AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI | Edilone.it

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 23 luglio 2003: Regolamentazione e controllo dei prezzi massimi dei servizi di telefonia vocale offerti da Telecom Italia. (Deliberazione n. 289/03/CONS). (GU n. 194 del 22-8-2003)

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 23 luglio 2003

Regolamentazione e controllo dei prezzi massimi dei servizi di
telefonia vocale offerti da Telecom Italia. (Deliberazione n.
289/03/CONS).

L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI
Nella seduta del consiglio del 23 luglio 2003;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante: «Istituzione
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo»;
Vista la legge 14 novembre 1995, n. 481, recante: «Norme per la
concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilita’.
Istituzione delle Autorita’ di regolazione dei servizi di pubblica
utilita»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica n. 318 del
19 settembre 1997, recante: «Regolamento per l’attuazione di
direttive comunitarie nel settore delle telecomunicazioni»;
Vista la direttiva 97/33/CE del Parlamento europeo e del Consiglio
sull’interconnessione nel settore delle telecomunicazioni e
finalizzata a garantire il servizio universale e l’interoperabilita’
attraverso l’applicazione dei principi di fornitura di una rete
aperta (ONP);
Visto il decreto del Presidente della Repubblica n. 403 del
20 ottobre 1998, recante: «Regolamento di attuazione degli articoli
1, 2 e 3 della legge 15 maggio 1997, n. 127, in materia di
semplificazione delle certificazioni amministrative»;
Vista la direttiva 98/10/CE del Parlamento europeo e del Consiglio
sull’applicazione del regime di fornitura di una rete aperta (ONP)
alla telefonia vocale e sul servizio universale delle
telecomunicazioni in un ambiente concorrenziale;
Vista la propria delibera del 22 dicembre 1998, n. 85/98,
concernente le condizioni economiche di offerta del servizio di
telefonia vocale;
Vista la propria delibera n. 101/99, concernente le condizioni
economiche di offerta del servizio di telefonia vocale alla luce
dell’evoluzione dei meccanismi concorrenziali pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 5 luglio 1999, n.
155;
Vista la propria delibera n. 171/99 concernente la regolamentazione
e controllo dei prezzi dei servizi di telefonia vocale offerti da
Telecom Italia a partire dal 1° agosto 1999, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 193 del 18 agosto
1999;
Vista la propria delibera n. 197/99 del 7 settembre 1999,
concernente «Identificazione di organismi di telecomunicazioni aventi
notevole forza di mercato»;
Vista la propria delibera n. 274/99, concernente i criteri di
ammissibilita’ di pacchetti tariffari ai fini della verifica del
vincolo di «price cap», pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 269 del 16 novembre 1999;
Vista la propria delibera n. 338/99 del 6 dicembre 1999,
concernente l’interconnessione di terminazione verso le reti
radiomobili e prezzi delle comunicazioni fisso-mobile originate dalla
rete di Telecom Italia;
Vista la propria delibera n. 314/00/CONS, concernente la
determinazione di condizioni economiche agevolate per il servizio di
telefonia vocale a particolari categorie di clientela, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 160
dell’11 luglio 2000;
Vista la propria delibera n. 847/00/CONS, recante «Revisione dei
valori del sistema di price cap» di cui alla delibera n. 171/99,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 303
del 30 dicembre 2000;
Vista la propria delibera 330/01/CONS concernente l’applicazione ed
integrazione della delibera n. 314/00/CONS «Determinazione di
condizioni economiche agevolate per il servizio di telefonia vocale a
particolari categorie di clientela», pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 199 del 28 agosto 2001;
Vista la propria delibera n. 469/01/CONS, recante «Revisione dei
valori del sistema di price cap» di cui alla delibera n. 171/99 alla
luce degli effetti prodotti dall’applicazione, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 7 del 9 gennaio 2002;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica n. 77
dell’11 gennaio 2001, recante «Regolamento di attuazione delle
direttive 97/51/CE e 98/10/CE, in materia di telecomunicazioni»;
Vista la direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio che istituisce un quadro normativo comune per le reti e i
servizi di comunicazione elettronica;
Vista la direttiva 2002/22/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti
in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica;
Vista la propria delibera n. 350/02/CONS del 6 novembre 2002,
