D.M. 26 giugno 1984 | Edilone.it

D.M. 26 giugno 1984

D.M. 26 giugno 1984 (Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 234 del 25 agosto 1984) «Classificazione di reazione al fuoco e omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi»
Lettera Circolare

Nelle more della loro pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana si trasmettono in allegato i seguenti
elenchi:- Elenco dei Laboratori provvisoriamente autorizzati ad
emettere certificazioni di reazione al fuoco di cui al D.M. 26 giugno
1984.- Elenco dei materiali omologati, ai sensi del D.M. 26 giugno
1984, dalla data di compilazione del primo elenco, pubblicato sulla
Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 266 del 12 novembre
1985, sino alla data del 15 aprile 1986. (Pubblicato su S.O. G.U. n.
200 del 29 agosto 1986).Con l’occasione si ritiene utile sottolineare
che la certificazione rilasciata dai predetti Laboratori, in assenza
dell’atto di omologazione o di quello di estensione di omologazione
emesso da questo Ministero, non costituisce di per sé, documentazione
sufficiente per il riconoscimento dei materiali come appartenenti ad
una determinata classe di reazione al fuoco salvo i casi previsti
dall’articolo 10 del D.M 26 giugno 1984.Pertanto il certificato di
omologazione (o di estensione di omologazione) rilasciato da questo
Ministero, con le specificazioni in esso contenute, è l’unico atto
idoneo per consentire l’impiego di un determinato materiale, in
relazione alla classe di reazione al fuoco ad esso attribuita, nelle
attività regolate da particolari norme di prevenzione incendi in
materia.I materiali di cui trattasi comunque devono risultare muniti
anche di marchio o di dichiarazione di conformità ai sensi di quanto
stabilito dal punto 8.4. del D.M. 26 giugno 1984.Restano peraltro
valide le puntualizzazioni e le procedure di cui al punto 2) della
circolare n. 27 MI.SA. (85) 7 del 21 settembre 1985.I Comandi
provinciali dei vigili del fuoco sono invitati ad accertare
l’esistenza delle condizioni innanzi richiamate per materiali ed
arredi cui sono richieste determinate caratteristiche di reazione al
fuoco ai fini del loro impiego.

D.M. 26 giugno 1984

Edilone.it