AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 16 maggio 2005: Integrazioni alle disposizioni dell'Allegato A alla deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 20 giugno 2002, n. 115/02. (Deliberazione n. 89/05). (GU n. 131 del 8-6-2005)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 16 maggio 2005

Integrazioni alle disposizioni dell’Allegato A alla deliberazione
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas 20 giugno 2002, n.
115/02. (Deliberazione n. 89/05).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 16 maggio 2005
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n.
481/1995);
la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
(di seguito: l’Autorita) 30 maggio 1997, n. 61/1997 (di seguito:
deliberazione n. 61/1997);
l’Allegato A alla deliberazione dell’Autorita’ 20 giugno 2002, n.
115/2002 (di seguito: deliberazione n. 115/2002);
la sentenza del Tribunale amministrativo regionale per la
Lombardia (di seguito: Tar Lombardia) 25 gennaio 2005, n. 404/2005
(di seguito: sentenza n. 404/2005);
la decisione del Garante per la protezione dei dati personali (di
seguito: il Garante) 10 novembre 2004.
Considerato che:
l’art. 2, comma 26, della legge n. 481/1995 dispone che «la
pubblicita’ di atti e procedimenti delle Autorita’ e’ assicurata
anche attraverso un apposito bollettino pubblicato dalla Presidenza
del Consiglio dei Ministri», cio’ che consente all’Autorita’ di
prevedere forme di pubblicita’ dei propri atti anche diverse dalla
pubblicazione nel menzionato bollettino;
conseguentemente, al fine di assicurare la massima pubblicita’
dei suoi atti, l’Autorita’ ha fatto ricorso anche a strumenti diversi
da quelli sopra richiamati, quali la pubblicazione nel proprio sito
internet; e che tale prassi e’ stata codificata:
(a) nell’art. 4 della deliberazione n. 61/1997, limitatamente
agli atti di avvio e di conclusione dei procedimenti di natura
individuale;
(b) nell’art. 3 dell’Allegato A della deliberazione n.
115/2002, con riferimento alle deliberazioni a carattere generale,
degli atti adottati nell’esercizio delle funzioni consultive e
propulsive dell’Autorita’, nonche’ dei pareri obbligatori o
facoltativi, e delle proposte, rese nell’ambito di procedimenti per
l’adozione di provvedimenti intestati ad amministrazioni terze;
con sentenza n. 404/2005, il Tar Lombardia, limitatamente alla
pubblicazione nel sito internet dell’Autorita’ di provvedimenti
individuali di natura sanzionatoria, ha ritenuto idonea la previsione
di cui all’art. 4 della deliberazione n. 61/1997 in quanto detta
deliberazione sarebbe «espressione di autonomia organizzativa e non
di un potere normativo esterno»; e che l’Autorita’ intende proporre
appello contro tale decisione;
gli effetti della richiamata sentenza compromettono gravemente le
finalita’ di prevenzione generale e di tutela degli interessi di
utenti e consumatori sottese al provvedimento sanzionatorio, rispetto
alla realizzazione delle quali la pubblicazione nel sito internet
dell’Autorita’ assume un valore fondamentale.
Considerato inoltre che, con la decisione 10 novembre 2004, il
Garante ha affermato il principio per cui la pubblicazione da parte
di un ente pubblico, nel proprio sito internet, di provvedimenti
sanzionatori, decorso un periodo di tempo congruo con quello
necessario agli scopi perseguiti con tale pubblicazione, deve essere
tecnicamente sottratta alla diretta individuabilita’ delle decisioni
in essa contenute per il tramite dei comuni motori di ricerca
esterni.
Ritenuto che:
al solo fine di assicurare un assetto sostanziale tale da non
compromettere le finalita’ sopra richiamate, e fermo restando
l’impulso al riesame delle erronee valutazioni in diritto affermate
nella sentenza n. 404/2005 in ragione delle ulteriori implicazioni
che queste possono dispiegare, sia opportuno integrare le
disposizioni di cui all’art. 3 dell’Allegato A alla deliberazione
dell’Autorita’ n. 115/2002, estendendo agli atti dell’Autorita’ di
natura individuale la disciplina della pubblicita’ ivi prevista per
le restanti tipologie di atti;
sia necessario, nell’attuare l’integrazione di cui al precedente
alinea, prevedere l’adozione di accorgimenti tecnici tali da
conformare le modalita’ di diffusione telematica dei provvedimenti
sanzionatori al principio sancito dal Garante nella decisione sopra
richiamata;
Delibera:

1. Di integrare l’art. 3 dell’Allegato A alla deliberazione
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas (di seguito:
l’Autorita) 20 giugno 2002, n. 115/2002, inserendo, dopo il comma
3.3, i seguenti commi:
«3.4 la pubblicita’ delle deliberazioni a carattere individuale
e’ assicurata attraverso la pubblicazione nel Bollettino di cui
all’art. 2, comma 26, della legge n. 481/1995, e nel sito internet
dell’Autorita’.
3.5 le deliberazioni di cui al comma 3.4 che prevedano
l’irrogazione di sanzioni amministrative, decorsi 5 anni dalla loro
pubblicazione nel sito internet dell’Autorita’, sono tecnicamente
sottratte alla diretta individuabilita’ per il tramite dei comuni
motori di ricerca esterni al sito stesso».
2. Di pubblicare il presente provvedimento nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e nel sito internet dell’Autorita’
(www.autorita.energia.it) affinche’ entri in vigore dalla data di
pubblicazione.
Milano, 16 maggio 2005
Il presidente: Ortis

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Edilone.it