DECRETO-LEGGE 3 Agosto 2007, n. 117 - Disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione. (GU n. 180 del 4-8-2007 | Edilone.it

DECRETO-LEGGE 3 Agosto 2007, n. 117 – Disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione. (GU n. 180 del 4-8-2007

DECRETO-LEGGE 3 Agosto 2007, n. 117 - Disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione. (GU n. 180 del 4-8-2007 )

DECRETO-LEGGE 3 Agosto 2007 , n. 117

Disposizioni urgenti modificative del codice della strada per
incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, recante nuovo
Codice della strada, e successive modificazioni;
Ritenuta la straordinaria necessita’ ed urgenza di introdurre norme
modificative del Codice della strada, al fine di contenere il
crescente tasso di incidentalita’ sulle strade, sia individuando
linee di intervento preventivo, sia inasprendo il regime
sanzionatorio connesso alle violazioni che comportino maggior
incidenza di rischio per la sicurezza stradale, nonche’ ulteriori
norme preordinate alla stessa finalita’;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 3 agosto 2007;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro dei trasporti, di concerto con i Ministri dell’interno,
della giustizia e della salute;

E m a n a
il seguente decreto-legge:

Art. 1.
Disposizioni in materia di guida senza patente

1. All’articolo 116 del decreto legislativo n. 285 del 1992, e
successive modificazioni, il comma 13 e’ sostituito dal seguente:
“13. Chiunque guida autoveicoli o motoveicoli senza aver conseguito
la patente di guida e’ punito con l’ammenda da euro 2.257 a euro
9.032; la stessa sanzione si applica ai conducenti che guidano senza
patente perche’ revocata o non rinnovata per mancanza dei requisiti
previsti dal presente codice. Nell’ipotesi di reiterazione del reato
nel biennio si applica altresi’ la pena dell’arresto fino ad un anno.
Per le violazioni di cui al presente comma e’ competente il tribunale
in composizione monocratica.”.

Art. 2.
Disposizioni in materia di limitazioni alla guida

1. All’articolo 117 del decreto legislativo n. 285 del 1992, e
successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) il comma 1 e’ sostituito del seguente:
“1. E’ consentita la guida dei motocicli ai titolari di patente A,
rilasciata alle condizioni e con le limitazioni dettate dalle
disposizioni comunitarie in materia di patenti.”;
b) dopo il comma 2 e’ inserito il seguente:
“2-bis. Ai titolari di patente di guida di categoria B, per i primi
tre anni dal rilascio non e’ consentita la guida di autoveicoli
aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 50
kw/t. La limitazione di cui al presente comma non si applica ai
veicoli adibiti al servizio di persone invalide, autorizzate ai sensi
dell’articolo 188, purche’ la persona invalida sia presente sul
veicolo.”;
c) al comma 3, primo periodo, le parole: “ai commi 1 e 2” sono
sostituite dalle seguenti: “ai commi 1, 2 e 2-bis”;
d) al comma 5, primo periodo, le parole: “e comunque prima di
aver raggiunto l’eta’ di venti anni,” sono soppresse e le parole: “da
euro 74 a euro 296” sono sostituite dalle seguenti: “da euro 148 a
euro 594”.
2. Le disposizioni del comma 2-bis dell’articolo 117 del decreto
legislativo n. 285 del 1992, introdotto dal comma 1, lettera b), del
presente articolo, si applicano ai titolari di patente di guida di
categoria B rilasciata a fare data dal centottantesimo giorno
successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto.
3. All’articolo 170 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285,
e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:
a) dopo il comma 1 e’ inserito il seguente:
“1-bis. Sui veicoli di cui al comma 1 e’ vietato il trasporto di
minori di anni quattro.”;
b) dopo il comma 6 e’ inserito il seguente:
“6-bis. Chiunque viola le disposizioni del comma 1-bis e’ soggetto
alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 148 a
euro 594.”.

