AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 12 giugno 2003: Determinazione delle aliquote definitive per gli anni 1991, 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997 | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 12 giugno 2003: Determinazione delle aliquote definitive per gli anni 1991, 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 12 giugno 2003: Determinazione delle aliquote definitive per gli anni 1991, 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997 e 1998 ai fini della corresponsione da parte della Cassa conguaglio per il settore elettrico dell'integrazione spettante a imprese elettriche minori non trasferite all'Enel. (Deliberazione n. 63/03). (GU n. 155 del 7-7-2003)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 12 giugno 2003

Determinazione delle aliquote definitive per gli anni 1991, 1992,
1993, 1994, 1995, 1996, 1997 e 1998 ai fini della corresponsione da
parte della Cassa conguaglio per il settore elettrico
dell’integrazione spettante a imprese elettriche minori non
trasferite all’Enel. (Deliberazione n. 63/03).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA
ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 12 giugno 2003;
Premesso che ai sensi dell’art. 3, comma 1, della legge 14 novembre
1995, n. 481 (di seguito: legge n. 481/1995) fra i compiti trasferiti
all’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas (di seguito:
l’Autorita) vi e’ quello di determinare ai sensi dell’art. 7, comma
3, della legge 9 gennaio 1991, n. 10 (di seguito: legge n. 10/1991)
le integrazioni tariffarie spettanti alle imprese elettriche minori
non trasferite all’Enel (di seguito: imprese elettriche minori),
sulla base di bilanci certificati;
Visti:
la legge 6 dicembre 1962, n. 1643;
la legge 9 gennaio 1991, n. 9;
la legge n. 10/1991;
la legge n. 481/1995;
i decreti legislativi luogotenenziali 19 ottobre 1944, n. 347,
pubblicati nella Gazzetta Ufficiale – serie speciale – del 5 dicembre
1944, n. 90 e 23 aprile 1946, n. 363, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – del 29 maggio 1946, n. 124 e loro
successive modifiche e integrazioni;
il decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 22 aprile
1947, n. 283, e 15 settembre 1947, n. 896, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – del 22 settembre 1947, n. 217 e loro
successive modifiche e integrazioni;
il decreto legislativo 26 gennaio 1948, n. 98, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale – serie generale – del 6 marzo 1948, n. 56,
recante norme per la disciplina delle conguaglio prezzi;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79/1999;
il provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi
13 gennaio 1987, n. 2 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie
generale – del 20 gennaio 1987, n. 15, con il quale la Cassa
conguaglio per il settore elettrico (di seguito: la Cassa) e’ stata
investita della responsabilita’ dell’istruttoria relativa alla
determinazione delle integrazioni tariffarie spettanti alle imprese
elettriche minori non trasferite all’Enel;
il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 11 luglio 1996, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
– serie generale – del 23 luglio 1996, n. 171;
i decreti del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 19 novembre 1996, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – del 4 gennaio 1997, n. 3 e 12 dicembre
1996, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – del
7 febbraio 1997, n. 31, recanti la determinazione delle aliquote
definitive per l’anno 1991 nonche’ l’importo spettante a titolo di
acconto, salvo conguaglio per l’anno 1992 e seguenti;
Viste:
la delibera dell’Autorita’ 30 maggio 1997, n. 61/97 recante
disposizioni generali in materia di svolgimento di procedimenti per
la formazione delle decisioni di competenza dell’Autorita’ (di
seguito delibera n. 61/97);
la deliberazione dell’Autorita’ 21 maggio 1998, n. 48/98
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – dell’8 giugno
1998, n. 131, recante determinazione delle aliquote definitive per
gli anni 1991, 1992, 1993, 1994 e 1995 ai fini della corresponsione
da parte della Cassa dell’integrazione tariffaria spettante alle
imprese elettriche minori non trasferite all’Enel (di seguito:
deliberazione n. 48/98);
le sentenze del tribunale amministrativo regionale per la
Lombardia, Sezione II, 15 luglio 1999, n. 588, 589 e 590, depositate
in data febbraio 2000;
la delibera dell’Autorita’ 26 luglio 2000, n. 132/00 (di seguito:
delibera n. 132/00);
la delibera dell’Autorita’ 4 ottobre 2000, n. 182/00, recante
disposizioni alla Cassa in materia di aggiornamento bimestrale
dell’aliquota di integrazione tariffaria corrisposta in acconto alle
imprese elettriche minori non trasferite all’Enel;
la deliberazione dell’Autorita’ 18 aprile 2002, n. 63/02, recante
determinazione delle aliquote definitive per gli anni 1991, 1992,
1993, 1994, 1995, 1996, 1997 e 1998 ai fini della corresponsione da
parte della Cassa dell’integrazione spettante a imprese elettriche
minori non trasferite all’Enel, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale –
