AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 24 febbraio 2005: Modificazioni e integrazioni all'allegato A alla deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 16 ottobre 2003, n. 118/03. (Deliberazione n. 35/05). (GU n. 61 del 15-3-2005)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 24 febbraio 2005

Modificazioni e integrazioni all’allegato A alla deliberazione
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas 16 ottobre 2003, n.
118/03. (Deliberazione n. 35/05).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 24 febbraio 2005
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79, e sue modifiche e
provvedimenti applicativi (di seguito: decreto legislativo n.
79/1999);
la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
(di seguito: l’Autorita) 30 aprile 2001, n. 95/01;
l’allegato A della deliberazione dell’Autorita’ 16 ottobre 2003,
n. 118/03 (di seguito: deliberazione n. 118/03);
l’allegato A alla deliberazione dell’Autorita’ 30 dicembre 2003,
n. 168/03, come successivamente modificato e integrato (di seguito:
deliberazione n. 168/03);
la deliberazione dell’Autorita’ 30 marzo 2004, n. 50/04 (di
seguito: deliberazione n. 50/04);
Considerato che:
con la deliberazione n. 118/03, l’Autorita’ ha adottato
disposizioni relativamente alla determinazione convenzionale dei
profili di prelievo dell’energia elettrica per i clienti finali il
cui prelievo non viene trattato su base oraria mediante la
metodologia del load profiling per area (di seguito: meccanismo di
load profiling);
con deliberazione n. 50/04, l’Autorita’ ha stabilito l’avvio di
un regime di prima applicazione del meccanismo di load profiling a
far data dal 1° luglio 2004 nell’ambito del dispacciamento di merito
economico senza la partecipazione attiva della domanda;
con la deliberazione n. 168/03, l’Autorita’ ha disposto l’avvio,
dal 1° gennaio 2005, del dispacciamento di merito economico con
partecipazione attiva della domanda;
nel corso dell’anno 2004, gli aspetti operativi di coordinamento
dell’attuazione del meccanismo di load profiling sono stati assunti
dalla societa’ Gestore della rete di trasmissione nazionale Spa (di
seguito: il Gestore della rete);
il Gestore della rete ha rappresentato all’Autorita’ per le vie
brevi la necessita’ di integrare e modificare la deliberazione n.
118/04 in ordine:
a) alla correzione di rimandi a riferimenti normativi non piu’
in vigore, nonche’ alla precisazioni di alcune disposizioni per tener
conto dell’evoluzione normativa;
b) alla definizione di impresa distributrice sottesa, al fine
di ricomprendere nell’ambito di applicazione dell’art. 3 della citata
deliberazione alcuni casi particolari non contemplati dalla medesima
deliberazione;
c) all’introduzione di disposizioni riguardanti gli obblighi
informativi relativamente a variazioni di perimetro delle reti delle
imprese distributrici in seguito a cessioni di porzioni di rete, alle
imprese distributrici di riferimento, al fine dell’applicazione
dell’art. 6 della deliberazione n. 118/03, alle imprese distributrici
sottese, al fine di meglio precisare gli obblighi informativi
specificati nella deliberazione n. 118/03, alla revisione dei termini
di alcuni adempimenti, al fine di allineare i medesimi con
adempimenti analoghi relativi alla gestione del dispacciamento di
merito economico;
Ritenuto che sia necessario modificare e integrare la deliberazione
n. 118/03, al fine di tenere in considerazione gli elementi sopra
indicati;
Delibera:

1. Di modificare ed integrare la deliberazione n. 118/03, nei
termini di seguito indicati:
a) all’art. 1, comma 1.1, la lettera h) e’ soppressa;
b) all’art. 3, comma 3.1, le parole «come definita nell’art. 1
dell’allegato A alla deliberazione n. 95/01» sono sostituite dalle
parole «cosi’ come definita dalla normativa vigente»;
c) all’art. 3, comma 3.2, le parole «interconnessione in alta
tensione» sono sostituite con «prelievo»;
d) all’art. 3, dopo il comma 3.4, e’ inserito il comma 3.5:
«3.5. In tutti i casi in cui non trovano applicazione le
disposizioni di cui al comma 3.2, ciascuna impresa distributrice che
non ha nella zona punti di interconnessione in alta tensione si
considera sottesa all’impresa distributrice di riferimento avente il
maggior numero di punti di prelievo entro la zona.»;
e) all’art. 4, comma 4.2, lettera c), dopo le parole «pari al
profilo» sono inserite le parole «del prelievo»;
f) all’art. 5, comma 5.2, lettera b), dopo le parole «punti di
prelievo» e’ soppressa la parola «che»;
g) all’art. 6, comma 6.1, la parola «positivo» e’ sostituita
dalla parola «negativo», la parola «negativo» e’ sostituita dalla
parola «positivo»;
h) all’art. 6, comma 6.1, lettera b), le parole «comma 10.3» sono
sostituite dalle parole «comma 10.4»;
i) all’art. 7, comma 7.1, le parole «dieci (10)» sono sostituite
