AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 17 luglio 2002: Adozione di garanzie di libero accesso al servizio di trasporto del gas naturale e di norme per la predisposizione dei codici di rete. (Deliberazione n. 137/02). (GU n. 190 del 14-8-2002)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 17 luglio
2002

Adozione di garanzie di libero accesso al servizio di
trasporto del
gas naturale e di norme per la predisposizione dei
codici di rete.
(Deliberazione n. 137/02).

Parte I
DISPOSIZIONI
GENERALI
L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 17 luglio 2002;
Premesso che l’art. 2,
comma 12, lettera d), della legge
14 novembre 1995, n. 481 (di
seguito: legge n. 481/1995) prevede che
l’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas (di seguito: l’Autorita)
determini “le
condizioni tecnico-economiche di accesso e di
interconnessione
alle reti”;
Premesso che l’art. 2, comma 20, lettera a),
della legge n.
481/1995 attribuisce all’Autorita’ il potere di
richiedere ai
soggetti esercenti i servizi di pubblica utilita’,
nei settori di
propria competenza, “informazioni e documenti sulle
loro attivita’”;
Premesso che l’art. 24, comma 5, del decreto
legislativo 23 maggio
2000, n. 164 di attuazione della direttiva n.
98/30/CE recante norme
comuni per il mercato interno del gas
naturale, a norma dell’art. 41
della legge 17 maggio 1999, n. 144
(di seguito: decreto legislativo
n. 164/2000) prevede che
l’Autorita’ fissi “i criteri atti a
garantire a tutti gli
utenti della rete la liberta’ di accesso a
parita’ di condizioni,
la massima imparzialita’ del trasporto e del
dispacciamento in
condizioni di normale esercizio” e che definisca
“gli obblighi dei
soggetti che svolgono le attivita’ di trasporto e
dispacciamento”;

Premesso che ai sensi dello stesso art. 24, comma 5, entro tre
mesi
dalla pubblicazione del provvedimento ivi richiamato, le
imprese di
trasporto “adottano il proprio codice di rete, che e’
trasmesso
all’Autorita’ che ne verifica la conformita’ ai suddetti
criteri”; e
che “trascorsi tre mesi dalla trasmissione senza
comunicazioni da
parte dell’Autorita’, il codice di rete si intende
approvato”;
Premesso che l’art. 8, comma 4, del decreto legislativo
n. 164/2000
prevede che l’Autorita’ vigili “affinche’ l’attivita’ di
trasporto e
dispacciamento sia svolta in modo da non ostacolare la
parita’ di
condizioni di accesso al sistema, nonche’ sulla corretta
applicazione
del codice di rete”;
Premesso che l’art. 18, comma
6, del decreto legislativo n.
164/2000 prevede che alle imprese di
trasporto deve essere versato da
parte dei soggetti che effettuano
l’attivita’ di vendita e che usano
il servizio di trasporto,
un corrispettivo determinato
dall’Autorita’, ai fini del
bilanciamento del sistema;
Vista la legge n. 481/1995;
Visto il
decreto legislativo n. 164/2000;
Visto il decreto del Ministro
dell’industria del commercio e
dell’artigianato 22 dicembre
2000, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n.
18 del 23 gennaio 2000, che individua
la rete nazionale dei
gasdotti, ai sensi dell’art. 9 del decreto
legislativo n. 164/2000;

Vista la delibera dell’Autorita’ 3 agosto 2000, n. 146/00, di avvio
di
procedimento per la formazione di provvedimenti di cui all’art.
8,
comma 2, all’art. 23, comma 2, all’art. 24, comma 5, del
decreto
legislativo n. 164/2000, in tema di accesso e utilizzo
delle
attivita’ di trasporto e dispacciamento e dei terminali
di gas
naturale liquefatto (di seguito: Gnl), delle relative
tariffe e
obblighi e di definizione di criteri per la
predisposizione del
codice di rete (di seguito: delibera n. 146/00);

Vista la delibera dell’Autorita’ 3 agosto 2000, n. 150/00, di avvio
di
procedimento per la formazione di provvedimenti di cui all’art.
20,
comma 2, del decreto legislativo n. 164/2000, in tema
di
definizione degli obblighi di informazione tra imprese del gas
(di
seguito: delibera n. 150/00);
Vista la deliberazione
dell’Autorita’ 30 maggio 2001, n. 120/01,
pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale – serie generale – n. 147 del
27 giugno 2001, recante
criteri per la determinazione delle tariffe
per il trasporto e il
dispacciamento del gas naturale e per
l’utilizzo di terminali di
Gnl (di seguito: deliberazione n. 120/01),
in particolare gli
articoli 14 e 15, con i quali l’Autorita’ ha
adottato, fino
all’emanazione delle disposizioni di cui all’art. 24,
comma 5, del
decreto legislativo n. 164/2000, disposizioni urgenti in
materia di
conferimento delle capacita’ e dei corrispettivi per il
bilanciamento
del sistema;
Vista la comunicazione dell’Autorita’ 18 settembre
2001, recante
chiarimenti in ordine all’attuazione della
deliberazione n. 120/01 e
alla disciplina di accesso alle reti di
trasporto di gas naturale;
Viste le delibere dell’Autorita’ 10
ottobre 2001, n. 224/01,
10 ottobre 2001, n. 232/01, 10 ottobre
2001, n. 233/01, 10 ottobre
2001, n. 234/01, 10 ottobre 2001, n.
235/01, 22 novembre 2001, n.
273/01, 22 novembre 2001, n. 274/01,
22 novembre 2001, n. 275/01,
22 novembre 2001, n. 276/01, 22 novembre
2001 n. 277/01, 22 novembre
2001, n. 278/01, 22 novembre 2001, n.
279/01, 22 novembre 2001, n.
280/01, 22 novembre 2001, n. 281/01,
22 novembre 2001, n. 282/01,
22 novembre 2001, n. 283/01, 22 novembre
2001, n. 284/01, 22 novembre
2001, n. 285/01, 22 novembre 2001,
n. 287/01, con le quali
l’Autorita’ ha apportato modifiche ad
alcune delle clausole contenute
in contratti di trasporto
stipulati ai sensi dell’art. 15 della
deliberazione n. 120/01;

