AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI | Edilone.it

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 6 ottobre 2004: Modifiche al regolamento in materia di pubblicita' radiotelevisiva e televendite, di cui alla delibera n. 538/01/CSP del 26 luglio 2001. (Deliberazione n. 250/04/CSP). (GU n. 258 del 3-11-2004)

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 6 ottobre 2004

Modifiche al regolamento in materia di pubblicita’ radiotelevisiva e
televendite, di cui alla delibera n. 538/01/CSP del 26 luglio 2001.
(Deliberazione n. 250/04/CSP).

L’AUTORITA’
Nella riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del
6 ottobre 2004;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante «Istituzione
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo» e in particolare
l’art. 1, comma 6, lettera b), n. 5;
Vista la legge 14 novembre 1995, n. 481, recante «Norme per la
concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilita’.
Istituzione delle Autorita’ di regolazione dei servizi di pubblica
utilita»;
Vista la direttiva del Consiglio 89/552/CEE del 3 ottobre 1989,
relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative,
regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti
l’esercizio delle attivita’ televisive, come modificata dalla
direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 97/36/CE del
30 giugno 1997;
Vista la legge 6 agosto 1990, n. 223, recante «Disciplina del
sistema radiotelevisivo pubblico e privato», e successive
modificazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 27 marzo 1992, n.
255, recante «Regolamento di attuazione della legge 6 agosto 1990, n.
223, sulla disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e
privato»;
Vista la legge 5 ottobre 1991, n. 327, di ratifica ed esecuzione
della Convenzione europea sulla televisione transfrontaliera, con
annesso, fatta a Strasburgo il 5 maggio 1989;
Visto il decreto-legge 19 ottobre 1992, n. 408, recante
«Disposizioni urgenti in materia di pubblicita’ radiotelevisiva»
convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 1992, n. 483;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni
9 dicembre 1993, n. 581, recante «Regolamento in materia di
sponsorizzazione di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico»;
Visto il decreto-legge 27 agosto 1993, n. 323, recante
«Provvedimenti urgenti in materia radiotelevisiva», convertito, con
modificazioni, dalla legge 27 ottobre 1993, n. 422;
Visto il decreto-legge 23 ottobre 1996, n. 545, recante
«Disposizioni urgenti in materia di esercizio dell’attivita’
radiotelevisiva», convertito, con modificazioni, dalla legge
23 dicembre 1996, n. 650;
Vista la legge 30 aprile 1998, n. 122, recante «Differimento di
termini previsti dalla legge 31 luglio 1997, n. 249, relativi
all’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni, nonche’ norme in
materia di programmazione e di interruzioni pubblicitarie
televisive»;
Visto il decreto-legge 30 gennaio 1999, n. 15, convertito, con
modificazioni, dalla legge 29 marzo 1999, n. 78, recante
«Disposizioni urgenti per lo sviluppo equilibrato dell’emittenza
televisiva e per evitare la costituzione o il mantenimento di
posizioni dominanti nel settore radiotelevisivo»;
Visto il decreto-legge 18 novembre 1999, n. 433, convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 gennaio 2000, n. 5, recante
«Disposizioni urgenti in materia di esercizio dell’attivita’
radiotelevisiva locale e di termini relativi al rilascio delle
concessioni per la radiodiffusione televisiva privata su frequenze
terrestri in ambito locale»;
Vista la legge 7 giugno 2000, n. 150, recante «Disciplina delle
attivita’ di informazione e di comunicazione delle pubbliche
amministrazioni»;
Vista la legge 29 dicembre 2000, n. 422, recante «Disposizioni per
l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
alle Comunita’ europee – legge comunitaria 2000»;
Vista la delibera n. 538/01/CSP del 26 luglio 2001, con la quale e’
stato adottato il regolamento in materia di pubblicita’
radiotelevisiva e televendite;
Vista la comunicazione interpretativa della Commissione europea
(2004/C 102/02) del 28 aprile 2004, relativa a taluni aspetti delle
disposizioni della direttiva «Televisione senza frontiere riguardanti
la pubblicita’ televisiva»;
Vista la procedura di infrazione n. 2002/4522, ed in particolare la
ulteriore lettera di costituzione in mora della Commissione europea
C(2004)2228 del 7 luglio 2004, concernente la conformita’ del
Regolamento in materia di pubblicita’ radiotelevisiva e televendite,
di cui alla delibera n. 538/0l/CSP del 26 luglio 2001, alle
previsioni dell’art. 11 della direttiva del Consiglio 89/552/CEE del
3 ottobre 1989, come interpretato dalla Commissione nella sua
Comunicazione interpretativa;
Ritenuto pertanto necessario apportare alcune modifiche al
Regolamento in materia di pubblicita’ radiotelevisiva e televendite,
di cui alla delibera n. 538/01 /CSP del 26 luglio 2001, in
particolare per quanto concerne le modalita’ di inserimento delle
interruzioni pubblicitarie nella trasmissione di eventi sportivi;
Udita la relazione del Commissario relatore, dott. Giuseppe
Sangiorgi, ai sensi dell’art. 32 del regolamento concernente
l’organizzazione ed il funzionamento dell’Autorita’;
Delibera:
Art. 1.
1. L’Autorita’ adotta, ai sensi dell’art. 1, comma 6, lettera b),
n. 5, della legge 31 luglio 1997, n. 249, le modifiche al regolamento
concernente la pubblicita’ radiotelevisiva e le televendite,
riportate nell’allegato A alla presente delibera, che ne costituisce
parte integrante ed essenziale.
La presente delibera e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana
Roma, 6 ottobre 2004
Il presidente: Cheli

Allegato A
(alla delibera n. 250/04/CSP del 6 ottobre 2004)

Modifiche al regolamento in materia di pubblicita’ radiotelevisiva e
televendite, di cui alla delibera n. 538/01/CSP del 26 luglio 2001
Art. 1.
All’art. 4, comma 5, le parole: «o nelle sue pause», sono
sostituite dalle seguenti: «o negli arresti di gioco suscettibili di
essere aggiunti alla durata regolamentare del tempo».

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

Edilone.it