AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI | Edilone.it

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 14 luglio 2005: Approvazione della direttiva in materia di qualita' e carte dei servizi di comunicazioni mobili e personali, offerti al pubblico su reti radiomobili terresti di comunicazione elettronica, ai sensi dell'articolo 1, comma 6, lettera b), numero 2, della legge 31 luglio 1997, n. 249. (Deliberazione n. 104/05/CSP). (GU n. 174 del 28-7-2005)

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 14 luglio 2005

Approvazione della direttiva in materia di qualita’ e carte dei
servizi di comunicazioni mobili e personali, offerti al pubblico su
reti radiomobili terresti di comunicazione elettronica, ai sensi
dell’articolo 1, comma 6, lettera b), numero 2, della legge 31 luglio
1997, n. 249. (Deliberazione n. 104/05/CSP).

L’AUTORITA’
PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI
Nella riunione della Commissione per i servizi e i prodotti del
14 luglio 2005;
Vista la legge 14 novembre 1995, n. 481, recante norme per la
concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilita’ e
l’istituzione delle Autorita’ di regolazione dei servizi di pubblica
utilita’;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, sull’istituzione
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo, ed in particolare
l’art. 1, comma 6, lettera b), n. 2;
Vista la legge 30 luglio 1998, n. 281, recante «Disciplina dei
diritti dei consumatori e degli utenti»;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 286, di riordino e
potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e
valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell’attivita’
svolta dalle amministrazioni pubbliche, a norma dell’art. 11 della
legge 15 mar zo 1997, n. 59;
Visto il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante:
«Codice delle comunicazioni elettroniche», ed in particolare gli
articoli 72 e 83;
Vista la direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri
27 gennaio 1994, recante principi sull’erogazione dei servizi
pubblici, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 43 del 22 febbraio 1994;
Vista la propria delibera n. 179/03/CSP del 24 luglio 2003,
recante: «Approvazione della direttiva generale in materia di
qualita’ e carte dei servizi di telecomunicazioni ai sensi dell’art.
1, comma 6, lettera b), numero 2, della legge 31 luglio 1997, n.
249», pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
n. 193 del 21 agosto 2003;
Considerato che l’art. 1, comma 6, lettera b), n. 2, della legge n.
249/1997 prevede che l’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni
emani direttive concernenti i livelli generali di qualita’ dei
servizi e per l’adozione da parte degli organismi di
telecomunicazioni di una carta del servizio recante l’indicazione di
standard minimi per ciascun comparto di attivita’;
Considerato che la direttiva generale in materia di qualita’ e
carte dei servizi di telecomunicazioni, approvata con la delibera n.
179/03/CSP del 24 luglio 2003, ha delineato il quadro di riferimento
al riguardo ed ha previsto che con successive direttive, specifiche
per ciascun comparto, fosse individuato un insieme minimo di
indicatori di qualita’ dei servizi, tenendo conto delle norme
tecniche internazionali, in particolare di quelle dell’ETSI;
Considerato che il decreto legislativo 1° agosto 2003 n. 259,
recante «Codice delle comunicazioni elettroniche» (di seguito «il
Codice») all’art. 72 ha precisato che l’Autorita’ puo’ prescrivere
alle imprese fornitrici di servizi di comunicazione elettronica
accessibili al pubblico di pubblicare, ad uso degli utenti finali,
informazioni comparabili, adeguate ed aggiornate sulla qualita’ dei
servizi offerti;
Considerata la necessita’ di dare attuazione a quanto previsto dal
Codice e dalla delibera n. 179/03/CSP con l’emanazione di una
direttiva specifica in materia di qualita’ e carte dei servizi per il
comparto dei servizi di comunicazioni mobili e personali offerti al
pubblico su reti radiomobili terrestri;
Considerato che la presente direttiva individua gli indicatori
generali di qualita’ dei servizi di comunicazioni mobili e personali
(GSM e UMTS), offerti al pubblico su reti radiomobili terrestri, i
criteri per la loro misura e le modalita’ di pubblicazione dei
corrispondenti obiettivi annuali e dei risultati raggiunti, al fine
di garantire che gli utenti finali abbiano accesso a informazioni
comparabili, adeguate ed aggiornate sulla qualita’ dei servizi
offerti dalle imprese fornitrici di servizi di comunicazione
elettronica accessibili al pubblico;
Considerato che la presente direttiva, limitatamente agli
indicatori di cui agli allegati 7, 8 e 9, relativi allo scenario
della chiamata (prestazioni della rete), prevede misure di tipo
censuario, utilizzando i contatori di centrale che permettono la
comparabilita’ delle misure mediante opportuni algoritmi, e si
riferisce ai soli servizi tradizionali GSM (voce, SMS, GPRS) mentre
per i servizi piu’ recenti o innovativi (MMS, servizi WAP, etc.,) o
di terza generazione (UMTS) sono necessari ulteriori approfondimenti
anche per conseguire un maggior grado di affidabilita’ dei contatori
di centrale e di comparabilita’ delle misure e che, a tal fine,
questa direttiva promuove, ai sensi dell’art. 83, comma 2, del
Codice, l’istituzione di un apposito tavolo tecnico tra gli
operatori;
Considerato che tale tavolo tecnico, tra l’altro, potra’ elaborare,
entro sei mesi, una proposta volta a integrare gli indicatori di cui
alla presente direttiva anche con riguardo a quelli necessari per lo
scenario della chiamata dei servizi piu’ recenti o innovativi (MMS,
servizi WAP, etc,) o di terza generazione (UMTS), e che tale proposta
potra’ essere analizzata dall’Autorita’ nell’ambito di un
procedimento, ai sensi dell’art. 1, comma 6, lettera b), n. 2, della
legge 31 luglio 1997, n. 249, in cui saranno sentite anche le
associazioni dei consumatori;
Sentiti in audizione gli operatori mobili e le associazioni dei
consumatori di cui alla legge 30 luglio 1998, n. 281, anche ai sensi
dell’art. 83 del Codice;
Visti gli atti del procedimento;
Udita la relazione del Commissario, Michele Lauria, relatore ai
sensi dell’art. 32 del regolamento concernente l’organizzazione e il
funzionamento dell’Autorita’;
Delibera:
Art. 1.
1. L’Autorita’, ai sensi dell’art. 1, comma 6, lettera b), n. 2,
della legge 31 luglio 1997, emana la seguente direttiva in materia di
qualita’ e carte dei servizi di comunicazioni mobili e personali
offerti al pubblico su reti radiomobili terrestri di comunicazione
elettronica.
2. Il testo della direttiva di cui al precedente comma e’ riportato
nell’allegato A alla presente delibera e ne costituisce parte
integrante e sostanziale.
La presente delibera e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
La presente delibera e’ pubblicata nel bollettino ufficiale
dell’Autorita’ ed e’ resa disponibile nel sito web dell’Autorita’:
www.agcom.it.
Roma, 14 luglio 2005
Il presidente: Calabro’