Vista la deliberazione dell’Autorita’ 27 febbraio 2002, n.
26/02,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n.
77 del
2 aprile 2002, recante criteri per la determinazione delle
tariffe di
stoccaggio del gas naturale, in particolare l’art. 11;

Vista la deliberazione dell’Autorita’ 19 marzo 2002, n.
43/02,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n.
79 del
4 aprile 2002, di adozione di direttiva concernente
l’adeguamento dei
corrispettivi per l’erogazione dei servizi nel
settore del gas
naturale al potere calorifico superiore effettivo;

Vista la deliberazione dell’Autorita’ 15 maggio 2002, n.
91/02,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n.
125 del
30 maggio 2002, recante disciplina dell’accesso di cui
all’art. 25,
comma 1, del decreto legislativo n. 164/2000,
nel caso di
realizzazione di nuovi terminali di Gnl e di loro
potenziamento (di
seguito: deliberazione n. 91/02);
Considerato che
le disposizioni di cui all’art. 24, comma 5, del
decreto
legislativo n. 164/2000 definiscono un regime delle
condizioni
di accesso e di erogazione del servizio di
trasporto
caratterizzato da un’attivita’ di autoregolazione posta
in essere
dall’impresa di trasporto, nel rispetto di criteri
fissati
dall’Autorita’, alla quale compete anche un potere di
controllo
successivo di conformita’ dell’autoregolazione delle
imprese di
trasporto a detti criteri;
Considerato che il regime
descritto al precedente alinea ha ad
oggetto:
a) l’accesso al
servizio di trasporto, che consiste nelle
procedure finalizzate
a definire sia il rapporto contrattuale tra
impresa di trasporto
e utenti, sia la capacita’ che rileva ai fini
dell’erogazione del
servizio medesimo;
b) l’erogazione del servizio di trasporto, che
consiste nell’uso
della rete secondo le condizioni del rapporto
contrattuale tra
l’impresa di trasporto e gli utenti;
Considerato
che consegue che il codice di rete deve contenere:
a) regole
finalizzate ad individuare gli utenti coi quali
l’impresa di
trasporto e’ tenuta a stipulare il relativo contratto,
nonche’ a
determinare la capacita’ di trasporto che rileva ai
fini
dell’esecuzione del contratto medesimo;
b) condizioni
generali del contratto di trasporto che l’impresa
di trasporto e’
tenuta a stipulare con gli utenti, i quali abbiano
avuto accesso alla
rete ai sensi delle regole di cui alla precedente
lettera a);

Considerato che ai fini dell’esercizio dei poteri di
regolazione
relativi all’accesso e all’erogazione del servizio di
trasporto,
nonche’ dei poteri di vigilanza sulla corretta
applicazione del
codice di rete, l’Autorita’ necessita di acquisire
tutti gli elementi
conoscitivi, che consentano un monitoraggio
costante dell’erogazione
del servizio medesimo;
Considerato che
per assicurare il libero accesso al servizio di
trasporto a
parita’ di condizioni, e’ necessario che gli utenti
possiedano
elementi conoscitivi relativi, ad esempio, ai piani
di
realizzazione di nuova capacita’ della rete di trasporto e del
suo
potenziamento, ai consumi dei clienti ai punti di uscita e
di
riconsegna;
Considerato che la realizzazione di nuovi gasdotti
finalizzati al
trasporto di gas naturale da sistemi esteri
interconnessi al sistema
nazionale del gas e il potenziamento
di gasdotti esistenti,
consentono a nuovi operatori di entrare nel
mercato, promuovendo la
concorrenza, garantendo il soddisfacimento
della domanda crescente
del mercato interno e accrescendo
la sicurezza degli
approvvigionamenti;
Considerato che le
esigenze di cui al precedente alinea sono anche
soddisfatte dalla
realizzazione e dal potenziamento di gasdotti
finalizzati al
trasporto di gas naturale rigassificato da nuovi
terminali di
Gnl alla rete nazionale di gasdotti, costituendo detti
terminali
parte di un sistema di approvvigionamento
volto
all’importazione di gas naturale in Italia;
Considerato che il
sistema del gas naturale in Italia dipende dagli
approvvigionamenti
dall’estero, in particolare da Paesi non
appartenenti
all’Unione europea; e che il mercato internazionale…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Edilone.it