COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 29 Gennaio 2004: Assegnazione definitiva dell'importo di 100 milioni di euro al rafforzamento della societa' dell'informazione per il triennio 2003-2005 | Edilone.it

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 29 Gennaio 2004: Assegnazione definitiva dell’importo di 100 milioni di euro al rafforzamento della societa’ dell’informazione per il triennio 2003-2005

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 29 Gennaio 2004: Assegnazione definitiva dell'importo di 100 milioni di euro al rafforzamento della societa' dell'informazione per il triennio 2003-2005 (delibera n. 17/2003, punto 4.1.2. b). (Deliberazione n. 8/2004). (GU n. 137 del 14-6-2004 )

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 29 Gennaio 2004

Assegnazione definitiva dell’importo di 100 milioni di euro al
rafforzamento della societa’ dell’informazione per il triennio
2003-2005 (delibera n. 17/2003, punto 4.1.2. b). (Deliberazione n.
8/2004).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto il decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito nella
legge 19 dicembre 1992, n. 488, concernente modifiche alla legge
1° marzo 1986, n. 64, che disciplina l’intervento straordinario nel
Mezzogiorno;
Visto il decreto legislativo 3 aprile 1993, n. 96, concernente la
cessazione dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno ed in
particolare l’art. 19, comma 5, che istituisce un fondo cui
affluiscono le disponibilita’ di bilancio per il finanziamento delle
iniziative nelle aree depresse del Paese;
Visto il decreto-legge 8 febbraio 1995, n. 32, convertito nella
legge 7 aprile 1995, n. 104, recante norme per l’avvio
dell’intervento ordinario nelle aree depresse del territorio
nazionale;
Visti il decreto-legge 23 febbraio 1995, n. 41, convertito nella
legge 22 marzo 1995, n. 85, il decreto-legge 23 giugno 1995, n. 244,
convertito nella legge 8 agosto 1995, n. 341, il decreto-legge
23 ottobre 1996, n. 548, convertito nella legge 20 dicembre 1996, n.
641, il decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito nella legge 23
maggio 1997, n. 135 e la legge 30 giugno 1998, n. 208, provvedimenti
tutti intesi a finanziare la realizzazione di iniziative dirette a
favorire lo sviluppo sociale ed economico delle aree depresse;
Viste inoltre le leggi 23 dicembre 1998, n. 449 (finanziaria 1999),
23 dicembre 1999, n. 488 (finanziaria 2000), 23 dicembre 2000, n. 388
(finanziaria 2001) e 28 dicembre 2001, n. 448 (finanziaria 2002), che
recano fra l’altro autorizzazioni di spesa volte ad assicurare il
rifinanziamento della predetta legge n. 208/1998 per la prosecuzione
degli interventi nelle aree depresse;
Visto, in particolare, l’art. 73 della citata legge finanziaria
2002 che stabilisce criteri e modalita’ di assegnazione delle risorse
aggiuntive disponibili per interventi nelle aree depresse, a titolo
di rifinanziamento della legge n. 208/1998 volti a promuovere lo
sviluppo economico e la coesione e a superare gli squilibri economici
e sociali presenti nel Paese, privilegiando gli obiettivi
dell’avanzamento progettuale, della coerenza programmatica – con
particolare riferimento ai principi comunitari – e della premialita’;
Visti gli articoli 60 e 61 della legge 27 dicembre 2002, n. 289
(finanziaria 2003), con i quali vengono istituiti, presso il
Ministero dell’economia e delle finanze e il Ministero delle
attivita’ produttive, i fondi per le aree sottoutilizzate
(coincidenti con l’ambito territoriale delle aree depresse di cui
alla legge n. 208/1998 e al citato Fondo istituito dall’art. 19,
comma 5, del decreto legislativo n. 96/1993) nei quali si concentra e
si da’ unita’ programmatica e finanziaria all’insieme degli
interventi aggiuntivi, a finanziamento nazionale, che, in attuazione
dell’art. 19, comma 5, della carta Costituzionale, sono rivolti al
riequilibrio economico e sociale fra aree del Paese;
Visto in particolare il comma 3, lettera a), del citato art. 61
della legge n. 289/2002, il quale dispone che il Fondo per le aree
sottoutilizzate istituito presso il Ministero dell’economia e delle
finanze sia utilizzato, fra l’altro, per gli investimenti pubblici ex
lege n. 208/1998, art. 1, comma 1, come integrato dall’art. 73 della
legge n. 448/2001, attraverso il finanziamento delle Intese
istituzionali di programma e di programmi nazionali;
Viste le proprie delibere 6 agosto 1999, n. 139 (Gazzetta Ufficiale
n. 254/1999), 15 febbraio 2000, n. 14 (Gazzetta Ufficiale n.
96/2000), 4 agosto 2000, n. 84 (Gazzetta Ufficiale n. 268/2000),
21 dicembre 2000 n. 138 (Gazzetta Ufficiale n. 34/2001), 4 aprile
2001, n. 48 (Gazzetta Ufficiale n. 142/2001), 3 maggio 2002, n. 36
(Gazzetta Ufficiale n. 167/2002) e 6 giugno 2002, n. 39 (Gazzetta
Ufficiale n. 222/2002);
Vista la propria delibera 9 maggio 2003, n. 16 (Gazzetta Ufficiale
n. 156/2003) con la quale, in attuazione dei citati articoli 60 e 61
della legge finanziaria 2003, sono state allocate le risorse per
interventi nelle aree sottoutilizzate a carico dei due Fondi
istituiti presso i Ministeri dell’economia e delle finanze e delle
attivita’ produttive, con un rifinanziamento della legge n. 208/1998,
art. 1, comma 1, di 5.200 milioni di euro per il triennio 2003-2005;
Vista la propria delibera 9 maggio 2003, n. 17 (Gazzetta Ufficiale
n. 155/2003) con la quale – tenuto conto del rilievo strategico che
il Governo ha attribuito ai campi della ricerca e della societa’
dell’informazione – e’ stato tra l’altro destinato in via
programmatica, al punto 4.1.2.b, un importo di 100 milioni di euro,
per il triennio 2003-2005, al rafforzamento della societa’
dell’informazione nelle regioni del Mezzogiorno, attraverso il
finanziamento di interventi da individuare in partenariato fra le
regioni, le strutture di cui si avvale il Ministro per l’innovazione
e le tecnologie e il Ministero dell’economia e delle finanze;
Visto il documento del Dipartimento per l’innovazione e le
tecnologie, trasmesso con la nota n. DIT/4351/03/5.1 del 19 dicembre
2003, concernente la finalizzazione delle risorse per il
rafforzamento della societa’ dell’informazione predisposto in
partenariato con i predetti soggetti;
Tenuto conto che, nell’ambito del Gruppo di lavoro allo scopo
istituito, e’ emerso l’orientamento di destinare il predetto importo
di 100 milioni di euro allo sviluppo di progettualita’ e azioni volte
a favorire l’emergere di territori di eccellenza nelle singole
realta’ regionali attraverso la valorizzazione di aree a forte
potenzialita’, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie
dell’informazione e della comunicazione;
Su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze;

