AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI | Edilone.it

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 28 maggio 2003: Disposizioni per il funzionamento dell'ufficio di Roma. (Deliberazione n. 189/03/CONS). (GU n. 137 del 16-6-2003)

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 28 maggio 2003

Disposizioni per il funzionamento dell’ufficio di Roma.
(Deliberazione n. 189/03/CONS).

L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI
Nella sua riunione di Consiglio del 28 maggio 2003;
Vista la legge 31 luglio 1997, che istituisce l’Autorita’ per le
garanzie nelle comunicazioni;
Vista la delibera n. 17/98 – «Approvazione dei regolarnenti
concernenti la gestione amministrativa e la contabilita’, il
trattamento giuridico ed economico del personale dell’Autorita’ per
le garanzie nelle comunicazioni» e successive modifiche ed
integrazioni, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 169 del 22 luglio 1998;
Vista la delibera n. 316/02/CONS del 9 ottobre 2002 con la quale e’
stato adottato il nuovo regolamento concernente l’organizzazione ed
il funzionamento dell’Autorita’, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana del 5 novembre 2002, n. 259;
Visto, in particolare, l’art. 6 relativo agli uffici
dell’Autorita’;
Vista la delibera n. 84/00/CONS recante «Disposizioni transitorie
per il funzionamento dell’Ufficio di rappresentanza di Roma»;
Vista la delibera n. 729/00/CONS recante «Articolazione di secondo
livello e relative attivita’ dei dipartimenti e dei servizi
dell’Autorita»;
Vista la delibera n. 83/02/CONS recante «Articolazione dei
dipartimenti di cui agli articoli 19, 20, 21, 22 e dei servizi di cui
all’art. 23 del regolamento concernente l’organizzazione ed il
funzionamento dell’Autorita»;
Vista la delibera n. 217/02/CONS recante disposizioni concernenti
il trattamento di missione del personale dell’Autorita’ pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 27 luglio
2002, n. 175;
Vista la dichiarazione congiunta, sottoscritta con le
organizzazioni sanitarie in data 30 ottobre 2002, nella quale si e’
convenuto di procedere ad un’allocazione delle funzioni presso
l’Ufficio di Roma, mediante l’individuazione di uffici o parti di
essi, purche’ strettamente funzionali alle competenze in via di
attribuzione all’Autorita’ dai disegni di legge attualmente in
discussione;
Considerata l’opportunita’ di procedere alla razionalizzazione
dell’attuale assetto tra la sede di Napoli, che rimane il nucleo
principale dello svolgimento delle attivita’ istituzionali
dell’Autorita’, e l’Ufficio di Roma, nonche’ l’opportunita’ di
adottare fin d’ora le misure organizzative idonee a consentire
l’immediata operativita’ della struttura rispetto ai nuovi compiti
che saranno assegnati all’Autorita’ sulla base dei disegni di legge
in itinere;
Ritenuto, pertanto, di procedere all’individuazione degli uffici e
delle funzioni da allocare su Roma, nelle more della definizione
della pianta organica e del conseguente riassetto organizzativo
generale, che sara’ comunque effetuato anche tenendo conto della
convergenza tra settore audiovisivo e settore delle telecomunicazioni
che ha ispirato l’istituzione e l’organizzazione dell’Autorita’.
Ritenuto, inoltre, di procedere tenendo conto dell’attuale assetto
organizzativo e delle attivita’ svolte e delle professionalita’ del
personale in servizio;
Considerata l’opportunita’ di assicurare il regolare assolvimento
dei compiti istituzionali e di rappresentanza svolti dagli organi e
dalle strutture e di garantire il miglior funzionamento complessivo
della struttura;
Considerata, altresi’, la necessita’ di assicurare il necessario
coordinamento e raccordo amministrativo delle iniziative degli uffici
dei dipartimenti e dei servizi;
Sentite le organizzazioni sindacali SIBC-FISAV, FISAC-CGIL,
FIBA-CISL, FALBI ed acquisto l’accordo relativamente alle
disposizioni dell’art. 3 con le organizzazioni sindacali SIBC-FISAV,
FISAC-CGIL e FALBI;
Visto il protocollo d’intesa per il potenziamento ed il
consolidamento della struttura organizzativa dell’Autorita’ siglato
con le organizzazione sindacale SIBC-FISAV, FISAC-CGIL e FALBI il
23 maggio 2003;
Vista la proposta del segretario generale;
Udita la relazione del presidente;
Delibera:
Art. 1.
Uffici dell’Autorita’ in Roma
1. I seguenti uffici e aree sono allocati in Roma:
a) nell’ambito del segretariato generale;
1) ufficio del comitato di coordinamento e monitoraggio;
2) ufficio per il supporto agli organismi;
b) nell’ambito del servizi relazioni istituzionali:
1) area istituzioni;
2) area CNU;
c) nell’ambito del servizio relazioni internazionali e
comunitarie:
1) area comunitaria;
d) nell’ambito del servizio giuridico:
1) area tutela e contenzioso;
e) dipartimento regolamentazione:
1) ufficio operatori e contenuti audiovisivo, editoria e
multimedialita’;
f) dipartimento vigilanza e controllo:
1) ufficio operatori e contenuti audiovisivo, editoria e
multimedialita’;
g) dipartimento garanzie e contenzioso:
1) ufficio sanzioni nell’audiovisivo, editoria e
multimedialita’.
2. Al fine di assicurare il regolare assolvimento dei compiti
istituzionali e di rappresentanza svolti dagli organi e di garantire
il miglior funzionamento complessivo della struttura, gli uffici di
seguito elencati, fino alla definizione della pianta organica ed al
conseguente riassetto organizzativo, svolgano le proprie attivita’
avvalendosi di proprio personale anche su Roma:
a) nell’ambito del segretariato generale:
1) ufficio del segretario generale;
2) ufficio del consiglio;
3) ufficio della commissione per le infrastrutture e le reti;
4) ufficio della commissione per i servizi ed i prodotti;
b) uffici del servizio risorse umane e finanziarie;
c) nell’ambito del servizio relazioni esterne e rapporti con la
stampa:
1) area rapporti con gli organi di informazioni;
2) area rapporti con il pubblico.
3. Ferma restando che le segreterie di direzione dei servizi e le
unita’ di supporto dei dipartimenti restano allocate su Napoli, al
fine di garantire l’operativita’ complessiva della struttura, di
assicurare adeguati raccordi con il Ministero delle comunicazioni,
con l’Autorita’ garante della concorrenza e del mercato e con il
Garante per la protezione dei dati personali, anche alla luce del
nuovo quadro regolamentare comunitario le segreterie di direzione dei
servizi, le unita’ di supporto dei dipartimenti, nonche’ quelle dei
coordinatori dei dipartimenti e dei servizi previste dalla delibera
n. 83/02/CONS, si avvalgono di personale anche nell’Ufficio di Roma
nella misura complessiva di venti unita’.

