AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 4 novembre 2004: Modifiche ed integrazioni all'allegato A della deliberazione dell'Autorita' per l'energia elettrica e il gas 27 marzo 2004, n. 48/04. (Deliberazione n. 194/04). (GU n. 280 del 29-11-2004)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 4 novembre 2004

Modifiche ed integrazioni all’allegato A della deliberazione
dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas 27 marzo 2004, n.
48/04. (Deliberazione n. 194/04).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 4 novembre 2004;
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo 19 dicembre 2003, n. 379 (di seguito:
decreto legislativo n. 379/2003);
il decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, recante disposizioni
urgenti per garantire la funzionalita’ di taluni settori della
pubblica amministrazione (di seguito: decreto-legge n. 136/2004);
la legge 27 luglio 2004, n. 186, di conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge n. 136/2004 (di seguito: legge n.
186/2004);
l’allegato A alla deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas (di seguito: l’Autorita) 27 marzo 2004, n. 48/04
(di seguito: deliberazione n. 48/04);
Considerato che:
l’art. 5, comma 5.3, del decreto legislativo n. 379/2003 prevede
che la remunerazione per la disponibilita’ della capacita’ produttiva
sia applicata a tutte le unita’ di produzione ubicate sul territorio
nazionale che risultino dispacciabili secondo le regole per il
dispacciamento definite dalla societa’ Gestore della rete di
trasmissione nazionale S.p.a. (di seguito: il Gestore della rete) e
che si rendano disponibili nei giorni che risultano critici ai fini
della copertura della domanda nazionale (di seguito: giorni critici),
comprensiva del necessario margine di riserva di potenza;
l’art. 5, comma 5.4, del decreto legislativo n. 379/2003
prevedeva che detta remunerazione venisse esclusa con riferimento
alle unita’ di produzione che, nei giorni critici, producevano sulla
base di contratti bilaterali per la quota di capacita’ impegnata in
detti contratti;
la disposizione di cui al precedente alinea e’ stata modificata,
a far data dal 29 luglio 2004, dalla legge n. 186/2004, e che, per
effetto di tale modifica, da allora prevede l’ammissione alla
predetta remunerazione delle unita’ di produzione che, nei giorni
critici, producono sulla base di contratti bilaterali anche per la
quota di capacita’ impegnata in detti contratti;
Ritenuto che sia opportuno adeguare l’allegato A della
deliberazione n. 48/04 al nuovo dettato dell’art. 5, comma 4, del
decreto legislativo n. 379/2003;
Delibera:

1. Di modificare l’allegato A alla deliberazione n. 48/04, come
segue:
al comma 31.1, prima delle parole «Ai soli fini» sono aggiunte le
parole «Salvo quanto stabilito al comma 31.2,»;
dopo il comma 31.1, e’ aggiunto il seguente comma:
«31.2 A partire dal 29 luglio 2004, e fino a termine del
periodo transitorio, la somma di cui alla lettera b) del comma 31.1,
ai soli fini della remunerazione della disponibilita’ di capacita’
produttiva, e’ posta a zero.».
2. Di pubblicare l’allegato A alla deliberazione n. 48/04 nel testo
risultante dalle modifiche ed integrazioni introdotte con il presente
provvedimento.
3. Di pubblicare il presente provvedimento nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e nel sito internet dell’Autorita’
(www.autorita.energia.it).
Milano, 4 novembre 2004
Il presidente: Ortis

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Edilone.it