COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE | Edilone.it

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE - DELIBERAZIONE 4 dicembre 2003: Regolamento sulle procedure relative alle modifiche degli statuti dei fondi pensione negoziali e alle convenzioni di cui all'art. 6 del decreto legislativo 21 aprile 1993, n. 124. (GU n. 291 del 16-12-2003)

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

DELIBERAZIONE 4 dicembre
2003

Regolamento sulle procedure relative alle modifiche degli
statuti dei
fondi pensione negoziali e alle convenzioni di cui
all’art. 6 del
decreto legislativo 21 aprile 1993, n. 124.

Titolo
I
Procedura relativa alle modifiche statutarie dei fondi
pensionenegoziali di cui all’art. 3 del decreto n. 124/1993

LA COMMISSIONE DI VIGILANZA
SUI
FONDI PENSIONE

Visto il decreto legislativo 21 aprile 1993, n.
124, e successive
modifiche ed integrazioni (di seguito «decreto n.
124/1993»), con il
quale sono disciplinate le forme pensionistiche
complementari ed e’
stata istituita la Commissione di vigilanza sui
fondi pensione (di
seguito «COVIP»), dotata di personalita’
giuridica di diritto
pubblico;
Visto l’art. 17, comma 2, lettera
b), del decreto n. 124/1993 che
attribuisce, tra l’altro, alla COVIP
la competenza ad approvare gli
statuti dei fondi pensione;
Visto
l’art. 17, comma 2, lettera f), del decreto n. 124/1993
che
attribuisce alla COVIP la competenza ad autorizzare
preventivamente
le convenzioni per la gestione delle risorse dei
fondi pensione
negoziali sulla base della corrispondenza ai criteri
di cui all’art.
6 del decreto medesimo nonche’ agli schemi definiti
d’intesa con le
autorita’ di vigilanza dei soggetti abilitati a
gestire le risorse
dei fondi;
Vista la legge 7 agosto 1990, n.
241, recante norme in materia di
procedimento amministrativo e di
diritto di accesso ai documenti
amministrativi;
Visto il decreto
del Ministro del lavoro e della previdenza sociale
14 gennaio 1997,
n. 211 (di seguito «decreto ministeriale lavoro n.
211/1997»);
Visto
lo schema di convenzione per la gestione delle risorse dei
fondi
pensione in regime di contribuzione definita, approvato dalla
COVIP
il 7 gennaio 1998 e, in particolare, l’art. 2 del predetto
schema
relativo alle linee di indirizzo della gestione;
Visto il
regolamento sulle procedure per l’approvazione delle
modifiche
degli statuti dei fondi pensione e per l’autorizzazione
delle
convenzioni di cui all’art. 6 del decreto n. 124/1993, adottato
dalla
COVIP con delibera del 28 luglio 1999;
Ritenuto opportuno
procedere ad una revisione del predetto
regolamento, al fine di
pervenire ad una complessiva semplificazione
delle procedure ivi
previste in riferimento ai fondi pensione di cui
all’art. 3 del
decreto n. 124/1993 (di seguito «fondi pensione
negoziali»),
inclusi quelli risultanti da operazioni di
trasformazione
conseguenti a modifiche delle fonti istitutive che
comportino una
variazione delle categorie dei soggetti beneficiari e
diano luogo
all’istituzione di nuovi fondi pensione, secondo quanto
previsto
dall’art. 1 del decreto ministeriale lavoro n. 211/1997;
Considerata
l’esigenza, in tale ambito, di distinguere le modalita’
procedurali da
seguire in funzione del contenuto delle modifiche;

A d o t t a
il seguente regolamento:

Art. 1.
Presentazione
dell’istanza di approvazione
1. Ai fini dell’approvazione delle
modifiche statutarie deliberate
dall’organo competente, i fondi
pensione negoziali devono presentare
alla COVIP apposita istanza, a
firma del legale rappresentante.
2. All’istanza devono essere
allegati i seguenti documenti:
a) copia, certificata conforme
dal legale rappresentante del
fondo, del verbale dell’assemblea,
o della riunione dell’organo
competente, nella quale e’ stata
deliberata la modifica dello
statuto;
b) una relazione
dell’organo di amministrazione nella quale sono
illustrate le
motivazioni della modifica stessa;
c) documento di confronto
tra il testo vigente degli
articoli oggetto di modifica ed
il nuovo testo degli stessi con
evidenza delle modifiche apportate,
firmato su ogni pagina dal legale
rappresentante;
d) scheda
informativa per la raccolta delle adesioni aggiornata,
nel caso di
modifiche statutarie che comportino anche una variazione
delle
informazioni ivi contenute.
3. L’istanza si intende ricevuta
nel giorno in cui e’ stata
presentata o e’ pervenuta alla COVIP per
lettera raccomandata a.r.

