AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 2 febbraio 2007 | Edilone.it

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 2 febbraio 2007

AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 2 febbraio 2007 - Integrazioni e modifiche alla deliberazione 27 dicembre 2006, n. 318/06, in merito a condizioni economiche e ritiro dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili. (Deliberazione 16/07). (GU n. 71 del 26-3-2007- Suppl. Ordinario n.84)

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 2 febbraio 2007

Integrazioni e modifiche alla deliberazione 27 dicembre 2006, n.
318/06, in merito a condizioni economiche e ritiro dell’energia
elettrica prodotta da fonti rinnovabili. (Deliberazione 16/07).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS
Nella riunione del 2 febbraio 2007;
Visti:
la direttiva 2001/77/CE del Parlamento europeo e del Consiglio
del 27 settembre 2001;
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
la legge 23 agosto 2004, n. 239/2004;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79;
il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 (di seguito:
decreto legislativo n. 387/2003);
il decreto del Ministro delle attivita’ produttive, di concerto
con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio
24 ottobre 2005, recante l’aggiornamento delle direttive per
l’incentivazione dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili
ai sensi dell’art. 11, comma 5, del decreto legislativo n. 79/1999
(di seguito: decreto ministeriale 24 ottobre 2005);
la deliberazione dell’Autorita’ 23 febbraio 2005, n. 34/05 e sue
successive modifiche ed integrazioni (di seguito: deliberazione n.
34/05);
la deliberazione dell’Autorita’ 27 dicembre 2006, n. 318/06 (di
seguito: deliberazione n. 318/06);
la sentenza del TAR per il Lazio del 6 aprile 2006, n. 3017;
Considerato che:
l’Autorita’, con la deliberazione n. 318/06, ha aggiornato le
condizioni economiche di ritiro dell’energia elettrica di cui
all’art. 13, commi 3 e 4, del decreto legislativo n. 387/03, ai sensi
dell’art. 11, comma 5, del decreto ministeriale 24 ottobre 2005;
l’Autorita’, con la medesima deliberazione, ha altresi’ previsto
che il predetto aggiornamento sia disposto in via provvisoria e salvo
conguaglio, poiche’ al termine del contenzioso tuttora in corso
potrebbe venir meno, con effetto retroattivo, l’art. 11, comma 5, del
decreto ministeriale 24 ottobre 2005;
la deliberazione n. 318/06 modifica anche la definizione dei
prezzi minimi garantiti per gli impianti idroelettrici di potenza
nominale media annua fino a 1 MW e per gli impianti alimentati dalle
altre fonti rinnovabili di potenza nominale elettrica fino a 1 MW di
cui all’art. 5 della deliberazione n. 34/05;
in seguito alla pubblicazione della deliberazione n. 318/06, sono
pervenute all’Autorita’ per le vie brevi alcune richieste di
precisazione in merito a:
a) le modalita’ di confronto tra il prezzo minimo garantito
calcolato ai sensi dell’art. 5 della deliberazione n. 34/05 ed il
prezzo unico indifferenziato per fasce orarie di cui all’art. 4,
comma 4.2, della medesima deliberazione;
b) le modalita’ di effettuazione degli eventuali conguagli
previsti al punto 3 della medesima deliberazione;
Ritenuto opportuno:
fornire le predette precisazioni integrando e modificando la
deliberazione n. 318/06, al fine di prevedere che:
a) il confronto tra il prezzo minimo garantito calcolato ai
sensi dell’art. 5 della deliberazione n. 34/05 ed il prezzo unico
indifferenziato per fasce orarie di cui all’art. 4, comma 4.2, della
medesima deliberazione sia effettuato su base annuale e limitatamente
ai primi 2.000.000 di kWh ritirati annualmente;
b) i conguagli di cui al punto 3 siano effettuati facendo
riferimento al prezzo indicato dal produttore ai sensi del punto 5
della medesima deliberazione;
Delibera:
1. di sostituire, al punto 2. della deliberazione n. 318/06, le
parole «sono pari, in ciascun mese, al maggior valore tra il prezzo
calcolato ai sensi del comma 5.1 ed il prezzo unico indifferenziato
per fasce orarie di cui all’art. 4, comma 4.2» con le seguenti: «sono
pari, in ciascun anno, limitatamente ai primi 2.000.000 di kWh
ritirati, al maggior valore tra il prezzo calcolato ai sensi del
comma 5.1, lettera a), ed il prezzo unico indifferenziato per fasce
orarie di cui all’art. 4, comma 4.2»;
2. di sostituire il punto 6. della deliberazione n. 318/06 con il
seguente:
«6. il gestore di rete effettua il conguaglio di cui al
precedente punto 3 facendo riferimento al prezzo indicato dal
produttore ai sensi del precedente punto 5»;
3. di prorogare al 28 febbraio 2007 il termine di cui al punto 4.
della deliberazione n. 318/06;
4. di pubblicare sul sito internet dell’Autorita’
(www.autorita’.energia.it) il testo della deliberazione n. 318/06,
come risultante dalle modificazioni ed integrazioni apportate con il
presente provvedimento;
5. di pubblicare il presente provvedimento nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana e sul sito internet dell’Autorita’
(www.autorita.energia.it).
Milano, 2 febbraio 2007
Il presidente: Ortis

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 2 febbraio 2007

Edilone.it