AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - COMUNICATO: Disciplinare per l'attuazione dell'intervento comunitario di acquisto di zucchero ottenuto da barbabietole o canne raccolte nella comunita' - Campagne 2004-2005 | Edilone.it

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA – COMUNICATO: Disciplinare per l’attuazione dell’intervento comunitario di acquisto di zucchero ottenuto da barbabietole o canne raccolte nella comunita’ – Campagne 2004-2005

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - COMUNICATO: Disciplinare per l'attuazione dell'intervento comunitario di acquisto di zucchero ottenuto da barbabietole o canne raccolte nella comunita' - Campagne 2004-2005 e 2005-2006. (GU n. 122 del 27-5-2005)

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

COMUNICATO

Disciplinare per l’attuazione dell’intervento comunitario di acquisto
di zucchero ottenuto da barbabietole o canne raccolte nella comunita’
– Campagne 2004-2005 e 2005-2006.

Art. 1.
Condizioni dell’offerta
Lo zucchero offerto all’intervento deve rispondere ai seguenti
requisiti relativi alla natura e all’origine dello zucchero:
a) lo zucchero bianco o grezzo deve essere zucchero di quota A
o B prodotti da un beneficiario di una quota di base, affinche’
l’offerta sia valida per l’AGEA;
b) prodotti, nel corso dello stessa campagna di
commercializzazione (1° luglio – 30 giugno) nella quale e’ stata
presentata l’offerta; tuttavia gli zuccheri prodotti durante la
campagna di commercializzazione immediatamente precedente quella
dell’offerta possono essere ancora offerti fino al 31 agosto
successivo alla campagna stessa;
c) essere di proprieta’ dell’offerente al momento della
presentazione dell’offerta e non essere stato, precedentemente,
oggetto di una misura d’intervento mediante acquisto.
Ogni offerta di zucchero all’intervento e’ presentata con
riferimento ad una partita. Si intende per partita un quantitativo di
zucchero di 500 tonnellate, avente la stessa qualita’ e lo stesso
modo di presentazione e giacente nel medesimo luogo di magazzinaggio.
Tuttavia, se l’interessato intende offrire un quantitativo maggiore,
la parte eccedente 500 tonnellate o un suo multiplo e’ considerata
costituente una partita.
Al momento dell’offerta, l’intero quantitativo presentato deve
essere depositato in un magazzino riconosciuto dallo Stato membro.
Lo zucchero offerto all’intervento deve riferirsi esclusivamente
a zuccheri in cristalli di qualita’ sana, leale e mercantile.
Inoltre, detti zuccheri debbono rispondere alle seguenti
condizioni:
zucchero bianco: presentare un tenore di umidita’ uguale o
inferiore allo 0,06% facilmente scorrevole;
zucchero greggio di canna: presentare un rendimento non
inferiore all’89% e avere un fattore di sicurezza non superiore a
0,30;
zucchero greggio di barbabietole: presentare un rendimento non
inferiore all’89%, avere un valore PH al momento dell’accettazione
dell’offerta non inferiore a 7,9, avere un contenuto di zucchero
invertito non eccedente lo 0,07%, possedere una temperatura che non
presenti alcun rischio per la buona conservazione, presentare un
fattore di sicurezza non superiore a 0,45 quando il grado di
polarizzazione e’ uguale o superiore a 1997 ovvero un tenore di
umidita’ non eccedente l’1,4% quando il grado di polarizzazione e’
inferiore a 97.
Il fattore di sicurezza e’ stabilito dividendo la percentuale del
tenore di umidita’ dello zucchero considerato per la differenza tra
100 e il grado di polarizzazione di tale zucchero.

Art. 2.
Offerta
L’offerta, redatta secondo gli schemi allegati (all. I – II),
spedita o trasmessa tramite telefax (0649499761), con l’obbligo di
inviare senza indugio l’originale, deve essere sottoscritta dal
legale rappresentante o da un procuratore da lui delegato con procura
speciale, indirizzata all’AG.E.A. Ufficio Ammassi pubblici, privati e
alcool – via Torino, 45 – 00184 Roma, e indicare:
a) denominazione e/o ragione sociale dell’offerente, sede
legale, partita IVA e codice fiscale, cognome, nome, qualifica, luogo
e data di nascita del legale rappresentante, o nel caso di
procuratore anche originale della procura speciale, codice fiscale e
partita IVA;
b) il magazzino riconosciuto, iscritto all’Albo dei depositari
dell’AG.E.A., in cui si trova depositato lo zucchero al momento
dell’offerta;
c) la capacita’ di svincolo dal magazzino e, se del caso,
quella di insaccamento che vengono garantite per il ritiro dello
zucchero offerto;
d) la quantita’ netta di zucchero offerto;
e) la natura e qualita’ dello zucchero offerto e la campagna
saccarifera durante la quale e’ stato prodotto;
f) il modo di presentazione dello zucchero sfuso o in sacchi.
L’offerta deve essere corredata da una dichiarazione
dell’offerente attestante che lo zucchero in causa non e’ stato
oggetto in precedenza di una misura d’intervento mediante acquisto,
e’ di proprieta’ dell’offerente, non e’ oggetto di alcun impegno nei
confronti di creditori pignoratizi, non e’ gravato da altri limiti di
disponibilita’ e risponde ai requisiti di cui all’art. 4 paragrafo 1,
lettera a) del Reg. (CE) n. 1262/2001.
L’offerta e’ vincolante per un periodo di tre settimane dal
giorno di presentazione all’AG.E.A. e, per l’esatta determinazione
della decorrenza del suddetto termine, fa fede la data dell’ufficio
accettazione dell’AG.E.A. e/o della data del telefax.
Previo accordo con l’AG.E.A. l’offerta puo’ essere ritirata entro
detto periodo di tre settimane. Non piu’ tardi della fine del periodo
del suddetto termine di tre settimane, l’AG.E.A. comunica
all’offerente l’accettazione o il rifiuto dell’offerta, se dall’esame
della stessa risulta che una delle condizioni richieste non e’
soddisfatta.