Allegato A
alla delibera n. 104/05/CSP del 2005

DIRETTIVA IN MATERIA DI QUALITA’ E CARTE DEI SERVIZI DI
COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI, OFFERTI AL PUBBLICO SU
RETI RADIOMOBILI TERRESTI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA, AI
SENSI DELL’ARTICOLO 1, COMMA 6, LETTERA B), NUMERO 2, DELLA
LEGGE 31 LUGLIO 1997, N. 249
Art. 1
(Definizioni)
1. Ai fini della presente direttiva si intende per:
a) “Autorita’”, l’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni
istituita con la legge 31 luglio 1997, n. 249;
b) “abbonato”, la persona fisica o giuridica che sia parte di un
contratto con il fornitore di servizi di comunicazione elettronica
accessibili al pubblico, per la fornitura di tali servizi;
c) “Codice”, il codice delle comunicazioni elettroniche di cui al
decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259;
d) “direttiva generale in materia di qualita’ e carte dei servizi”,
la direttiva generale in materia di qualita’ e carte dei servizi di
telecomunicazioni ai sensi dell’articolo 1, comma 6, lettera b),
numero 2, della Legge 31 luglio 1997, n. 249, adottata con la
delibera n. 179/03/CSP del 24 luglio 2003;
e) “imprese fornitrici”, i soggetti titolari di autorizzazione,
conseguita ai sensi del Codice, alla fornitura di reti o servizi di
comunicazione elettronica accessibili al pubblico;
e) “reti di comunicazione elettronica”, i sistemi di trasmissione e,
se del caso, le apparecchiature di commutazione o di instradamento e
altre risorse che consentono di trasmettere segnali via cavo, via
radio, a mezzo di fibre ottiche o con altri mezzi elettromagnetici,
comprese le reti satellitari, le reti terrestri mobili e fisse, a
commutazione di circuito e a commutazione di pacchetto, compresa
Internet, le reti utilizzate per la diffusione circolare dei
programmi sonori e televisivi, i sistemi per il trasporto della
corrente elettrica, nella misura in cui siano utilizzati per
trasmettere i segnali, le reti televisive via cavo, indipendentemente
dal tipo di informazione trasportato;
f) “servizio di comunicazione elettronica”, i servizi, forniti di
norma a pagamento, consistenti esclusivamente o prevalentemente nella
trasmissione di segnali su reti di comunicazione elettronica,
compresi i servizi di telecomunicazioni e i servizi di trasmissione
nelle reti utilizzate per la diffusione circolare radiotelevisiva, ad
esclusione dei servizi che forniscono contenuti trasmessi utilizzando
reti e servizi di comunicazione elettronica o che esercitano un
controllo editoriale su tali contenuti; sono inoltre escl…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

Edilone.it