COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA | Edilone.it

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 27 dicembre 2002: Indicazioni tariffe autostradali. (Deliberazione n. 142/2002). (GU n. 41 del 19-2-2003)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 27 dicembre 2002

Indicazioni tariffe autostradali. (Deliberazione n. 142/2002).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Visto l’art. 11 della legge 23 dicembre 1992 n. 498, che al comma 1
demanda al CIPE l’emanazione di direttive per la revisione degli
strumenti convenzionali e delle tariffe autostradali e al comma 2
prevede che le tariffe di pedaggio sono fissate con decreto del
Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il
Ministro dell’economia e delle finanze;
Vista la propria delibera 21 settembre 1993 (Gazzetta Ufficiale n.
235/1993), con la quale sono state emanate direttive in attuazione
del disposto del richiamato art. 11, comma 1, della legge n. 498/1992
ed in particolare e’ stato precisato che le tariffe di pedaggio
autostradale debbono essere fissate con i criteri da stabilire in via
generale per la determinazione delle tariffe e dei prezzi dei
pubblici servizi, in sede di rilascio o revisione della concessione
sulla base del piano finanziario da redigere in conformita’ ad un
modello unificato approvato dal Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze;
Viste le proprie delibere 7 dicembre 1994, 8 agosto 1995 e
21 dicembre 1995, con le quali sono state emanate direttive per la
revisione delle tariffe nelle more della definizione dei criteri per
la determinazione delle stesse;
Vista la propria delibera 8 maggio 1996 (Gazzetta Ufficiale n.
138/1996), che ha costituito il Nucleo di consulenza per l’attuazione
delle linee delle linee guida per la regolazione dei servizi di
pubblica utilita’ (NARS);
Vista la propria delibera n. 319 del 20 dicembre 1996 (Gazzetta
Ufficiale n. 305/1996), con la quale viene definito lo schema
regolatorio complessivo del settore ed in particolare viene indicata
nella metodologia del price-cap il sistema di fissazione delle
tariffe e viene individuato in un quinquennio l’intervallo temporale
entro cui revisionare la formula adottata;
Vista la propria delibera n. 30 del 17 marzo 2000 (Gazzetta
Ufficiale n. 104/2000), con la quale si esclude la traslazione sulle
tariffe delle variazioni temporanee dei prezzi internazionali delle
materie prime e delle fonti di energia non comprese nel tasso
d’inflazione programmato;
Considerato che e’ trascorso un quinquennio dalla stipula della
prima convenzione tra Concedente (ANAS) e Concessionaria avvenuta in
data 4 agosto 1997 ed e’ quindi opportuno verificare i risultati e
gli effetti dello schema regolatorio in essere;
Considerato che alla data odierna non e’ ancora pervenuta a questo
Comitato formale proposta da parte del Ministero delle infrastrutture
e dei trasporti in merito alla modifica della formula e alla
determinazione dei relativi parametri per la fissazione delle tariffe
autostradali gia’ indicata nella richiamata delibera n. 319/1996;
Ritenuto di dover procedere a delineare un quadro organico del
sistema tariffe sia sotto l’aspetto giuridico sia sotto quello
economico;
Tenuto conto che al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti
compete l’iniziativa per la determinazione degli aumenti annuali dei
pedaggi autostradali;
Delibera:
Nelle more della formalizzazione da parte del Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti della proposta relativa alle modalita’
procedurali ed ai criteri di valutazione dei parametri presi a
riferimento nella formula del price-cap, restano valide le
disposizioni contenute nella delibera di questo Comitato n. 319 del
20 dicembre 1996 concernente la fissazione dei pedaggi autostradali.
Roma, 27 dicembre 2002
Il Presidente delegato: Tremonti
Il segretario del CIPE: Baldassarri

Registrato alla Corte dei conti il 10 febbraio 2003
Ufficio di controllo Ministeri economico-finanziari, registro n. 1
Economia e finanze, foglio n. 365

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Edilone.it