AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 1 aprile 2003: Modificazione della deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 28 dicembre 2001, n. 317/01, recante condizioni transitorie per l'erogazione del servizio di dispacciamento dell'energia elettrica. (Deliberazione n. 27/03). (GU n. 125 del 31-5-2003)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 1 aprile 2003

Modificazione della deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas 28 dicembre 2001, n. 317/01, recante condizioni
transitorie per l’erogazione del servizio di dispacciamento
dell’energia elettrica. (Deliberazione n. 27/03).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 1° aprile 2003,
Premesso che:
l’art. 2, comma 12, lettera d), della legge 14 novembre 1995, n.
481 (di seguito: legge n. 481/1995), prevede che l’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas (di seguito: l’Autorita) definisca le
condizioni tecnico-economiche di accesso e di interconnessione alle
reti;
l’art. 3, comma 3, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79
(di seguito: decreto legislativo n. 79/1999), prevede che l’Autorita’
fissi le condizioni atte a garantire a tutti gli utenti della rete la
liberta’ di accesso a parita’ di condizioni, l’imparzialita’ e la
neutralita’ del servizio di trasmissione e di dispacciamento;
Visti:
la legge n. 481/1995;
il decreto legislativo n. 79/1999;
Viste:
la deliberazione 30 aprile 2001, n. 95/01, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 148 del 28 giugno 2001,
recante condizioni per l’erogazione del pubblico servizio di
dispacciamento dell’energia elettrica sul territorio nazionale ai
sensi dell’art. 3, comma 3, del decreto legislativo n. 79/1999 (di
seguito: deliberazione n. 95/01);
la deliberazione dell’Autorita’ 18 ottobre 2001, n. 228/01,
pubblicata nel supplemento ordinario n. 277 alla Gazzetta Ufficiale –
serie generale – n. 297 del 22 dicembre 2001 recante testo integrato
delle disposizioni dell’Autorita’ per l’erogazione dei servizi di
trasporto, di misura e di vendita dell’energia elettrica (di seguito:
testo integrato);
la deliberazione dell’Autorita’ 28 dicembre 2001, n. 317/01,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 37 del
13 febbraio 2002, recante adozione di condizioni transitorie per
l’erogazione del servizio di dispacciamento dell’energia elettrica e
direttiva per il recesso dai contratti di fornitura ai clienti del
mercato vincolato (di seguito: deliberazione n. 317/01);
la deliberazione 7 marzo 2002, n. 36/02, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 80 del 5 aprile 2002,
recante modificazione e integrazione della deliberazione
dell’Autorita’ n. 317/01 recante condizioni transitorie per
l’erogazione del servizio dispacciamento dell’energia elettrica (di
seguito: deliberazione n. 36/02);
la deliberazione 30 aprile 2002, n. 81/02, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 111 del 14 maggio 2002,
recante adozione di condizioni transitorie per l’approvvigionamento
delle risorse per il dispacciamento dell’energia elettrica (di
seguito: deliberazione n. 81/02);
la deliberazione dell’Autorita’ 21 novembre 2002, n. 194/02,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 290
dell’11 dicembre 2002 (di seguito: deliberazione n. 194/02);
la deliberazione dell’Autorita’ 23 dicembre 2002, n. 227/02,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 12 del
16 gennaio 2003 (di seguito: deliberazione n. 227/02);
la comunicazione dell’Autorita’ del 19 dicembre 2002 sulla
regolazione economica dei rapporti di bilanciamento e scambio per
l’anno 2002 ai sensi della deliberazione 7 marzo 2002, n. 36/02 (di
seguito: la comunicazione dell’Autorita);
il documento per la consultazione pubblicato in data 12 febbraio
2003 concernente modificazione delle condizioni transitorie per
l’erogazione del servizio di dispacciamento dell’energia elettrica e
spunti tematici in materia di approvvigionamento delle risorse per il
medesimo servizio (di seguito: il documento per la consultazione);
Considerato che i soggetti interessati diversi dalla societa’
Gestore della rete di trasmissione nazionale S.p.a. (di seguito: il
Gestore della rete) formulando osservazioni alle proposte di cui al
documento per la consultazione, hanno espresso:
con riferimento alla revisione della disciplina per la
contrattualizzazione dei rapporti di bilanciamento e scambio
dell’energia elettrica:
a) consenso riguardo la subordinazione della stipula del
contratto di trasporto all’avvenuta stipula dei contratti di
bilanciamento e di scambio;
b) posizioni differenti in merito all’obbligo di concludere, da
parte di un medesimo cliente grossista nella posizione di mandatario
di un cliente finale, sia il contratto di trasporto che i contratti
di bilanciamento e di scambio in quanto tale previsione
