorita’ procede.
3. Nei casi di spedizione verso Stati membri dell’Unione
europea e nei casi di importazione o di esportazione da o
verso altri Stati, l’autorizzazione e’ soggetta
all’approvazione da parte delle autorita’ competenti degli
Stati membri destinatari della spedizione o interessati dal
transito sul loro territorio. L’approvazione e’ richiesta
dall’autorita’ di cui al comma 2, competente al rilascio
dell’autorizzazione, e si intende concessa in caso di
mancata risposta entro due mesi dal ricevimento della
richiesta stessa, salvo che lo Stato membro interessato non
richieda una proroga, sino ad un mese, di tale termine .
4. Con decreto del Ministro dell’industria, del
commercio e dell’artigianato, di concerto con i Ministri
dell’interno, del lavoro e della previdenza sociale, della
sanita’ e dell’ambiente, sentita l’ANPA, sono determinati i
criteri, le modalita’, nonche’ le disposizioni procedurali
per il rilascio dell’autorizzazione di cui al presente
articolo. Tale decreto puo’ stabilire particolari esenzioni
dagli obblighi e particolari divieti per l’importazione e
l’esportazione di rifiuti, “di combustibile nucleare
esaurito“ anche in relazione ai paesi di origine o di
destinazione.
4-bis Con apposite prescrizioni da inserire
nell’autorizzazione di cui al comma 1, viene fatto obbligo
agli operatori della restituzione al Paese di origine, dei
rifiuti radioattivi derivanti da:
a) operazioni di trattamento su rifiuti radioattivi
introdotti nel territorio italiano destinati a tali
operazioni o su altri materiali ai fini del recupero di
rifiuti radioattivi;
b) operazioni di di ritrattamento sul combustibile
nucleare esaurito introdotto nel territorio italiano
destinato a tali operazioni.
4-ter. Le autorizzazioni di cui al comma 1 non possono
essere rifiutate:
a) per il ritorno al Paese di origine di rifiuti
radioattivi equivalenti a quelli che siano stati in
precedenza spediti od esportati ai fini del loro
trattamento, nel rispetto della normativa applicabile;
b) per il ritorno al Paese di origine dei rifiuti
radioattivi e degli altri materiali prodotti dal
ritrattamento di combustibile esaurito che sia stato
effettuato in un Paese diverso, nel rispetto della
normativa applicabile;
c) per il ritorno dei rifiuti radioattivi e del
combustibile esaurito al detentore che ha effettuato la
spedizione, nel caso in cui questa non possa essere
ultimata nei casi descritti nel decreto di cui al comma 4,
se la rispedizione e’ effettuata nelle stesse condizioni e
specifiche e nel rispetto della normativa applicabile.».
– Si riporta il testo dell’art. 137 del decreto
legislativo 17 marzo 1995, n. 230, citato nelle premesse,
cosi’ come modificato dal presente decreto:
«Art. 137 (Contravvenzioni al capo VI). – 1. L’impiego
di sorgenti di radiazioni di categoria A senza il
nulla-osta di cui all’art. 28, comma 1, e’ punito con
l’arresto da due a sei mesi o con l’ammenda da venti a
ottanta milioni; chi non osserva le particolari
prescrizioni di cui al nulla-osta e’ punito con l’arresto
fino a tre mesi o con l’ammenda da cinque a venti milioni.
2. L’impiego di sorgenti di radiazioni di categoria B
senza il nulla-osta di cui all’art. 29, comma 1, e’ punito
con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda da cinque a
venti milioni; chi non osserva le particolari prescrizioni
di cui al nulla-osta e’ punito con l’arresto fino a
quindici giorni o con l’ammenda da uno a cinque milioni.
3. Chi effettua lo smaltimento di rifiuti radioattivi
senza l’autorizzazione di cui all’art. 30, comma 1, e’
punito con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda da
cinque a venti milioni; chi non osserva le particolari
prescrizioni di cui all’autorizzazione e’ punito con
l’arresto fino a quindici giorni o con l’ammenda da uno a
cinque milioni.
4. Chi effettua le attivita’ di cui agli articoli 31,
comma 1, e 32, comma 1, senza le richieste autorizzazioni
e’ punito con l’arresto da due a sei mesi e con l’ammenda
da venti a ottanta milioni.
4-bis Chi non ottempera agli obblighi di cui al comma 4
dell’art. 32 e’ punito con l’arresto da due mesi o con
l’ammenda da dieci a quarantamila euro.
4-ter Chi non osserva le particolari prescrizioni
