AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA | Edilone.it

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - CIRCOLARE 27 maggio 2003, n.704: Bando di gara per la cessione alle industrie di distillazione di nettarine, pesche, pere e mele ritirate dal mercato dalle organizzazioni dei produttori. (Regolamento C.E. n. 1492/97 del 29 luglio 1997). (GU n. 125 del 31-5-2003)

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

CIRCOLARE 27 maggio 2003, n.704

Bando di gara per la cessione alle industrie di distillazione di
nettarine, pesche, pere e mele ritirate dal mercato dalle
organizzazioni dei produttori. (Regolamento C.E. n. 1492/97 del 29
luglio 1997).

L’Agenzia per le erogazioni in agricoltura – AGEA via Palestro, 81
– Roma, indice una gara, ai sensi del regolamento C.E. n. 1492/97 del
29 luglio 1997, per la vendita alle industrie di distillazione in
base ad offerte di acquisto di nettarine, pesche, pere e mele,
ritirate dal mercato dalle organizzazioni dei produttori agricoli
(allegato n. 1), ai sensi del regolamento C.E. n. 2200/96 nel
periodo: 1° maggio 2003-30 giugno 2004 cosi’ suddiviso per prodotto:
nettarine: 1° maggio 2003-30 aprile 2004;
pesche: 1° maggio 2003-30 aprile 2004;
pere: 1° giugno 2003-31 maggio 2004;
mele : 1° luglio 2003-30 giugno 2004.
La gara permanente e’ svolta per serie di offerte i cui termini di
presentazione scadono alle ore 11 dei giorni sottoindicati salvo il
differimento al giorno lavorativo immediatamente successivo.
La prima serie di offerte per le nettarine scade alle ore 11 del
giorno 16 giugno 2003, per le pesche alle ore 11 del giorno 17 giugno
2003, per le pere alle ore 11 del giorno 7 luglio 2003 e per le mele
alle ore 11 del giorno 8 luglio 2003.
La seconda serie di offerte per le nettarine scade alle ore 11 del
giorno 3 settembre 2003, per le pesche alle ore 11 del giorno 4
settembre 2003, per le pere alle ore 11 del giorno 4 dicembre 2003 e
per le mele alle ore 11 del giorno 5 dicembre 2003.

I. Oggetto e condizioni della vendita.

1. Sono oggetto della vendita le nettarine, le pesche, le pere e le
mele di produzione della campagna 2003/2004 eventualmente disponibili
per l’aggiudicazione presso i magazzini dei centri di ritiro di tutte
le organizzazioni dei produttori riconosciute dalle regioni ai sensi
degli articoli 11 e 13 del regolamento (CE) n. 2200/96 e secondo le
modalita’ prescritte e contenute nella circolare MIRAAF n. 6/97 anche
se non indicate nell’allegato 1 del presente bando, nel periodo di
disponibilita’ del prodotto previsto dai regolamenti comunitari
numeri 659/97 e 1492/97 ed indicato nel bando medesimo.
2. Le nettarine, le pesche, le pere e le mele di qualsiasi varieta’
debbono corrispondere alle caratteristiche di qualita’ prescritte dai
regolamenti comunitari numeri 2335/99 per nettarine e pesche e numeri
421/90 e 487/90 per pere e mele.
3. Coloro che otterranno l’aggiudicazione di prodotto hanno
l’obbligo di destinare le quantita’ aggiudicate soltanto alla
trasformazione per la produzione di alcool di gradazione superiore a
80°, ottenuto per distillazione diretta del prodotto per la
successiva denaturazione ai sensi del regolamento (CE) n. 3199/93,
con destinazione esclusiva ad uso industriale e non alimentare.

II. Prezzo.

1. Le nettarine e le pesche sono cedute al prezzo non inferiore a
quello minimo di Euro 0,50 oltre IVA per tonnellata netta di
prodotto.
Le pere sono cedute al prezzo non inferiore a quello minimo di
Euro 1,00 oltre IVA per tonnellata di prodotto.
Le mele sono cedute al prezzo non inferiore a quello minimo di
Euro 1,50 oltre IVA per tonnellata netta di prodotto.
Tale prezzo minimo e’ valido per le serie di offerte cosi’ come
sopra stabilito, salvo variazioni disposte dall’AGEA con decisione
pubblica almeno dieci giorni prima della scadenza del termine
stabilito per la presentazione delle offerte delle serie successive
alla decisione di variazione.
Le decisioni di variazione non avranno effetto sulle offerte
presentate per le serie gia’ espletate.
2. Il prezzo di vendita si intende riferito a merce presentata
franco magazzino del centro di ritiro dell’Organizzazione dei
produttori cedente.
3. Il prezzo effettivo di cessione e’ quello proposto nella offerta
accolta.