determinerebbe la necessita’ di riformulare i rapporti contrattuali
gia’ in essere;
c) riserve riguardo la proposta di raggruppare in un solo
rapporto contrattuale tutti i punti di prelievo nella disponibilita’
di un soggetto giuridico per ambito di competenza territoriale di una
impresa di distribuzione in quanto cio’, comporterebbe,
potenzialmente, una pluralita’ di rapporti contrattuali;
con riferimento alla regolazione economica dei rapporti di
bilanciamento:
a) consenso a favore della previsione di trattamento su base
oraria, ai fini della regolazione economica del bilanciamento, dei
programmi di immissione e di prelievo dell’energia elettrica per i
punti di immissione e di prelievo dotati di misuratore orario, ferma
restando l’esigenza di porre in essere, da parte del Gestore della
rete, tutte le misure necessarie perche’ tale previsione possa
trovare effettiva applicazione; ricordando, altresi’, che la mancata
applicazione di detta previsione, dati i valori attuali dei
corrispettivi per fascia oraria (bf) da corrispondere per il servizio
di bilanciamento, comporterebbe gravissimi danni economici per i
soggetti con elevati prelievi di energia elettrica e caratteristiche
di prelievo con elevato grado di prevedibilita’ e programmabilita’;
b) consenso riguardo all’introduzione di una gestione
aggregata, ai fini del bilanciamento, dei programmi di prelievo da
parte dei soggetti attivi nel ruolo di grossista di energia
elettrica; un avviso negativo, da parte del Gestore della rete, che
non ritiene utile l’introduzione del predetto meccanismo in quanto
non rispondente alle proprie esigenze ai fini del dispacciamento e
potendo potenzialmente comportare una complicazione nella gestione
dei contratti di bilanciamento;
c) indicazioni per una potenza pari a 10 MVA come soglia per
l’individuazione delle unita’ di produzione a cui non applicare il
trattamento su base oraria dei programmi di immissione;
d) consenso a favore della proposta indicata nel documento per
la consultazione di un meccanismo di attestazione e di successiva
verifica per la regolazione delle partite economiche afferenti il
servizio di bilanciamento osservando, inoltre, la necessita’ di
eliminare le eventuali penali derivanti dalla mancata attestazione in
presenza di imperfezioni nell’applicazione delle disposizioni di cui
all’art. 30, comma 3, del Testo integrato e di prolungare i tempi
previsti per le predette attestazioni;
con riferimento alla regolazione economica dei rapporti di
scambio dell’energia elettrica:
a) avversione nei confronti dell’applicazione della componente
VE ai saldi negativi dei contratti di scambio in quanto cio’ comporta
una variazione del prezzo di riferimento per le cessioni dei saldi
tra gli operatori non prevedibile all’atto della formulazione delle
politiche di approvvigionamento (conclusione dei contratti di
approvvigionamento di energia elettrica all’estero e formulazione
delle offerte di acquisto nelle procedure concorsuali per la cessione
dell’energia elettrica di cui all’art. 3, comma 12, del decreto
legislativo 16 marzo 1999, n. 79) e delle politiche di vendita ai
clienti finali ed esprimendo, al contrario, un generale consenso
riguardo il fatto che la componente VE debba essere corrisposta in
ragione del saldo complessivo, qualora negativo, del mercato libero
attraverso un corrispettivo medio da parte dei titolari dei contratti
per lo scambio dell’energia elettrica che abbiano contribuito alla
formazione del predetto saldo negativo;
b) consenso a favore della proposta indicata nel documento per
la consultazione di un meccanismo di attestazione e di successiva
verifica per la regolazione delle partite economiche afferenti il
servizio di scambio dell’energia elettrica;
c) consenso, limitato ad una parte di soggetti, a favore del
mantenimento, per l’anno 2003, del meccanismo di riporto dei saldi
dei contratti di scambio ai trimestri successivi;
Considerato che con lettera in data 20 febbraio 2003,
prot. GRTN/P2003002649 (prot. Autorita’ n. 7554 del 21 febbraio
2003), il Gestore della rete, nell’esprimere alcune osservazioni sul
documento per la consultazione, ha segnalato la necessita’ di
introdurre, a valere per l’anno 2003, modifiche alle condizioni
transitorie 2002, ferma restando la titolarita’ dei contratti di
bilanciamento e di scambio in capo al medesimo Gestore della rete,
segnatamente ha chiesto o proposto:
la subordinazione della conclusione del contratto del servizio di
trasporto dell’energia elettrica all’avvenuta conclusione di
contratti di bilanciamento e di scambio;
l’assicurazione che tutti i dati necessari al Gestore della rete
per la definizione dei contratti di bilanciamento e di scambio siano
trasmessi al Gestore della rete medesimo secondo il contenuto, il
formato, le modalita’ e i tempi stabiliti da…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Edilone.it