Art. 3.
Disposizioni in materia di velocita’ dei veicoli

1. All’articolo 142 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285,
e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 6, dopo le parole: “le risultanze di apparecchiature
debitamente omologate,” sono inserite le seguenti: “anche per il
calcolo della velocita’ media di percorrenza su tratti determinati,”;
b) dopo il comma 6 e’ inserito il seguente:
“6-bis. Le postazioni di controllo sulla rete stradale per il
rilevamento della velocita’ devono essere preventivamente segnalate e
ben visibili, ricorrendo all’impiego di cartelli o di dispositivi di
segnalazione luminosi, conformemente alle norme stabilite nel
regolamento di esecuzione del presente codice. Le modalita’ di
impiego sono stabilite con decreto del Ministro dei trasporti, di
concerto con il Ministro dell’interno.”;
c) il comma 9 e’ sostituito dai seguenti:
“9. Chiunque supera di oltre 40 km/h ma di non oltre 60 km/h i
limiti massimi di velocita’ e’ soggetto alla sanzione amministrativa
del pagamento di una somma da euro 370,00 a euro 1.458,00. Dalla
violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della
sospensione della patente di guida da tre a sei mesi, ai sensi delle
norme di cui al capo I, sezione II, del titolo VI.
9-bis. Chiunque supera di oltre 60 km/h i limiti massimi di
velocita’ e’ soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di
una somma da euro 500 a euro 2.000. Dalla violazione consegue la
sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di
guida da sei a dodici mesi, ai sensi delle norme di cui al capo I,
sezione II, del titolo VI.”;
d) il comma 11 e’ sostituito dal seguente:
“11. Se le violazioni di cui ai commi 7, 8, 9 e 9-bis sono commesse
alla guida di uno dei veicoli indicati al comma 3, lettere b), e),
f), g), h), i) e l) le sanzioni amministrative pecuniarie e quelle
accessorie ivi previste sono raddoppiate. L’eccesso di velocita’
oltre il limite al quale e’ tarato il limitatore di velocita’ di cui
all’articolo 179 comporta, nei veicoli obbligati a montare tale
apparecchio, l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie
previste dai commi 2-bis e 3 del medesimo articolo 179, per il caso
di limitatore non funzionante o alterato. E’ sempre disposto
l’accompagnamento del mezzo presso un’officina autorizzata, per i
fini di cui al comma 6-bis del citato articolo 179.”;
e) il comma 12 e’ sostituito dal seguente:
“12. Quando il titolare di una patente di guida sia incorso, in un
periodo di due anni, in una ulteriore violazione del comma 9, la
sanzione amministrativa accessoria e’ della sospensione della patente
da otto a diciotto mesi, ai sensi delle norme di cui al capo I,
sezione II, del titolo VI. Quando il titolare di una patente di guida
sia incorso, in un periodo di due anni, in una ulteriore violazione
del comma 9-bis, la sanzione amministrativa accessoria e’ la revoca
della patente, ai sensi delle norme di cui al capo I, sezione II, del
titolo VI.”.
2. Alla tabella dei punteggi allegata all’articolo 126-bis del
decreto legislativo n. 285 del 1992, e successive modificazioni, le
parole:

=====================================================================
{Norma violata | Punti
=====================================================================
Art. 142, comma 8 | 2
comma 9 | 10}

sono sostituite dalle seguenti:
=====================================================================
{Norma violata | Punti
=====================================================================
Art. 142, comma 8 | 5
commi 9 e 9-bis | 10}.

3. All’attuazione delle disposizioni introdotte dal comma 1 del
presente articolo si provvede nell’ambito delle risorse finanziarie
disponibili a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri per
la finanza pubblica.

Art. 4.
Disposizioni in materia di uso dei dispositivi radiotrasmittenti
durante la guida

1. Il comma 3 dell’articolo 173 del decreto legislativo n. 285 del
1992, e successive modificazioni, e’ sostituito dai seguenti:
“3. Chiunque viola le disposizioni di cui al comma 1 e’ soggetto
alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 70,00
a euro 285,00.
3-bis. Chiunque viola le disposizioni di cui al comma 2 e’ soggetto
alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro
148,00 a euro 594,00. Si applica la sanzione amministrativa
accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre
mesi, qualora lo stesso soggetto compia un’ulteriore violazione nel
corso di un biennio.”.
2. Alla tabella dei punteggi allegata all’articolo 126-bis del
decreto legislativo n. 285 del 1992, e successive modificazioni, le
parole:
=====================================================================
{Norma violata | Punti
=====================================================================
Art. 173, comma 3 | 5}

sono sostituite dalle seguenti:
=====================================================================
{Norma violata | Punti
==============================================================…

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO-LEGGE 3 Agosto 2007, n. 117 – Disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione. (GU n. 180 del 4-8-2007

Edilone.it