AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 6 giugno 2005: Riconoscimento degli oneri sostenuti dai produttori di energia elettrica che hanno adempiuto all'obbligo di cui all'articolo 11 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, limitatamente all'energia elettrica prodotta da fonti non rinnovabili e destinata ai clienti del mercato vincolato nell'anno 2002. (Deliberazione n. 101/05). (GU n. 140 del 18-6-2005)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 6 giugno 2005

Riconoscimento degli oneri sostenuti dai produttori di energia
elettrica che hanno adempiuto all’obbligo di cui all’articolo 11 del
decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, limitatamente all’energia
elettrica prodotta da fonti non rinnovabili e destinata ai clienti
del mercato vincolato nell’anno 2002. (Deliberazione n. 101/05).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA
ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 6 giugno 2005.
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n. 481/95);
la direttiva 2001/77/CE del Parlamento europeo e del Consiglio
del 27 settembre 2001 (di seguito: direttiva 2001/77/CE);
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, come modificato
dall’art. 28, comma 11, della legge 23 dicembre 2000, n. 388 (di
seguito: decreto legislativo n. 79/99);
il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato di concerto con il Ministro dell’ambiente
11 novembre 1999, come modificato e integrato dal decreto del
Ministro delle attivita’ produttive di concerto con il Ministro
dell’ambiente e della tutela del territorio 18 marzo 2002 (di
seguito: decreto 11 novembre 1999);
il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, recante
attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione
dell’energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel
mercato interno dell’elettricita’ (di seguito: decreto legislativo n.
387/03);
la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
(di seguito: l’Autorita) 12 dicembre 2002, n. 203/02, recante
determinazione per l’anno 2003 del prezzo all’ingrosso dell’energia
elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato;
la deliberazione dell’Autorita’ 23 dicembre 2002, n. 227/02 (di
seguito: deliberazione n. 227/02);
il Testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di
trasmissione, distribuzione, misura e vendita dell’energia elettrica
per il periodo di regolazione 2004-2007, riportato nell’allegato A
alla deliberazione dell’Autorita’ 30 gennaio 2004, n. 5/04 (di
seguito: Testo integrato);
la deliberazione dell’Autorita’ 5 febbraio 2004, n. 8/04, recante
riconoscimento degli oneri sostenuti dai produttori di energia
elettrica che hanno adempiuto all’obbligo di cui all’art. 11 del
decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, limitatamente all’energia
elettrica prodotta da fonti non rinnovabili e destinata ai clienti
del mercato vincolato nell’anno 2001 (di seguito: deliberazione n.
8/04).
Considerato che:
l’art. 69, comma 69.2, del Testo integrato prevede che, con
separato provvedimento, l’Autorita’ definisca le modalita’ per il
riconoscimento degli oneri sostenuti dai produttori di energia
elettrica che hanno adempiuto agli obblighi di cui all’art. 11 del
decreto legislativo n. 79/99, relativamente alla quantita’ di energia
elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato prodotta da
fonti non rinnovabili negli anni 2001 e 2002, al netto della
cogenerazione, degli autoconsumi di centrale e delle esportazioni,
eccedenti i 100 GWh;
con la deliberazione n. 8/04 l’Autorita’ ha riconosciuto gli
oneri sostenuti dai produttori di energia elettrica che hanno
adempiuto all’obbligo, limitatamente all’energia elettrica prodotta
da fonti non rinnovabili e destinata ai clienti del mercato vincolato
nell’anno 2001;
occorre individuare i soggetti produttori che, in relazione alla
quantita’ di energia elettrica prodotta nell’anno 2002 da fonti non
rinnovabili, al netto della cogenerazione, degli autoconsumi di
centrale e delle esportazioni, eccedente i 100 GWh e destinata ai
clienti del mercato vincolato, hanno sostenuto oneri per adempiere
all’obbligo di cui all’art. 11, commi 1, 2 e 3, del decreto
legislativo n. 79/1999 (di seguito: l’obbligo);
occorre determinare il numero dei certificati verdi che i