Art. 2.
Procedure di mobilita’
1. Le procedure di mobilita’ per il personale non dirigenziale da
utilizzare per il funzionamento degli uffici e lo svolgimento delle
funzioni di cui ai commi l e 3, dell’art. 1 sono definite sulla base
di un apposito accordo con le organizzazioni sindacali.

Art. 3.
Personale con funzioni dirigenziali
1. I dirigenti organizzano la propria presenza in servizio ed il
proprio orario di lavoro secondo le esigenze funzionali correlate
all’espletamento degli incarichi loro affidati fornendo, mediante
autocertificazione, le relative attestazioni della presenza in
servizio.
2. Ferme restando le responsabilita’ connesse con l’attivita’ di
direzione, coordinamento e controllo dell’attivita’ degli uffici che
da essi dipendono, che comportano la necessita’ di una adeguata
permanenza presso gli uffici medesimi, nonche’ con l’attivita’ di
coordinamento sia nell’ambito delle strutture dell’Autorita’, che
nell’ambito dei rapporti con gli organismi esterni, ed al fine di
razionalizzare e contenere la spesa generale connessa alla gestione
degli spostamenti di servizio tra Napoli e Roma, il personale che
alla data di entrata in vigore delle presenti disposizioni presti
servizio presso l’Autorita’ con la qualifica di dirigente, elegge tra
Roma e Napoli una sede di riferimento ai soli fini del trattamento di
missione. Al medesimo personale, per gli spostamenti di servizio tra
Napoli e Roma e viceversa, compete il rimborso delle spese di viaggio
documentato ed il rimborso delle spese di alloggio nei limiti
previsti dalla tabella C allegata alla delibera n. 217/02/CONS.

Art. 4.
Disposizioni finali
1. Le disposizioni della presente delibera sono assunte nelle more
della definizione della pianta organica e del conseguente riassetto
organizzativo, che sara’ comunque effettuato tenendo conto della
convergenza tra settore audiovisivo e settore delle telecomunicazioni
che ha ispirato l’istituzione e l’organizzazione dell’Autorita’.
2. Il direttore del servizio risorse umane e finanziarie provvede a
tutte le iniziative e gli atti per le iniziative della presente
delibera.
La presente delibera e’ pubblicata nel Bollettino ufficiale e nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Napoli, 28 maggio 2003
Il presidente: Cheli

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

Edilone.it