AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 21 marzo 2006 | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 21 marzo 2006

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 21 marzo 2006 - Approvazione di proposte tariffarie per l'anno termico 2004-2005 relative alle attivita' di distribuzione del gas naturale, di cui alla deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 29 settembre 2004, n. 170/04, come successivamente modificata e integrata. (Deliberazione n. 57/06). (GU n. 87 del 13-4-2006)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 21 marzo 2006

Approvazione di proposte tariffarie per l’anno termico 2004-2005
relative alle attivita’ di distribuzione del gas naturale, di cui
alla deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas 29
settembre 2004, n. 170/04, come successivamente modificata e
integrata. (Deliberazione n. 57/06).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA
ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 21 marzo 2006;
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164;
il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001, n.
244;
la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il
gas (di seguito: l’Autorita) 28 dicembre 2000, n. 237/00 come
successivamente modificata e integrata (di seguito: deliberazione n.
237/00);
la deliberazione dell’Autorita’ e il gas 29 settembre 2004, n.
170/04, come successivamente modificata e integrata (di seguito:
deliberazione n. 170/04);
la deliberazione dell’Autorita’ 30 settembre 2005, n. 206/05;
la deliberazione dell’Autorita’ 20 gennaio 2006, n. 08/06;
la deliberazione dell’Autorita’ 20 gennaio 2006, n. 09/06 (di
seguito: deliberazione n. 9/06).
Considerato che:
le proposte tariffarie relative alle attivita’ di distribuzione
del gas naturale per l’anno termico 2004-2005 (di seguito: proposte
tariffarie) presentate da 117 (centodiciassette) esercenti risultano,
in seguito all’esame dei dati e delle rettifiche comunicate dagli
esercenti medesimi, anche in seguito alle richieste di chiarimenti
formulate dagli uffici dell’Autorita’, conformi ai criteri stabiliti
dalla deliberazione n. 170/04;
dall’esame della documentazione e’ emerso che, in alcune
localita’, il valore della quota ammortamento risulta negativo per
effetto dell’elevato valore delle dismissioni dichiarate e, in altre
localita’, il valore del capitale investito risulta negativo anche
per effetto dello sfasamento temporale tra la ricezione dei
contributi ed il loro effettivo utilizzo nella realizzazione degli
investimenti;
con deliberazione n. 09/06 l’Autorita’ ha avviato un
procedimento volto alla determinazione delle tariffe nei confronti,
tra l’altro, delle societa’ Italgas S.p.A. e Melfi S.r.l.
limitatamente agli ambiti tariffari indicati nell’Allegato B della
medesima deliberazione;
Considerato inoltre che:
con e-mail in data 28 ottobre 2005 (prot. Autorita’ n. 026020) la
societa’ Sidigas S.p.A. ha comunicato di aver acquisito la gestione
del servizio di distribuzione del gas naturale nel comune di Conza
della Campania (Avellino) in data 23 dicembre 2003 e che tale comune
e’ inserito nell’ambito tariffario di Calitri (Avellino) appartenente
alla medesima societa’;
non risulta agli atti degli uffici dell’Autorita’ nessuna
informazione in merito alla gestione del servizio di distribuzione
del gas naturale nel comune di Conza della Campania (Avellino)
antecedente alla data di comunicazione della societa’ Sidigas SpA.;
Ritenuto che:
sia necessario approvare le proposte tariffarie di 117
(centodiciassette) esercenti, che hanno presentato proposte
tariffarie valide ad esclusione degli ambiti tariffari di cui
all’Allegato B della deliberazione n. 09/06;
sia necessario, nei casi in cui i valori della quota
ammortamento e del capitale investito risultino negativi per effetto
delle dismissioni effettuate e dei contributi percepiti, approvare le
proposte tariffarie ponendo pari a zero tali valori e portare in
detrazione, nel calcolo del vincolo sui ricavi di distribuzione degli
anni termici successivi, fino a completo esaurimento, il solo valore
dei contributi eccedente il valore, al netto di dismissioni e quota
ammortamento, degli investimenti realizzati, quest’ultimo
eventualmente posto pari a zero in caso di valore negativo;
Ritenuto inoltre che:
sia opportuno definire con successivo provvedimento le azioni
da intraprendere per verificare la corretta applicazione della
metodologia tariffaria introdotta dalle deliberazioni n. 237/00 e n.
170/04 nel comune di Conza della Campania (Avellino);
sia necessario applicare nel comune di Conza della Campania
(Avellino), temporaneamente e salvo successivo conguaglio, le
proposte tariffarie approvate per l’ambito di Calitri (Avellino);
Delibera:
1. Di approvare le proposte tariffarie presentate dagli esercenti
indicati nell’allegata Tabella 1 ad esclusione degli ambiti tariffari
di cui all’Allegato B della deliberazione n. 09/06.
2. Di approvare le proposte tariffarie degli esercenti che
gestiscono le localita’ per le quali risultano negativi i valori
della quota ammortamento e del capitale investito per effetto delle
dismissioni effettuate e dei contributi percepiti, ponendo pari a
zero tali valori e di portare in detrazione, nel calcolo del vincolo
sui ricavi di distribuzione degli anni termici successivi, fino a
completo esaurimento, il solo valore dei contributi eccedente il
valore, al netto di dismissioni e quota ammortamento, degli
investimenti realizzati, quest’ultimo eventualmente posto pari a zero
in caso di valore negativo.
3. Di prevedere che l’applicazione delle proposte tariffarie di
cui ai precedenti punti decorra a partire dal 1° ottobre 2004.
4. Di definire con successivo provvedimento le azioni da
intraprendere per verificare la corretta applicazione della
metodologia tariffaria introdotta dalle deliberazioni n. 237/00 e n.
170/04 nel comune di Conza della Campania (Avellino).
5. Di applicare nel comune di Conza della Campania (Avellino),
temporaneamente e salvo conguaglio, le proposte tariffarie approvate
per l’ambito tariffario di Calitri (Avellino).
6. Di pubblicare la presente deliberazione nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana e sul sito internet
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas, affinche’ entri in
vigore dal giorno della sua pubblicazione.
Avverso il presente provvedimento, ai sensi dell’art. 2, comma
25, della legge 14 novembre 1995, n. 481, puo’ essere proposto
ricorso avanti al Tribunale amministrativo regionale per la
Lombardia, entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla data di
notifica dello stesso.
Milano, 21 marzo 2006
Il presidente: Ortis

Tabella 1

—-> Vedere tabella alle pagg. 82-83 in formato zip/pdf

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 21 marzo 2006

Edilone.it