COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA | Edilone.it

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 27 maggio 2004: Primo programma delle opere strategiche, di cui alla legge n. 443/2001. Schema tipo di Piano economico-finanziario. Legge n. 350/2003, art. 4, comma 140. (Deliberazione n. 11/2004). (GU n. 230 del 30-9-2004)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 27 maggio 2004

Primo programma delle opere strategiche, di cui alla legge n.
443/2001. Schema tipo di Piano economico-finanziario. Legge n.
350/2003, art. 4, comma 140. (Deliberazione n. 11/2004).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Vista la legge 21 dicembre 2001, n. 443 (c.d. «legge obiettivo»),
che, all’art. 1, ha stabilito che le infrastrutture pubbliche e
private e gli insediamenti strategici e di preminente interesse
nazionale, da realizzare per la modernizzazione e lo sviluppo del
Paese, vengano individuati dal Governo attraverso un programma
formulato secondo i criteri e le indicazioni procedurali contenuti
nello stesso articolo, demandando a questo Comitato di approvare, in
sede di prima applicazione della legge, il suddetto programma entro
il 31 dicembre 2001;
Vista la legge 1° agosto 2002, n. 166, che, all’art. 13, oltre a
recare modifiche al menzionato art. 1 della legge n. 443/2001,
autorizza limiti di impegno quindicennali per la progettazione e la
realizzazione delle opere incluse nel programma approvato da questo
Comitato e per interventi nel settore idrico di competenza del
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;
Visto il decreto legislativo 20 agosto 2002, n. 190, attuativo
dell’art. 1 della menzionata legge n. 443/2001 e che, all’art. 1,
comma 7, lettera f), specificando come per «fondi», ai sensi del
decreto legislativo medesimo, siano da intendere «le risorse
finanziarie-integrative dei finanziamenti pubblici, anche comunitari
e privati allo scopo stimati disponibili – che la legge finanziaria
annualmente destina alle attivita’ di progettazione, istruttoria e
realizzazione delle infrastrutture inserite nel programma»;
Vista la legge 24 dicembre 2003, n. 350 (legge finanziaria 2004), e
visti in particolare:
l’art. 4, comma 134, secondo il quale – per le infrastrutture di
cui alla legge n. 443/2001 che presentino un potenziale ritorno
economico derivante dalla gestione dell’opera stessa, con eccezione
delle infrastrutture incluse nei piani finanziari delle
concessionarie e nei relativi futuri atti aggiuntivi – reca la
disposizione che la richiesta di assegnazione di risorse a questo
Comitato deve essere accompagnata da una analisi costi-benefici e da
un piano economico-finanziario da predisporre secondo uno schema
tipo, che deve essere approvato da questo Comitato stesso ai sensi
del successivo comma 140;
l’art. 4, comma 176, che ha rifinanziato, tra l’altro, l’art. 13,
comma 1, della legge n. 166/2002;
Vista la delibera 21 dicembre 2001, n. 121 (Gazzetta Ufficiale n.
51/2002 supplemento ordinario), con la quale questo Comitato, ai
sensi del piu’ volte richiamato art. 1 della legge n. 443/2001, ha
approvato il primo programma delle opere strategiche;
Vista la nota 2 marzo 2004, n. 0007392 con la quale l’Unita’ di
valutazione degli investimenti pubblici del Dipartimento per le
politiche di sviluppo e coesione del Ministero dell’economia e delle
finanze ha trasmesso il documento predisposto dal gruppo di lavoro
interistituzionale per la definizione dello schema tipo di piano
economico-finanziario, coordinato dalla suddetta Unita’;
Preso atto che, al fine di conciliare l’esigenza di sottoporre a
questo Comitato una documentazione redatta in modo conciso con la
necessita’ di fornire alle amministrazioni interessate strumenti
utili a facilitare le analisi e a garantirne coerenza interna, il
citato gruppo ha articolato il suddetto documento in:
uno schema sintetico in cui riportare le principali informazioni
