DECRETO-LEGGE 3 aprile 2006, n.136 | Edilone.it

DECRETO-LEGGE 3 aprile 2006, n.136

DECRETO-LEGGE 3 aprile 2006, n.136 - Proroga di termini in materia di ammortizzatori sociali. (GU n. 78 del 3-4-2006)

DECRETO-LEGGE 3 aprile 2006, n. 136
Proroga di termini in materia di ammortizzatori sociali.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
Ritenuta la straordinaria necessita’ ed urgenza di emanare
disposizioni per garantire il reimpiego di lavoratori
ultracinquantenni e per incrementare il finanziamento degli
interventi a favore delle imprese in difficolta’;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 29 marzo 2006;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro del lavoro e delle politiche sociali;

E m a n a
il seguente decreto-legge:

Art. 1.
1. All’articolo 1, comma 410, primo periodo, della legge 23
dicembre 2005, n. 266, dopo le parole: «entro il 31 dicembre 2006»,
sono inserite le seguenti: «e, per gli accordi governativi di settore
o di area, fino al 31 dicembre 2007,».
2. All’articolo 1, comma 1, primo periodo, del decreto-legge 6
marzo 2006, n. 68, convertito, con modificazioni, dalla legge 24
marzo 2006, n. 127, le parole: «31 marzo 2006» sono sostituite dalle
seguenti: «31 maggio 2006» ed al quarto periodo le parole: «15 aprile
2006» sono sostituite dalle seguenti: «15 giugno 2006».

Art. 2.
1. Il Fondo per il finanziamento degli interventi consentiti dagli
orientamenti UE sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la
ristrutturazione delle imprese in difficolta’ di cui all’articolo 11,
comma 3, del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80, e’ incrementato per
l’anno 2006 di un importo pari a 15 milioni di euro.
2. All’onere derivante dall’attuazione del comma 1, pari a 15
milioni di euro per l’anno 2006, si provvede mediante corrispondente
riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale
2006-2008, nell’ambito dell’unita’ previsionale di base di parte
capitale «Fondo speciale» dello stato di previsione del Ministero
dell’economia e delle finanze per l’anno 2006, utilizzando parte
dell’accantonamento relativo al Ministero medesimo.
3. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad
apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Art. 3.
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e
sara’ presentato alle Camere per la conversione in legge.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.
Dato a Roma, addi’ 3 aprile 2006
CIAMPI
Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri
Maroni, Ministro del lavoro e delle
politiche sociali

Visto, il Guardasigilli: Castelli

DECRETO-LEGGE 3 aprile 2006, n.136

Edilone.it