Art. 3.
Il contratto di acquisto
L’AGEA esamina l’offerta e l’accetta entro le tre settimane
successive alla presentazione dell’offerta stessa.
Il contratto di acquisto, che si conclude con uno scambio di
lettere commerciali (proposta di offerta ed accettazione corredata
della prescritta documentazione), e’ subordinato alla presentazione
all’AGEA. dell’originale dei seguenti documenti:
attestazione dell’assicurazione che garantisce lo zucchero
all’intervento contro i rischi di incendio, sabotaggio, terrorismo,
terremoti, calamita’ naturali, causa di forza maggiore e fatti
eccezionali e altri sinistri particolari agli zuccherifici e ai
magazzini, rilasciata dalla compagnia assicurativa;
appendice di vincolo, a favore dell’AGEA., rilasciata
dall’assicurazione alla Societa’ proprietaria o locataria del
magazzino;
dichiarazione sotto la responsabilita’ del titolare o del
legale rappresentante, certificante che tutto lo zucchero offerto non
e’ oggetto di alcun impegno nei confronti di creditori pignoratizi e
che non e’ gravato da altri limiti di disponibilita’;
certificati di analisi riguardanti lo zucchero offerto;
fattura di vendita della merce alla rinfusa, il cui importo e’
determinato in base alla categoria od al rendimento provvisorio del
92% qualora si tratti di zucchero greggio, piu’ I.V.A;
copia autenticata, in caso di locazione del magazzino di
deposito dello zucchero, del relativo contratto;
costituzione da parte del venditore di una idonea cauzione,
redatta secondo lo schema allegato (all. III e IV), pari al 5%
dell’importo del pagamento provvisorio, a garanzia dell’esattezza
delle indicazioni che figurano nell’offerta;
dichiarazione attestante che lo zucchero offerto risulti
prodotto nella stessa campagna di commercializzazione nella quale e’
stata presentata l’offerta oppure, che e’ stato prodotto nella
campagna immediatamente precedente quella dell’offerta stessa, come
previsto ai sensi dell’art. 4, paragrafo 1, lettera a) del Reg. CE n.
1262/2001;
dichiarazione sulle modalita’ di pagamento (commutazione in
vaglia cambiario non trasferibile della Banca d’Italia,
accreditamento in conto corrente bancario o postale).
Il contratto di acquisto deve contenere tutte quelle indicazioni
gia’ menzionate nei precedenti articoli e segnatamente le
caratteristiche dello zucchero acquistato ed il modo di
presentazione, il luogo di magazzinaggio, la capacita’ giornaliera di
svincolo dal magazzino e di insaccamento che sono garantite all’AGEA.
per il ritiro della merce.
Inoltre il contratto di acquisto dovra’ specificare:
il prezzo di acquisto dello zucchero;
qualora lo zucchero non e’ offerto sfuso, il pagamento dello
spese di condizionamento non e’ imputabile all’AGEA.;
le condizioni del pagamento provvisorio e del pagamento
definitivo;
le condizioni del trasferimento di proprieta’;
le modalita’ di ritiro e di carico;
l’indicazione partita per partita relativa all’offerta;
eventuali disposizioni riguardanti i modi di condizionamento
cosi’ come previsti nell’art. 18 del Reg. CE 1262/2001.
Il contratto di acquisto puo’ essere risolto solo prima del
ritiro dello zucchero e di comune accordo come previsto dall’art. 8,
paragrafo 4 del citato regolamento.
Nel caso in cui il contratto di acquisto venga risolto:
a) la restituzione da parte del venditore dovra’ avvenire
secondo quanto disposto dall’art. 7, comma 2 del Reg. CEE 3597/90 del
12 dicembre 1990;
b) l’AG.E.A. deve versare, per il periodo avente diritto, le
spese di magazzinaggio al venditore.

Art. 4.
Contratto di magazzinaggio
L’art. 9 paragrafo 1) del Reg. CE n. 1262/2001 dispone che
durante la campagna di commercializzazione, gli organismi
d’intervento hanno l’obbligo di acquistare lo zucchero bianco e lo
zucchero greggio prodotti nell’ambito del regime delle quote,
fabbricati con barbabietole o canne raccolte nella Comunita’ che
vengono loro offerti, purche’ tale zucchero sia oggetto di un
contratto di magazzinaggio preventivamente stipulato tra l’offerente
e l’AG.E.A.
Il contratto di magazzinaggio, che si conclude con uno scambio di
lettere commerciali, …

[Continua nel file zip allegato]

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA – COMUNICATO: Disciplinare per l’attuazione dell’intervento comunitario di acquisto di zucchero ottenuto da barbabietole o canne raccolte nella comunita’ – Campagne 2004-2005

Edilone.it