e indicatori riepilogativi del piano economico-finanziario analitico,
schema sintetico che costituisce lo schema tipo previsto all’art. 4,
comma 140, della legge n. 350/2003 e che viene sottoposto a questo
Comitato per l’approvazione finale;
uno schema di piano economico-finanziario analitico, che ha la
finalita’ di offrire uno strumento di «utilita» per lo svolgimento
delle analisi e dei calcoli necessari per la compilazione della
scheda sintetica;
Preso atto che gli schemi allegati alla nota menzionata sono stati
elaborati avendo a principale riferimento le indicazioni tecniche e
metodologiche contenute nella «Guida della Commissione europea
all’analisi costi-benefici dei progetti di investimento»;
Su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, d’intesa
con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti;
Delibera:
1. E’ approvato, ai sensi e per gli effetti dell’art. 4, comma 140,
della legge 24 dicembre 2003, n. 350, l’allegato schema tipo di piano
economico-finanziario sintetico che, unitamente al glossario
esplicativo dei principali termini utilizzati, viene riportato nella
parte I dell’allegato alla presente delibera, della quale forma parte
integrante.
Tutte le richieste di assegnazione a carico delle risorse di cui
all’art. 13, comma 1, della legge n. 166/2002 e, in linea piu’
generale, a valere sui fondi di cui all’art. 1, comma 7, lettera f),
del decreto legislativo n. 190/2002 dovranno essere corredate dallo
schema tipo di cui sopra. In particolare dovranno essere compilati i
riquadri A e B per le infrastrutture che non presentino un potenziale
ritorno economico, come definito nel riquadro B dello schema tipo;
mentre per le altre infrastrutture dovra’ essere compilato anche il
riquadro C, nonche’, ricorrendone i presupposti, il riquadro D.
2. Le amministrazioni proponenti sono invitate ad utilizzare, in
fase istruttoria ed al fine di facilitare la compilazione dello
schema sintetico di cui sopra, lo schema di piano
economico-finanziario analitico, che con relazione illustrativa viene
riportato nella parte II dell’allegato alla presente delibera e che
e’ composto da un prospetto di analisi della domanda/offerta e da un
«sistema di conti analitici». Lo schema analitico in formato
elettronico sara’ reso disponibile, assieme ad una versione compilata
a titolo esemplificativo, sul sito Internet di questo Comitato
(http://www.cipecomitato.it).
Le suddette amministrazioni sono comunque tenute a compilare e ad
allegare alla documentazione progettuale relativa alle opere per le
quali questo Comitato richieda supplementi di istruttoria il piano
economico-finanziario redatto secondo lo schema analitico di cui alla
suddetta parte II dell’allegato alla presente delibera.
3. Questo Comitato si riserva di modificare e/o integrare lo schema
sintetico di cui al punto 1 della presente delibera in relazione a
diverse esigenze che emergano in prosieguo.
Eventuali aggiornamenti allo schema analitico di cui al punto 2 o
eventuali adeguamenti alla metodologia ad esso sottesa, che vengano
concordati nell’ambito del gruppo di lavoro interistituzionale di cui
in premessa e che non incidano sui contenuti dello schema sintetico
di cui al punto 1, verranno resi attuativi mediante pubblicazione sul
citato sito Internet di questo Comitato.
Roma, 27 maggio 2004

Il Presidente delegato
Tremonti

Il segretario del CIPE
Baldassarri

Registrato alla Corte dei conti il 7 settembre 2004

Ufficio di controllo atti sui Ministeri economico-finanziari,
registro n. 5 Economia e finanze, foglio n. 51

Allegato

PARTE I

PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO EX Art. 4, COMMA 140, DELLA LEGGE n.
350/2003
(Schema sintetico da allegare alle richieste di assegnazioni di fondi
a carico delle risorse di cui all’art. 1, comma 7, lettera f) del
decreto legislativo n. 190/2002)

—-> Vedere allegato da pag. 38 a pag. 54 in formato zip/pdf

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Edilone.it