contenute nell’autorizzazione di cui al comma1 dell’art. 32
e’ punito con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda
fino a ventimila euro.
5. Colui il quale effettua una delle attivita’ di cui
all’art. 33, comma 1, senza il preventivo nulla-osta e’
punito con l’arresto da sei mesi a tre anni e l’ammenda da
venti a cento milioni; chi non osserva le particolari
prescrizioni di cui all’art. 33, comma 2, e’ punito con
l’arresto da due a sei mesi e con l’ammenda da venti a
ottanta milioni.
6. Chiunque viola gli obblighi di registrazione e di
riepilogo di cui all’art. 34, commi 1 e 2, e’ punito con
l’arresto fino a quindici giorni o con l’ammenda da uno a
cinque milioni.».
– Si riporta il testo dell’art. 142, comma 1, del
decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, citato nelle
premesse, cosi’ come modificato dal presente decreto:
«Art. 142 (Contravvenzioni al capo XII). – 1. Chiunque
viola l’obbligo di registrazione di cui all’art. 154, comma
3, o contravviene all’art. 157, “comma 1” e’
punito con l’arresto fino a quindici giorni o con l’ammenda
da uno a cinque milioni.».
– Si riporta il testo dell’art. 146, comma 7, del
decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, citato nelle
premesse:
«7. Sino all’emanazione del decreto di cui all’art. 32,
comma 4, valgono le disposizioni di cui all’allegato II.».
– Per il decreto legislativo n. 52 del 2007, si veda
nelle note alle premesse.
– Si riporta il testo dell’art. 153 del decreto
legislativo del 17 marzo 1995, n. 230, citato nelle
premesse:
«Art. 153 (Guide tecniche). – 1. L’ANPA, sentiti gli
altri enti ed organismi interessati, puo’ elaborare e
diffondere, a mezzo di guide, anche in relazione agli
standard internazionali, norme di buona tecnica in materia
di sicurezza nucleare e protezione sanitaria.».
– Si riporta il testo dell’art. 14 del decreto
legislativo 6 febbraio 2007, n. 52, citato nelle premesse:
«Art. 14 (Rinvenimento di sorgenti orfane ed
interventi). – 1. Il prefetto, nel rispetto del piano
nazionale di emergenza di cui all’art. 121 del decreto
legislativo n. 230 del 1995, predispone schemi di piano
d’intervento tipo per la messa in sicurezza in caso di
rinvenimento o di sospetto di presenza di sorgenti orfane
nel territorio della provincia, avvalendosi oltre che del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco, delle Agenzie
regionali per la protezione dell’ambiente, degli organi del
Servizio sanitario nazionale e per i profili di competenza
delle Direzioni provinciali del lavoro.
2. Il Comandante provinciale dei Vigili del fuoco attua,
ai sensi dell’art. 24, comma 2, lettera b), del decreto
legislativo 8 marzo 2006, n. 139, i primi interventi di
soccorso tecnico urgente nell’ambito del piano di
intervento di cui al comma 1.
3. L’ENEA e le Agenzie delle regioni e delle province
autonome per la protezione dell’ambiente, possono fornire
consulenza ed assistenza tecnica specialistica, al fine
della protezione dei lavoratori e della popolazione, a
persone esercenti attivita’ non soggette alle disposizioni
di radioprotezione recate dal decreto legislativo n. 230
del 1995 e dal presente decreto, quando esse sospettino la
presenza di una sorgente orfana.
4. Nei casi in cui le misure radiometriche indichino la
presenza di una o piu’ sorgenti orfane nei carichi di
rottami metallici o altri materiali metallici di risulta
introdotti in Italia da soggetti con sede o stabile
organizzazione fuori dal territorio italiano, anche
appartenenti a Stati membri della Unione europea, le
autorita’ di cui al comma 1 dispongono, valutate le
circostanze del caso in relazione alla necessita’ di
tutelare le persone e l’ambiente da rischi di esposizione,
che la sorgente orfana, o le sorgenti orfane, o l’intero
carico o parte di esso sia rinviato al soggetto
responsabile dell’invio del carico stesso in Italia. Il
soggetto estero e’ responsabile anche per quanto riguarda
gli oneri inerenti il rinvio del carico medesimo. Il
Ministero degli affari esteri, ai sensi dell’art. 18,
provvedera’ ad informare del respingimento del carico la
competente autorita’ dello Stato responsabile dell’invio
del carico.».