soggetti produttori di cui al precedente alinea hanno dovuto
acquistare o conseguire con la realizzazione in proprio di nuovi
impianti alimentati da fonti rinnovabili per adempiere all’obbligo,
limitatamente alla quantita’ di energia elettrica da fonti non
rinnovabili dai medesimi prodotta nell’anno 2002 e destinata ai
clienti del mercato vincolato;
al fine di adempiere all’obbligo, i produttori e importatori da
fonti non rinnovabili possono realizzare in proprio impianti
alimentati da fonti rinnovabili, acquistare certificati verdi nella
titolarita’ di altri produttori, con negoziazione diretta o tramite
la societa’ Gestore del mercato S.p.a. (di seguito: Gestore del
mercato), oppure acquistare i certificati verdi nella titolarita’
della societa’ Gestore della rete di trasmissione nazionale S.p.a.
(di seguito: Gestore della rete);
il riconoscimento a consuntivo degli oneri effettivamente
sostenuti da ciascun produttore potrebbe indurre i medesimi
produttori ad acquistare i certificati verdi emessi nella titolarita’
del Gestore della rete e collocati sul mercato al prezzo massimo
determinato ai sensi dell’art. 9 del decreto 11 novembre 1999,
anziche’ soddisfare detto obbligo a costi inferiori attraverso la
realizzazione in proprio di nuovi impianti alimentati da fonti
rinnovabili o l’acquisto, a seguito di negoziazione, dei certificati
verdi nella titolarita’ di altri produttori;
con riferimento all’obbligo relativo alle produzioni e
importazioni di energia elettrica da fonti non rinnovabili nell’anno
2002, i certificati verdi complessivamente annullati sono stati pari
a 34.706, di cui:
14.903, pari al 42,9% del totale, relativi alla produzione da
impianti qualificati dai Gestore della rete come impianti alimentati
da fonti rinnovabili ai sensi dell’art. 4 del decreto 11 novembre
1999 (di seguito: impianti IAFR);
19.803, pari al restante 57,1%, nella titolarita’ del Gestore
della rete e collocati sul mercato al prezzo massimo determinato ai
sensi dell’art. 9 del decreto 11 novembre 1999, pari a 82,40 euro per
MWh;
l’acquisto dei certificati verdi nella titolarita’ del Gestore
della rete e collocati sul mercato al prezzo massimo determinato ai
sensi dell’art. 9 del decreto 11 novembre 1999 rappresenta la
soluzione piu’ onerosa per soddisfare l’obbligo, prevista dal
legislatore per istituire un limite massimo al valore dei certificati
verdi nel caso di carenza di offerta.
Considerato inoltre che:
l’Autorita’, con la relazione tecnica allegata alla deliberazione
n. 8/04, ha previsto il riconoscimento degli oneri sostenuti dai
produttori titolari di impianti idroelettrici di pompaggio, per la
sola produzione non incentivata attribuibile agli apporti da
pompaggio, al netto quindi degli apporti naturali, e in misura
proporzionale:
alla quota parte di energia da fonti non rinnovabili utilizzata
per alimentare i medesimi impianti;
al rapporto tra l’energia ceduta al mercato vincolato e il
totale dell’energia venduta da ciascun produttore nell’anno di
riferimento;
gli oneri di cui al precedente alinea devono essere riconosciuti
anche per le produzioni da apporti da pompaggio destinate ai clienti
del mercato vincolato dell’anno 2001, essendo pervenuti i dati
necessari alla loro determinazione solo a seguito della deliberazione
n. 8/04;
gli impianti idroelettrici di pompaggio possono essere impianti
di pompaggio volontario o di gronda e che, in quest’ultimo caso, la
corrispondente produzione di energia elettrica da apporti da
pompaggio non e’ misurabile e distinguibile perche’ avviene
attraverso altri impianti idroelettrici tradizionali;
tra le imprese produttrici – distributrici soggette all’obbligo e
che hanno ceduto energia elettrica negli anni 2001 e 2002 ai clienti
del mercato vincolato, l’Enel produzione Spa e’ l’unico produttore a
risultare titolare di impianti di pompaggio volontario.
Ritenuto opportuno:
riconoscere gli oneri sostenuti dai produttori di energia
elettrica che hanno adempiuto all’obbligo, limitatamente all’energia
elettrica prodotta da fonti non rinnovabili e destinata ai clienti
del mercato vincolato nell’anno 2002, con le medesime modalita’ gia’
applicate, per l’anno precedente, dalla deliberazione n. 8/04;
determinare il valore dei certiflcati verdi da riconoscere ai
