AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI | Edilone.it

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 19 ottobre 2004: Modifiche ed integrazioni al regolamento concernente il trattamento giuridico ed economico dell'Autorita'. (Deliberazione n. 336/04/CONS). (GU n. 267 del 13-11-2004)

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 19 ottobre 2004

Modifiche ed integrazioni al regolamento concernente il trattamento
giuridico ed economico dell’Autorita’. (Deliberazione n.
336/04/CONS).

L’AUTORITA’

Nella sua riunione di Consiglio del 19 ottobre 2004;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, istitutiva dell’Autorita’
per le garanzie nelle comunicazioni;
Vista la propria delibera n. 17/98, recante «Approvazione dei
regolamenti concernenti la gestione amministrativa e la contabilita’,
il trattamento giuridico ed economico del personale dell’Autorita’
per le garanzie nelle comunicazioni» e successive modifiche ed
integrazioni, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 169 del 22 luglio 1998;
Vista la propria delibera n. 316/02/CONS del 9 ottobre 2002,
recante «Adozione del nuovo regolamento concernente l’organizzazione
ed il funzionamento dell’Autorita», pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 259 del 5 novembre 2002;
Visto l’accordo concernente la definizione della pianta organica e
l’ordinamento del personale, stipulato tra l’Autorita’ e le
organizzazioni sindacali SIBC e FALBI in data 30 luglio 2004,
ratificato dal Consiglio in data 8 settembre 2004;
Vista la nota del direttore del servizio risorse Umane e
Finanziarie del 2 agosto 2004 relativa, tra l’altro, alla
compatibilita’ economica del citato accordo in tema di pianta
organica e ordinamento del personale;
Considerata la necessita’ di recepire le modifiche al regolamento
del personale previste nell’accordo di cui trattasi, con riferimento
all’articolazione in fasce di ciascuna qualifica funzionale in
corrispondenza di specifici profili professionali;
Considerata la necessita’ di salvaguardare il preesistente stato
giuridico ed economico del personale gia’ appartenente ai ruoli
dell’Autorita’ alla data di ratifica del richiamato accordo,
prevedendo un’apposita fascia speciale per ciascuna qualifica
funzionale ad eccezione di quella dirigenziale;
Considerato, infatti, che il personale con qualifica di dirigente
e’ destinatario di appositi incarichi che consentono allo stato di
individuarne le specifiche professionalita’;
Ritenuto opportuno prevedere, al fine di favorire il passaggio di
tutto il personale di ruolo collocato nelle fasce speciali
transitorie, procedure che consentano il transito su base volontaria
nelle fasce funzionali all’esito della declaratoria dei profili
professionali o, in alternativa, la partecipazione a procedure di
sviluppo di carriera;
Ritenuto opportuno che alla fascia apicale della qualifica di
funzionario, ossia quella di primo funzionario, nell’ambito della
quale verra’ disciplinata la funzione di vice dirigente, funzione
attualmente solo prevista e finora non attribuita, si accedera’
esclusivamente attraverso apposite procedure di selezione riservate,
nel rispetto dei principi fissati in materia dalla giurisprudenza
della Corte Costituzionale;
Considerato che la definizione dei profili professionali
consentira’ di procedere quanto prima all’avvio delle procedure
concorsuali e di stabilizzazione;
Considerato opportuno definire entro breve termine il trattamento
economico del personale di ruolo dirigenziale secondo la stretta
interrelazione tra funzioni svolte e trattamento retributivo;
Vista la proposta del Segretario generale d’intesa con il Direttore
del Servizio risorse umane e finanziarie;
Udita la relazione dei Commissari, dott. Giuseppe Sangiorgi ed ing.
Vincenzo Monaci, relatori ai sensi dell’articolo 32 del Regolamento
concernente l’organizzazione e il funzionamento dell’Autorita’;
Delibera:
Art. 1.
Modifiche ed integrazioni del regolamento concernente il trattamento
giuridico ed economico del personale

1. All’articolo 23 del regolamento concernente il trattamento
giuridico ed economico del personale e’ aggiunto il seguente comma:
«2. Ciascuna qualifica e’ suddivisa come segue in fasce
funzionali, corrispondenti a diversi gradi di autonomia e di
responsabilita’:
dirigente di III fascia – livelli da 0 a 17
dirigente di II fascia – livelli da 18 a 32
dirigente di I fascia – livelli oltre il 33
funzionario di III fascia – livelli da 0 a 8
funzionario di II fascia – livelli da 9 a 20
funzionario di I fascia – livelli da 21 a 30
Primo funzionario – livelli oltre il 30
operativo di II fascia – fasce D e C
operativo di I fascia – fasce B e A
esecutivo di II fascia – fasce D e C
esecutivo di I fascia – fasce B e A.».
2. Le declaratorie corrispondenti alle singole fasce nell’ambito di
ciascuna qualifica sono attuate entro trenta giorni dall’adozione
della presente delibera.

Art. 2.
Disposizioni transitorie

1. Fino alla definizione delle apposite declaratorie corrispondenti
alle diverse fasce resta fermo quanto previsto dagli articoli 24, 25,
26, 27 del regolamento concernente il trattamento giuridico ed
economico del personale.
2. Il personale di ruolo alla data di entrata in vigore della
presente delibera salvo il personale con qualifica dirigenziale, e’
inquadrato in una fascia speciale transitoria istituita per ciascuna
delle qualifiche di funzionario, operativo ed esecutivo, mantenendo
il trattamento giuridico ed economico in godimento.
3. Il personale di ruolo con qualifica di dirigente con livello
pari o superiore al 33 e’ inserito nella prima fascia e il restante
personale dirigenziale di ruolo nella seconda fascia, fermo restando
comunque l’attuale trattamento economico. Entro sessanta giorni dalla
entrata in vigore della presente delibera e’ comunque definita la
disciplina del trattamento economico del personale di ruolo
dirigenziale secondo la stretta interrelazione fra funzioni svolte e
trattamento retributivo.
La presente delibera e’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e nel bollettino ufficiale dell’Autorita’.

Roma, 19 ottobre 2004

Il presidente: Cheli

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

Edilone.it