concernente «Identificazione di organismi di telecomunicazioni aventi
notevole forza di mercato per l’anno 2000» pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 278 del 27 novembre 2002;
Vista la consultazione pubblica sulla revisione del meccanismo di
«price cap» indetta con delibera n. 183/02/CONS, nonche’ le
risultanze di detta consultazione;
Vista la raccomandazione C (2003) 497 sui mercati rilevanti di
prodotti e servizi nel settore delle comunicazioni elettroniche
dell’11 febbraio 2003;
Vista la propria delibera n. 47/03/CONS concernente la revisione e
meccanismi di programmazione dei prezzi massimi di terminazione
praticati dagli operatori di rete mobile notificati e
regolamentazione dei prezzi delle chiamate fisso-mobile praticati
dagli operatori di rete fissa notificati, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 68 del 22 marzo 2003;
Vista la propria delibera n. 160/03/CONS, recante «Identificazione
di organismi di telecomunicazioni aventi notevole forza di mercato
per l’anno 2001», pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana n. 134 del 12 giugno 2003;
Udita la relazione al consiglio del commissario Paola Maria
Manacorda sui risultati dell’istruttoria, ai sensi dell’art. 32 del
regolamento concernente l’organizzazione e il funzionamento
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni, nella seduta del
consiglio del 23 luglio 2003;
Sentita la societa’ Telecom Italia in data 18 novembre 2002,
4 febbraio 2003, 26 maggio 2003 e 19 giugno 2003;
Sentite le societa’ Wind, Albacom, Tele2 in data 20 novembre 2002;
Considerato quanto segue:
1. Il quadro regolamentare e le determinazioni dell’Autorita’ in
materia di condizioni economiche di offerta dei servizi di telefonia
vocale di Telecom Italia.
1.1. Il quadro regolamentare.
L’Autorita’ esercita i suoi poteri di regolamentazione e controllo
dei prezzi massimi dei servizi di telefonia vocale dell’operatore di
rete fissa notificato come avente notevole forza di mercato nel
mercato delle reti e dei servizi di telefonia pubblica fissa,
attraverso un sistema di controllo su base pluriennale dei prezzi
praticati in riferimento alla variazione di produttivita’
conseguibile dallo stesso operatore (sistema di price cap), in base a
quanto stabilito dal decreto del Presidente della Repubblica n.
318/1997 e dalla legge n. 249/1997.
L’art. 7, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica n.
318/1997 prevede che le condizioni economiche per l’accesso e l’uso
di una rete telefonica pubblica fissa e per i servizi di
telecomunicazioni, accessibili al pubblico sulla suddetta rete,
osservino i principi di trasparenza, di obiettivita’ e di
orientamento ai costi nel caso di operatori con una notevole forza di
mercato, nonche’ i criteri di carattere generale, stabiliti per la
disciplina dei servizi di pubblica utilita’, dalla legge n. 481 del
1995.
L’art. 1, comma 6, lettera c), n. 14, della legge n. 249/1997, nel
definire le competenze dell’Autorita’, rimanda anch’esso alla legge
n. 481/1995.
L’art. 2, comma 12, lettera e), della legge n. 481/1995, stabilisce
che «l’Autorita’ al fine di perseguire gli obiettivi di garantire la
promozione della concorrenza e dell’efficienza nel settore, nonche’
adeguati livelli di qualita’ (di cui all’art. 1, comma 1) stabilisce
e aggiorna, in relazione all’andamento del mercato, la tariffa base,
i parametri e gli altri elementi di riferimento per determinare le
tariffe di cui ai commi 17, 18 e 19, nonche’ le modalita’ per il
recupero dei costi eventualmente sostenuti nell’interesse generale in
modo da assicurare la qualita’, l’efficienza del servizio e
l’adeguata diffusione del medesimo sul territorio nazionale».
In base a quanto stabilito all’art. 2, comma 18, della legge n.
481/1995, l’Autorita’ fissa quindi un valore medio ponderato dei
prezzi di uno o piu’ panieri di servizi sottoposti al regime di price
cap, che vincola l’operatore notificato alla variazione di tali
prezzi sulla base di un valore calcolato della «X» (che rappresenta
il recupero di produttivita’ dell’operatore sottoposto al vincolo) e
dell’indice dei prezzi al consumo.
Inoltre, nell’esercizio delle attivita’ di controllo sui prezzi dei
servizi dell’operatore notificato, l’Autorita’ e’ chiamata a
verificare il rispetto degli obblighi che ricadono su detto operatore
ai sensi del vigente quadro regolamentare comunitario e nazionale; si
tratta del rispetto dei principi regolamentari relativi a: a)
standard qualitativi e tecnici delle condizioni di accesso alla rete
e di uso dei servizi; b) trasparenza e non discriminazione; c)
orientamento al costo; d) separazione contabile e sistemi appropriati
di contabilita’; e) fornitura di servizi informati…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

Edilone.it