produttori che destinano l’energia elettrica prodotta ai clienti del
mercato vincolato, in attuazione dell’art. 69, comma 69.2, del Testo
integrato, secondo modalita’ volte a contenere gli oneri a carico dei
clienti del mercato vincolato e a favorire lo sviluppo delle fonti
rinnovabili attraverso la realizzazione di impianti IAFR con
investimenti diretti o attraverso l’acquisto dei certificati verdi da
soggetti produttori terzi alle migliori condizioni di mercato,
evitando quindi l’acquisto dei certificati verdi nella titolarita’
del Gestore della rete e collocati sul mercato al prezzo massimo
determinato ai sensi dell’art. 9 del decreto 11 novembre 1999;
determinare il valore dei certificati verdi da riconoscere in
attuazione dell’art. 69, comma 69.2, del Testo integrato
riconoscendo:
a) alla quota di certificati verdi acquistati dal Gestore della
rete (57,1% del totale annuo) un valore pari al prezzo medio di
negoziazione dei certificati verdi collocati, tramite negoziazione
diretta o tramite il Gestore del mercato, dai produttori di impianti
IAFR;
b) alla quota di certificati verdi relativi alla produzione da
impianti IAFR (42,9%) un valore pari al prezzo medio di generazione
che remunera adeguatamente i costi sostenti per la realizzazione di
nuovi impianti fonti rinnovabili, al netto dei ricavi derivanti dalla
vendita di energia al mercato.
Ritenuto altresi’ opportuno:
riconoscere gli oneri sostenuti dai produttori titolari di
impianti idroelettrici di pompaggio volontario, per la sola
produzione non incentivata dell’anno 2002 attribuibile agli apporti
da pompaggio, al netto quindi degli apporti naturali, e in misura
proporzionale:
alla quota parte di energia da fonti non rinnovabili utilizzata
per alimentare i medesimi impianti;
al rapporto tra l’energia ceduta al mercato vincolato e il
totale dell’energia venduta da ciascun produttore nell’anno di
riferimento;
riconoscere gli oneri di cui al precedente alinea anche per le
produzioni dell’anno 2001, secondo i criteri riportati nella
relazione tecnica allegata alla deliberazione n. 8/04;
non riconoscere gli oneri sostenuti dai produttori titolari di
impianti idroelettrici di pompaggio di gronda per la quota parte di
energia elettrica prodotta da apporti da pompaggio e destinata ai
clienti del mercato vincolato in quanto tale produzione non e’
misurabile e distinguibile perche’ avviene attraverso altri impianti
idroelettrici tradizionali;
Delibera:
Art. 1.
Riconoscimento degli oneri sostenuti dai produttori di energia
elettrica che hanno adempiuto all’obbligo di cui all’art. 11 del
decreto legislativo n. 79/1999, limitatamente all’energia elettrica
prodotta da fonti non rinnovabili e destinata ai clienti del mercato
vincolato nell’anno 2002.
1.1. La Cassa conguaglio per il settore elettrico riconosce ai
produttori elencati nella tabella 1, allegata al presente
provvedimento, gli oneri determinati dall’Autorita’ e riportati nella
medesima tabella.
1.2. Il rimborso degli oneri di cui al precedente comma viene
operato a valere sul Conto oneri per certificati verdi, come previsto
dall’art. 69, comma 69.2, del Testo integrato.

Art. 2.
Riconoscimento degli oneri sostenuti dalla societa’ Enel Produzione
S.p.a. per l’energia elettrica prodotta dagli impianti idroelettrici
dipompaggio volontario nell’anno 2001.
2.1. La Cassa conguaglio per il settore elettrico riconosce alla
societa’ Enel Produzione S.p.a. per l’energia elettrica prodotta
dagli impianti idroelettrici di pompaggio volontario nell’anno 2001
un onere determinato dall’Autorita’ in misura pari a 7.192.336,00
euro.
2.2. Il rimborso degli oneri di cui al precedente comma viene
operato a valere sul Conto oneri per certificati verdi, come previsto
dall’art. 69, comma 69.2, del Testo integrato.

Art. 3.
Disposizioni finali
3.1. Il presente provvedimento viene pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana e nel sito internet
dell’Autorita’ (www.autorita.energia.it) ed entra in vigore dalla
data della sua pubblicazione.
3.2. Il presente provvedimento viene trasmesso alla Cassa
conguaglio per il settore elettrico per quanto di competenza.
Milano, 6 giugno 2005
Il presidente: Ortis

Tabella 1
—-> Vedere Tabella a pag. 26 della G.U. in formato zip/pdf

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Edilone.it