serie generale – del 20 maggio 2002, n. 116 (di seguito:
deliberazione n. 63/02);
la nota dell’Autorita’ in data 26 aprile 2002, prot.
PB/M02/1675/md (di seguito nota 26 aprile 2002);
Viste:
la comunicazione della Cassa in data 13 dicembre 2000, prot. n.
2041 (prot. Autorita’ n. 16356 del 15 dicembre 2000) (di seguito:
comunicazione 13 dicembre 2000);
la comunicazione della Cassa in data 22 marzo 2002, prot. n. 432
(di seguito: comunicazione 22 marzo 2002);
la comunicazione della Cassa in data 15 aprile 2003, prot. n. 497
(di seguito: comunicazione 15 aprile 2003);
Considerato che:
la deliberazione n. 48/98 e’ stata annullata con le sopra
richiamate sentenze del tribunale amministrativo regionale per la
Lombardia, Sezione II, 15 luglio 1999, n. 588, n. 589 e n. 590, tutte
depositate in data 5 febbraio 2000, con la motivazione che nella
determinazione della misura dell’integrazione tariffaria da
riconoscere alle imprese ricorrenti si sarebbe dovuto assicurare non
solo il ripianamento delle perdite di bilancio derivanti dalla
produzione di energia elettrica a costi piu’ elevati, «ma anche la
componente di utile di impresa, nella misura e sulla scorta dei
criteri che restano rimessi alla valutazione e alla elaborazione
tecnica dell’organo competente»;
con la deliberazione n. 132/00, l’Autorita’ ha impartito
disposizioni alla Cassa in materia di istruttorie per la
determinazione delle aliquote per gli anni 1991 e seguenti, ai fini
della corresponsione delle integrazioni tariffarie spettanti alle
imprese elettriche minori;
con la comunicazione 13 dicembre 2000, la Cassa ha trasmesso
all’Autorita’ le istruttorie per la determinazione delle integrazioni
spettanti alle imprese elettriche minori per gli anni dal 1991 al
1997, svolte secondo quanto previsto dalla delibera n. 132/00;
con la deliberazione n. 63/02, l’Autorita’ ha definito le
aliquote definitive di integrazione relativamente agli anni dal 1991
al 1998 di sette imprese elettriche minori, rinviando la
determinazione delle aliquote di integrazione per l’impresa elettrica
SEA — Favignana, ad ulteriori approfondimenti istruttori da compiere
da parte della Cassa;
con la comunicazione 22 marzo 2002, la Cassa ha trasmesso
all’Autorita’ le istruttorie per la determinazione delle integrazioni
spettanti a cinque imprese elettriche minori per gli anni dal 1991 al
1998, ed in particolare:
a) SELIS — Lampedusa;
b) SELIS — Linosa;
c) SELIS — Marettimo;
d) SEM — Musellaro;
e) SMEDE — Pantelleria;
con la nota 26 aprile 2002, l’Autorita’ ha comunicato alla Cassa
che le istruttorie relative alle imprese elettriche SEA — Favignana,
SMEDE — Pantelleria, SELIS — Lampedusa, SELIS — Linosa e SELIS —
Marettimo necessitavano di approfondimenti, dovendosi:
a) rideterminare la base sulla quale calcolare la remunerazione
del patrimonio netto, escludendo dal computo le variazioni del
patrimonio netto che siano riconducibili a operazioni finanziarie di
carattere straordinario, che non abbiano comportato apporti di mezzi
ulteriori rispetto a quelli disponibili prima dell’operazione stessa;
b) verificare la congruita’ dei costi addebitati all’impresa
beneficiaria delle integrazioni da altre imprese facenti capo alla
stessa proprieta’;
con la comunicazione 15 aprile 2003, la Cassa ha trasmesso
all’Autorita’ le istruttorie per la determinazione delle integrazioni
spettanti a cinque imprese elettriche minori per gli anni dal 1991 al
1998, segnatamente:
a) SEA — Favignana;
b) SELIS — Lampedusa;
c) SELIS — Linosa;
d) SELIS — Marettimo;
e) SMEDE — Pantelleria;
Ritenuto opportuno che l’Autorita’:
determini in via definitiva le aliquote di integrazione
relativamente agli anni 1991, 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997 e
1998 per le imprese elettriche minori non trasferite all’Enel per le
quali si dispone della necessaria documentazione;
determini che le aliquote relative all’anno 1998 si applichino
come nuove aliquote di integrazione provvisoria con decorrenza dal
1° gennaio 1999;
Delibera:
1. Di determinare, ai fini della corresponsione da parte della
Cassa conguaglio per il settore elettrico dell’integrazione
tariffaria spettante ad imprese elettriche minori non trasferite
all’Enel, nonche’ ai fini della quantificazione degli eventuali
conguagli, le aliquote definitive relative agli anni 1991, 1992,
1993, 1994, 1995, 1996, 1997 e 1998 per ogni kWh venduto per ciascuna
delle imprese, come rappresentate nella tabella 1.
2. Di disporre che la Cassa conguaglio per il settore elettrico per
l’anno 1999 e seguenti, corrisponda alle imprese elettriche minori
non trasferite all’Enel oggetto del presente provvedimento, a titolo
di acconto e salvo conguaglio, l’integrazione tariffaria calcolata
sulla base dell’ultima aliquota definitiva approvata.
3. Di pubblicare il presente provvedimento nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e nel sito internet dell’Autorita’ per
l’energia elettrica …

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 12 giugno 2003: Determinazione delle aliquote definitive per gli anni 1991, 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997

Edilone.it