Art. 2.

Regime transitorio per i provvedimenti autorizzativi
di cui all’articolo 32 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230

1. Le disposizioni del presente decreto non si applicano alle
spedizioni oggetto della medesima domanda di autorizzazione di cui al
comma 1 dell’articolo 32 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n.
230, debitamente approvata dall’Autorita’ competente del Paese di
origine od alla stessa trasmessa, prima della data di entrata in
vigore del presente decreto.
2. In sede di accettazione delle domande di autorizzazione di cui
al comma 1 dell’articolo 32 del decreto legislativo n. 230 del 1995,
presentate prima della data di entrata in vigore del presente
decreto, riguardanti piu’ spedizioni verso un Paese terzo di
destinazione, l’Autorita’ competente italiana deve tenere conto di
tutte le circostanze del caso, e in particolare:
a) del calendario previsto per l’effettuazione di tutte le
spedizioni oggetto della medesima domanda debitamente compilata;
b) della giustificazione fornita a proposito dell’inclusione di
tutte le spedizioni in un’unica domanda debitamente compilata;
c) dell’opportunita’ di autorizzare per un numero di spedizioni
inferiore a quello cui si riferisce la domanda debitamente compilata.

Nota all’art. 2:

– Per il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, art.
32, comma 1, si veda nelle note all’art. 1.

Art. 3.

Regime transitorio per le disposizioni di cui all’articolo 157
del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230

1. Le disposizioni di cui all’articolo 157 ed al comma 1
dell’articolo 142 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, come
modificate dai commi 4 e 7 dell’articolo 1, si applicano dodici mesi
dopo la data di entrata in vigore del presente decreto.

Nota all’art. 3:

– Si riporta il testo dell’art. 157 del decreto
legislativo 17 marzo 1995, n. 230, citato nelle premesse:
«Art. 157 (Sorveglianza radiometrica su materiali). – 1.
I soggetti che, a scopo industriale o commerciale, compiono
operazioni di fusione di rottami o di altri materiali
metallici di risulta sono tenuti ad effettuare una
sorveglianza radiometrica sui predetti materiali e rottami,
al fine di rilevare la presenza in essi di eventuali
sorgenti dismesse. Nel caso di ritrovamento si applica
quanto disposto dall’art. 25, comma 3.
2. Agli obblighi di cui al comma 1 sono altresi’ tenuti
i soggetti che esercitano attivita’, a scopo commerciale,
comportanti la raccolta ed il deposito dei predetti
materiali e rottami. Sono escluse le attivita’ che
comportano esclusivamente il trasporto.
3. Con decreto del Ministro della sanita’, di concerto
con i Ministri dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, del lavoro e della previdenza sociale e
dell’ambiente, sentita l’ANPA, sono stabilite le condizioni
di applicazione del presente articolo, indipendentemente
dal verificarsi delle condizioni fissate ai sensi delle
disposizioni di cui all’art. 1, e le eventuali esenzioni.».
– Per il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 230, art.
142, comma 1, si veda nelle note all’art. 1.

Art. 4.

Invarianza degli oneri

1. Le Amministrazioni ed i soggetti pubblici provvedono
all’attuazione del presente decreto senza nuovi o maggiori oneri per
la finanza pubblica e con le dotazioni umane, strumentali e
finanziarie disponibili a legislazione vigente.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi’ 20 febbraio 2009

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri

Ronchi, Ministro per le politiche
europee
Scajola, Ministro dello sviluppo
economico
Prestigiacomo, Ministro
dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare
Maroni, Ministro dell’interno
Sacconi, Ministro del lavoro, della
salute e delle politiche sociali
Frattini, Ministro degli affari
esteri
Alfano, Ministro della giustizia
Tremonti, Ministro dell’economia e
delle finanze

Visto, il Guardasigilli: Alfano

Allegato

—-> Vedere Allegato da pag. 5 a pag. 37 <----

DECRETO LEGISLATIVO 20 febbraio 2009, n. 23 – Attuazione della direttiva 2006/117/Euratom, relativa alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti radioattivi e di combustibile nucleare esaurito. (GU n. 68 del 23-3-2009

Edilone.it