III. Offerta.

1. Possono presentare offerte le distillerie che intendano
effettuare la distillazione diretta in alcool e successiva
denaturazione per uso industriale del prodotto offerto, nel
territorio della Repubblica italiana o in uno dei Paesi della
Comunita’ europea.
2. L’offerta, per poter essere presa in considerazione, deve essere
corredata da un titolo di cauzione di partecipazione alla gara,
costituito mediante fideiussione bancaria oppure polizza fideiussoria
(allegato n. 2) rilasciata, ai sensi della legge 10 giugno 1982, n.
348, dalle societa’ di assicurazione di cui all’elenco pubblicato
dall’I.S.V.A.P. nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.
41 del 18 febbraio 2001. L’ammontare della predetta cauzione e’
fissato nell’importo di Euro 1,50 per tonnellata netta di prodotto.
3. L’offerta deve pervenire all’AGEA in Roma, via Palestro n. 81,
entro le ore 11 dei giorni sopra indicati, in busta chiusa recapitata
da un messo, oppure spedita con lettera raccomandata con ricevuta di
ritorno.
L’offerta deve recare nella parte esterna la denominazione o
ragione sociale e la sede dell’offerente, nonche’ la dicitura:
«Offerta per l’acquisto» (indicare il prodotto) ritirate dalle
organizzazioni dei produttori ai sensi del regolamento C.E. n.
2200/96 durante il periodo di disponibilita’ (indicare il periodo di
disponibilita’ cui l’offerta fa riferimento) – Campagna 2003/2004.
Le offerte recapitate a mano sono consegnate all’AGEA senza
rilascio di ricevuta.
Nel caso di invio dell’offerta per lettera raccomandata la busta
chiusa contenente l’offerta e recante all’esterno le indicazioni
sopra dette deve essere posta entro una seconda busta che deve essere
chiusa e recare all’esterno l’indirizzo dell’AGEA – Ufficio
63/Ortofrutta – via Palestro, 81 – Roma. L’integrita’ e il recapito
all’indirizzo di cui sopra, sono a totale carico del richiedente.
4. L’offerta, redatta in carta libera ed in lingua italiana,
secondo il testo del modello allegato al presente bando (allegato n.
3), per essere valida deve:
a) essere indirizzata all’AGEA – Ufficio 63/Ortofrutta;
b) contenere la denominazione o la ragione sociale, codice
fiscale e partita IVA, il nome, il cognome e la qualifica del legale
rappresentante, la sede dello stabilimento da cui proviene l’offerta,
nonche’ la sede dello stabilimento dove si intende effettuare la
denaturazione dell’alcool prodotto, in caso di sede diversa. Qualora
non indicata, detta sede si intendera’ quella dello stabilimento
dell’offerente;
c) contenere l’indicazione:
dell’organizzazione dei produttori presso la quale si intende
effettuare l’acquisto;
della quantita’ complessiva di prodotto espresso per tonnellata
netta, che si intende acquistare nel periodo di disponibilita’ del
prodotto stesso o per frazione di periodo di cui al precedente
paragrafo I, con le indicazioni altresi’ del quantitativo massimo
giornaliero che l’offerente e’ in grado di ritirare presso i
magazzini della organizzazione dei produttori indicato per l’acquisto
e conseguentemente di lavorare;
del prezzo di cessione offerto, IVA esclusa, non inferiore a
quello minimo stabilito al titolo II, paragrafo I, per tonnellata
netta di prodotto, espresso in cifre e in lettere, ed inteso riferito
a merce caricata su mezzo di trasporto in partenza dal magazzino di
giacenza del prodotto;
della sede dello stabilimento industriale della ditta offerente
nel quale il prodotto acquistato sara’ lavorato e denaturato, cosi’
come meglio e piu’ dettagliatamente specificato alla precedente
lettera b);
d) contenere l’impegno a destinare il prodotto acquistato
esclusivamente alla produzione in alcool con gradazione superiore a
80°, ottenuto per distillazione diretta del prodotto stesso e
successiva denaturazione, ai sensi del regolamento (C.E.) n. 3199/93,
con destinazione esclusiva ad uso industriale e non alimentare;
e) non contenere cancellature ne’ soprascritte, ne’ condizioni
aggiuntive o riserve di sorta sulle clausole di vendita;
f) essere corredate del titolo di cauzione di cui al precedente
titolo III, punto 2.
5. Per ciascuna serie e prodotto e’ consentita la presentazione di
piu’ offerte da parte di un medesimo offerente, sino ad un massimo di
sette, purche’ ciascuna di esse sia presentata separatamente e
formulata con atto distinto e per ciascuna organizzazione dei
produttori. In caso di offerte superiori a sette, verranno prese in
considerazione le prime sette in ordine di lettura da parte della
commissione di cui al successivo titolo IV, con esclusione dalla gara
delle successive.
6. Non sono ammesse le offerte presentate per conto di altro
acquirente da nominare.
7. L’offerta valida non e’ revocabile e vincola l’offerente fino al
ricevimento della comunicazione di accettazione da parte dell’AGEA.
Se l’offerente revoca l’offerta prima del ricevimento della
comunicazione di accettazione, la cauzione rimane acquisita dall’AGEA
a titolo di penale.
8. Il fatto di fare offerta d’acquisto ai sensi del presente bando
importa l’adesione dell’offerente, senza riserve o limitazioni, a
tutte le clausole e condizioni contenute nel bando medesimo.

IV. Constatazione delle offerte e decisione su di esse.

1. Allo scadere del termine stabilito per la presentazione delle
offerte, si procede presso, la sede dell’AGEA, in seduta pubblica
allo spoglio delle offerte da parte di un’apposita commissione. La
commissione compila l’elenco delle offerte, rileva le offerte
irregolari escludendole dalla gara e formula, per ciascuna
organizzazione di produttori, la graduatoria delle offerte regolari
pervenute, partendo …

[Continua nel file zip allegato]

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

Edilone.it