Art.
2.
Procedura e termini per l’approvazione
1. La
COVIP, entro novanta giorni dal ricevimento dell’istanza e
della
prescritta documentazione, approva la modifica dello statuto
del
fondo pensione ovvero nega l’approvazione.
2. Qualora la
documentazione prodotta risulti incompleta o
insufficiente, la
COVIP procede a richiedere i necessari elementi
integrativi. La
COVIP puo’ inoltre formulare rilievi ovvero
richiedere le
ulteriori informazioni ritenute necessarie o opportune.
Nelle
predette ipotesi, il termine di cui al comma precedente
e’
interrotto o sospeso, come precisato nelle lettere con cui
vengono
richiesti elementi documentali o informazioni integrative
ovvero sono
formulati rilievi.
3. Laddove particolari evenienze o
esigenze istruttorie impediscano
di rispettare il termine di cui al
comma 1, la COVIP rappresentera’
al soggetto istante tale
situazione, motivandola, e indichera’ il
nuovo termine del
procedimento, che non potra’, comunque, essere
superiore ad
ulteriori centoventi giorni.
4. Entro sessanta giorni dalla
comunicazione di approvazione della
modifica statutaria, i fondi
devono trasmettere alla COVIP il nuovo
testo integrale dello statuto,
su supporto cartaceo, firmato su ogni
pagina dal legale
rappresentante, e su supporto informatico, ovvero
trasmetterlo in
via telematica, secondo le forme e le specifiche
tecniche indicate
dalla COVIP.

Art. 3.
Modifiche
statutarie finalizzate all’adeguamento a disposizioni

sopravvenute
1. Nel caso in cui le modifiche
siano finalizzate ad adeguare lo
statuto a sopravvenute disposizioni
normative ovvero a disposizioni,
istruzioni o indicazioni della
COVIP, i fondi pensione negoziali, in
luogo dell’istanza di cui al
precedente art. 1, presentano alla COVIP
una comunicazione a
firma del legale rappresentante inerente
all’avvenuta delibera
di modifica, entro sessanta giorni dalla
delibera stessa.
2.
Alla comunicazione devono essere allegati i seguenti documenti:
a)
copia, certificata conforme dal legale rappresentante del
fondo,
del verbale dell’assemblea, o della riunione
dell’organo
competente, nella quale e’ stata deliberata la
modifica dello
statuto;
b) una dichiarazione del legale
rappresentante del fondo
attestante che la modifica e’ stata
effettuata al fine di adeguare lo
statuto a sopravvenute disposizioni
normative o della COVIP;
c) documento di confronto tra il
testo vigente degli
articoli oggetto di modifica ed il nuovo
testo degli stessi con
evidenza delle modifiche apportate, firmato su
ogni pagina dal legale
rappresentante;
d) nuovo testo integrale
dello statuto, su supporto cartaceo,
firmato su ogni pagina dal
legale rappresentante, e su supporto
informatico, ovvero trasmesso
in via telematica, secondo le forme e
le specifiche tecniche indicate
dalla COVIP;
e) scheda informativa per la raccolta delle adesioni
aggiornata,
nel caso di modifiche statutarie che comportino anche una
variazione
delle informazioni ivi contenute.

Art. 4.
Modifiche statutarie finalizzate all’istituzione
di una pluralita’ di
linee di investimento ovvero alla variazione
del numero o della
tipologia delle linee di investimento gia’
istituite
1. Nel caso in cui le modifiche statutarie siano
finalizzate
all’istituzione di una pluralita’ di linee di
investimento ovvero
alla variazione del numero o della
tipologia delle linee di
investimento gia’ istituite, i fondi
pensione negoziali, in luogo
dell’istanza di cui al precedente art.
1, presentano alla COVIP una
comunicazione a firma del legale
rappresentante inerente all’avvenuta
delibera di modifica, entro
sessanta giorni dalla delibera stessa.
2. Alla comunicazione devono
essere allegati i seguenti documenti:
a) copia, certificata
conforme dal legale rappresentante del
fondo, del verbale
dell’assemblea, o della riunione dell’organo
competente, nella
quale e’ stata deliberata la modifica dello
statuto;
b) una
relazione dell’organo di amministrazione del fondo nella
quale sono
dettagliatamente illustrate le motivazioni della modifica,
le
valutazioni compiute in ordine alle caratteristiche
della
popolazione di riferimento e ai relativi bisogni
previdenziali, le
modalita’ di attuazione nei confronti degli
iscritti delle modifiche
stesse, la politica di investimento
prefigurata per ogni linea di
investimento;
c) documento di
confronto tra il testo vigente degli
articoli oggetto di
modifica ed il nuovo testo degli stessi con
evidenza delle
modifiche apportate, firmato su ogni pagina dal
legale
rappresentante;
d) nuovo testo integrale dello statuto,
su supporto cartaceo,
firmato su ogni pagina dal legale
rappresentante, e su supporto
informatico, ovvero trasmesso in via
telematica, secondo le forme e
le specifiche tecniche indicate dalla
COVIP;
e) scheda informativa per la raccolta delle adesioni
aggiornata.
3. Le modifiche statutarie di cui al presente
articolo hanno
effetto dal giorno in cui e’ stata adottata la
relativa delibera
ovvero da data successiva espressamente
indicata nella delibera
stessa.

Titolo II
Procedura…

[Continua nel file zip allegato]

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

Edilone.it