Delibera:
1. E’ disposta l’assegnazione definitiva a favore delle strutture
di cui si avvale il Ministro per l’innovazione e le tecnologie
dell’importo di 100 milioni di euro (di cui 8,08 milioni nel 2004 e
91,92 milioni nel 2005) – gia’ destinato programmaticamente, con la
delibera n. 17/2003, al rafforzamento della societa’
dell’informazione nel Mezzogiorno – per il finanziamento dei «Piani
per l’eccellenza del territorio» secondo le modalita’ e il percorso
attuativo indicati nel documento presentato dal Dipartimento per
l’innovazione e le tecnologie di cui alle premesse.
Una quota non superiore al 10% del predetto importo potra’ essere
utilizzata dallo stesso Dipartimento per finanziare azioni di
sistema.
2. Il Programma definitivo degli interventi, comprendente i singoli
Piani regionali, sara’ sottoposto all’approvazione di questo
Comitato, anche ai fini dell’inserimento dei detti Piani nei relativi
Accordi di programma quadro di ciascuna regione concernenti la
societa’ dell’informazione.
Roma, 29 gennaio 2004

Il Presidente delegato
Tremonti

Il segretario del CIPE
Baldassari

Registrato alla Corte dei conti il 3 giugno 2004

Registro n. 3 Economia e finanze, foglio n. 213

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 29 Gennaio 2004: Assegnazione definitiva dell’importo di 100 milioni di euro al rafforzamento della societa’ dell’informazione per il triennio 2003-2005

Edilone.it