COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 27 maggio 2005 | Edilone.it

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 27 maggio 2005

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 27 maggio 2005 - Aiuti nazionali a favore dei produttori di barbabietole da zucchero ai sensi della legge 29 gennaio 1982, n. 19 Campagna 2004/2005. (Deliberazione n. 53/05). (GU n. 257 del 4-11-2005)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 27 maggio 2005

Aiuti nazionali a favore dei produttori di barbabietole da zucchero
ai sensi della legge 29 gennaio 1982, n. 19 Campagna 2004/2005.
(Deliberazione n. 53/05).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Visto il regolamento (CE) n. 1260/2001 del Consiglio dell’Unione
europea del 19 giugno 2001, relativo all’organizzazione comune dei
mercati nel settore dello zucchero e, in particolare, l’art. 46,
comma 1, che autorizza l’Italia a concedere aiuti di adattamento ai
produttori di barbabietole da zucchero nelle regioni del Sud,
campagna 2001/2002-2005/2006 nella misura massima di euro 5,43 per
100 chilogrammi di zucchero bianco prodotto;
Visto il decreto-legge 20 novembre 1981, n. 694, convertito nella
legge 29 gennaio 1982, n. 19, concernente il finanziamento degli
aiuti nazionali previsti dalla normativa comunitaria per il settore
bieticolo-saccarifero e, in particolare, l’art. 3 che demanda a
questo Comitato, su proposta del Ministro delle politiche agricole e
forestali, d’intesa con il Ministro delle attivita’ produttive, il
compito di stabilire i limiti e le modalita’ di erogazione degli
aiuti nazionali di adattamento previsti dalla normativa comunitaria;
Visto il decreto legislativo 4 giugno 1997, n. 143, relativo al
conferimento alle regioni delle funzioni amministrative in materia di
agricoltura e pesca e alla riorganizzazione dell’Amministrazione
centrale;
Visto il decreto legislativo 27 maggio 1999, n. 165, concernente la
soppressione dell’AIMA, Azienda di Stato per gli interventi nel
mercato agricolo, e l’istituzione dell’Agenzia per le erogazioni in
agricoltura (AGEA), secondo l’art. 11 della legge 15 marzo 1997, n.
59;
Visto il decreto legislativo 15 giugno 2000, n. 188, concernente
«Disposizioni correttive e integrative del sopra citato decreto
legislativo 27 maggio 1999, n. 165»;
Vista a legge 30 dicembre 2004, n. 311 (legge finanziaria 2005),
che prevede la somma di 13.000.000,00 euro per l’attuazione degli
interventi nel settore bieticolo-saccarifero, di cui 3.000.000,00
euro in Tabella F «Interventi autorizzati dall’Unione europea nel
settore bieticolo-saccarifero» e 10.000.000,00 euro nell’art. 1,
comma 479;
Viste le note n. S/5817 del 29 marzo 2005 e n. SEG/673 del
25 maggio 2005 del Ministro delle politiche agricole e forestali, con
cui si propone la ripartizione delle somme concernenti gli aiuti ai
bieticoltori per la campagna 2004/2005, pari a 9.799.859,18 euro, di
cui 1.313.565,72 euro (importo residuo dello stanziamento di
10.000.000,00 euro previsto dalla legge 24 dicembre 2003, n. 350,
iscritto nel conto dei residui per l’anno 2005 sul capitolo
7375/Economia), 3.000.000,00 euro (importo previsto dalla legge
finanziaria 2005 in Tabella F «Interventi autorizzati dall’Unione
europea nel settore bieticolo-saccarifero»), 5.486.293,46 euro (parte
dello stanziamento di euro 10.000.000,00 previsto dall’art. 1, comma
479, della citata legge n. 311/2004);
Vista la nota n. 31383 del 24 maggio 2005, con la quale il Ministro
delle attivita’ produttive ha espresso l’intesa per la parte di
competenza alla proposta concernente gli aiuti nazionali a favore dei
bieticoltori per la campagna 2004/2005;
Su proposta del Ministro delle politiche agricole e forestali;

Delibera:

Per la campagna 2004/2005, gli aiuti nazionali di adattamento di
cui all’art. 46 del regolamento (CE) n. 1260/2001 del Consiglio
dell’Unione europea, sono concessi nei limiti massimi consentiti pari
a 9.799.859,18 euro, ripartiti come di seguito indicato:

ai bieticoltori tramite l’industria saccarifera|euro 8.428.239,85
al Fondo bieticolo nazionale |euro 1.371.619,33
Totale aiuti ai bieticoltori |euro 9.799.859,18

Roma, 27 maggio 2005

Il Presidente delegato
Siniscalco

Il segretario del CIPE
Baldassarri

Registrato alla Corte dei conti il 19 ottobre 2005 Ufficio di
controllo sui Ministeri economico-finanziari, registro n. 5 Economia
e finanze, foglio n. 225

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 27 maggio 2005

Edilone.it