AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 25 luglio 2002: Proroga dei termini di cui all'art. 9 della deliberazione dell'Autorita' per l'energia e il gas 29 dicembre 1999, n. 204/99. (Deliberazione n. 145/02). (GU n. 188 del 12-8-2002)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 25 luglio 2002

Proroga dei termini di cui all’art. 9 della deliberazione
dell’Autorita’ per l’energia e il gas 29 dicembre 1999, n. 204/99.
(Deliberazione n. 145/02).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 25 luglio 2002,
Premesso che:
l’art. 9, comma 9.1, della deliberazione dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas (di seguito: l’Autorita) 29 dicembre
1999, n. 204/99, pubblicata nel supplemento ordinario, n. 235 alla
Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 306 del 31 dicembre 1999,
(di seguito: deliberazione n. 204/99) stabilisce che, entro il 31
luglio di ogni anno, a partire dall’anno 2001, ogni esercente il
servizio di fornitura di energia elettrica, con riferimento a
ciascuna tipologia di utenza autocertifichi all’Autorita’ l’ammontare
dei ricavi ammessi e dei ricavi effettivi relativi all’anno
precedente;
l’art. 9, comma 9.5, della deliberazione n. 204/99, come
sostituito dall’art. 3, comma 3.1, della deliberazione dell’Autorita’
18 ottobre 2001, n. 228/01, pubblicata nel supplemento ordinario, n.
277 alla Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 297 del 22 dicembre
2001, (di seguito: deliberazione n. 228/01) definisce termini e
modalita’ di rimborso dei ricavi eccedentari;
l’art. 9, comma 9.6, della deliberazione n. 204/99, introdotto
con la deliberazione dell’Autorita’ 25 luglio 2001, n. 174/01,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 196 del 24
agosto 2001 (di seguito: deliberazione n. 174/01) stabilisce che
ciascun esercente comunica all’Autorita’, entro il 31 marzo dell’anno
successivo a quello in cui sono stati effettuati gli accrediti e i
rimborsi di cui al comma 9.5, della medesima deliberazione,
l’ammontare complessivo di quanto accreditato e rimborsato;
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
Viste:
la deliberazione n. 204/99;
la deliberazione dell’Autorita’ 29 dicembre 1999, n. 205/99,
pubblicata nel supplemento ordinario, n. 235 alla Gazzetta Ufficiale
– serie generale – n. 306 del 31 dicembre 1999, (di seguito:
deliberazione n. 205/99);
la deliberazione dell’Autorita’ 28 dicembre 2000, n. 238/00,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 4 del 5
gennaio 2001 (di seguito: deliberazione n. 238/00);
la deliberazione n. 174/01;
la deliberazione n. 228/01;
Considerato che, per l’anno 2001:
ai sensi dell’art. 6, comma 6.1, della deliberazione n. 204/99,
l’opzione tariffaria TV1 comprende la componente
&greco;goverline{PG};
ai sensi dell’art. 6, comma 6.3, della deliberazione n. 204/99,
il parametro overline{PG} dipende dai prezzi dell’energia elettrica
all’ingrosso di cui all’art. 2, comma 2.1, della deliberazione n.
205/99;
ai sensi dell’art. 9, comma 9.2, della deliberazione n. 204/99, i
ricavi ammessi nell’anno sono calcolati in base ai corrispettivi
dell’opzione tariffaria TV1;
ai sensi dell’art. 2, comma 2.1, della deliberazione n. 205/99,
il prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso comprende una
componente a copertura dei costi fissi di produzione di energia
elettrica, differenziata per le fasce orarie F1, F2, F3 ed F4, come
indicata nella tabella 1, della medesima deliberazione;
l’Autorita’, con la deliberazione n. 238/00, ha fissato il valore
della componente a copertura dei costi fissi di produzione di energia
elettrica di cui alla tabella 1 della deliberazione n. 205/99;
Considerato che:
il tribunale amministrativo regionale per la Lombardia (di
seguito: TAR Lombardia) con sentenze 31 luglio 2001, n. 5286 e n.
5288, ha annullato la deliberazione n. 238/00, nella parte in cui
riduce la componente del prezzo dell’energia elettrica all’ingrosso a
copertura dei costi fissi di produzione;
il Consiglio di Stato, rendendo note le sue decisioni con
dispositivi 9 luglio 2002 n. 390 e 9 luglio 2002 n. 391, ha respinto
i ricorsi elevati dall’Autorita’ per la riforma delle soprarichiamate
sentenze del TAR Lombardia, per l’effetto confermando il parziale
annullamento della deliberazione n. 238/00 disposto dal TAR
Lombardia;
Considerato che:
non sono fino ad oggi state rese note le motivazioni delle
decisioni del Consiglio di Stato che costituiscono il presupposto
delle statuizioni del dispositivo;
tale circostanza osta ad una valutazione degli effetti del
giudicato cosi’ formatosi e alla sua attuazione;
Ritenuta l’opportunita’ di prorogare i termini previsti dall’art.
9 della deliberazione n. 204/99 ed i termini ad essi collegati, con
riferimento ai ricavi conseguiti nell’anno 2001;
Delibera:
Art. 1.
Proroga dei termini di cui all’art. 9 della deliberazione n. 204/99

Con riferimento alla deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas 29 dicembre 1999, n. 204/99, pubblicata nel
supplemento ordinario n. 235 alla Gazzetta Ufficiale – serie generale
– n. 306 del 31 dicembre 1999:
a) il termine di cui all’art. 9, comma 9.1, relativo ai ricavi
conseguiti nell’anno 2001 e’ prorogato al 31 ottobre 2002;
b) il termine di cui all’art. 9, comma 9.5, lettera a), come
sostituito dall’art. 3, comma 3.1, della deliberazione dell’Autorita’
per l’energia elettrica e il gas 18 ottobre 2001, n. 228/01,
pubblicata nel supplemento ordinario n. 277 alla Gazzetta Ufficiale –
serie generale, n. 297 del 22 dicembre 2001 (di seguito:
deliberazione n. 228/01), e’ prorogato al 30 aprile 2003;
c) l’inciso “nelle fatture emesse nell’anno 2002” di cui all’art.
9, comma 9.5, lettera b), punto ii), come sostituito dall’art. 3,
comma 3.1, della deliberazione n. 228/01, e’ sostituito con l’inciso:
“nelle fatture emesse entro il 30 aprile 2003”;
d) il termine di cui all’art. 9, comma 9.6, definito con la
deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas 25
luglio 2001, e’ prorogata al 30 giugno 2003.

Art. 2.

Il presente provvedimento, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e nel sito internet dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas (www.autorita.energia.it), entra in
vigore alla data della sua pubblicazione.
Milano, 25 luglio 2002
Il presidente: Ranci

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Edilone.it