dalle parole «quindici (15)»;
j) all’art. 7, comma 7.1, lettera a), le parole «la somma» sono
sostituite dalle parole «l’aggiornamento della somma»;
k) all’art. 7, il comma 7.2 e’ sostituito dal seguente comma:
«7.2. Entro il sest’ultimo giorno lavorativo di febbraio di
ciascun anno, ai fini del calcolo dei coefficienti di ripartizione,
ciascuna impresa distributrice di riferimento provvede ad aggiornare,
per la propria area di riferimento e per ciascun utente del
dispacciamento, i valori dell’energia elettrica prelevata nel corso
dell’anno precedente dai clienti finali non trattati su base oraria;
la medesima impresa comunica, entro il medesimo termine, i
coefficienti di ripartizione al Gestore della rete che provvede a
renderli disponibili agli utenti del dispacciamento, incluso il
garante della fornitura del mercato vincolato.»;
l) all’art. 7, al comma 7.3, le parole «lettere da a) ad e)» sono
sostituite dalle parole «lettere da a) ad f)» e le parole «comma 7.2»
sono sostituite dalle parole «comma 7.1»;
m) all’art. 7, comma 7.3, dopo la lettera e) e’ aggiunta la
lettera f):
«f) la somma, per ciascun contratto di dispacciamento,
dell’energia elettrica prelevata nell’anno precedente, dai clienti
finali i cui punti di prelievo sono inclusi nel predetto contratto e
che, nel mese successivo, non sono trattati su base oraria, tenendo
conto delle variazioni di cui all’art. 9, comma 9.1, lettere da a)
ad f).»;
n) all’art. 7, comma 7.5, le parole «il giorno venti (20)» sono
sostituite dalle parole «il sest’ultimo giorno lavorativo» e le
parole «lettere da a) ad e)» sono sostituite dalle parole «lettere da
a) ad f)»;
o) all’art. 7, il comma 7.6, e’ sostituito dal seguente comma:
«7.6. Qualora l’impresa distributrice sottesa non trasmetta
all’impresa distributrice di riferimento le informazioni di cui ai
commi 7.1 e 7.3, o l’impresa di riferimento non trasmetta al Gestore
della rete le informazioni di cui ai commi 7.2 e 7.5, si assumono
validi i rispettivi valori di cui ai medesimi commi trasmessi il mese
precedente.»;
p) all’art. 7, dopo il comma 7.6, e’ inserito il comma 7.7:
«7.7 Nel caso di mancata ottemperanza degli obblighi ai sensi
dei commi 7.1, 7,2, 7.3 e 7.5 il Gestore della rete ne da’ notifica
all’Autorita’ ai fini degli eventuali provvedimenti di competenza.»;
q) all’art. 8, comma 8.1, le parole «quindici (15)» sono
sostituite dalle parole «venti (20)» e dopo le parole «energia
elettrica prelevata» sono aggiunte le parole «nell’anno precedente»;
r) all’art. 8, dopo il comma 8.1, e’ inserito il comma 8.2:
«8.2 Entro il giorno venticinque (25) di febbraio di ciascun
anno, ciascuna impresa distributrice di riferimento comunica al
Gestore della rete la somma dell’energia elettrica prelevata
nell’anno solare precedente dai punti di prelievo non trattati su
base oraria compresi nell’area di riferimento e corrispondenti a
clienti finali del mercato libero raggruppando tali clienti per
utente del dispacciamento.»;
s) all’art. 9, comma 9.1, dopo la lettera e) e’ aggiunta la
lettera f):
«f) l’ambito di competenza di una impresa distributrice risulti
variato a seguito di cessioni di porzioni di rete dedicate
all’esercizio dell’attivita’ di distribuzione.»;
t) all’art. 9, comma 9.2, le parole « a), b), c), d) ed e)» sono
sostituite dalle parole «a), b), c), d), e) ed f)»;
u) all’art. 9, dopo il comma 9.4, e’ inserito il comma 9.4.1:
«9.4.1. In caso di variazione intercorsa a seguito del
verificarsi della condizione di cui al comma 9.1, lettera f),
l’impresa distributrice cedente trasmettera’, contestualmente al
perfezionamento della cessione, con riferimento alla porzione di rete
elettrica oggetto di cessione, all’impresa distributrice cessionaria
le informazioni riguardanti:
a) l’identificazione dei punti di immissione, dei punti di
prelievo e degli utenti del dispacciamento associati ai medesimi
punti;
b) i valori di cui al comma 7.1, lettere a) e b);
c) i valori di cui al comma 7.3, lettere da a) ad e), per il
periodo rilevante precedente a quello in cui avviene la cessione,
nonche’ per l’intero periodo rilevante in cui avviene la cessione.»;
2. Per l’anno 2004, le disposizioni di cui all’art. 6 dell’allegato
A alla deliberazione n. 118/03 trovano applicazione con riferimento
al periodo dal 1° luglio al 31 dicembre del medesimo anno.
3. Di pubblicare nel sito internet dell’Autorita’
(www.autorita.energia.it), il testo dell’allegato A alla
deliberazione dell’Autorita’ 16 ottobre 2003, n. 118/03, nella
versione risultante dalle modifiche di cui al precedente punto 1.
4. Di pubblicare il presente provvedimento nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e nel sito internet dell’Autorita’,
affinche’ entri i…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Edilone.it