AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - COMUNICATO - Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto universita' per il biennio economico 2004/2005 | Edilone.it

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI – COMUNICATO – Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto universita’ per il biennio economico 2004/2005

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI - COMUNICATO - Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto universita' per il biennio economico 2004/2005 (GU n. 80 del 5-4-2006)

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

COMUNICATO
Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del
comparto universita’ per il biennio economico 2004/2005

Il giorno 28 marzo 2006, alle ore 10, presso la sede dell’ARAN,
ha avuto luogo l’incontro tra:
l’ARAN nella persona del presidente, dott. Raffaele Perna
(firmato);
e i rappresentanti delle seguenti confederazioni e organizzazioni
sindacali:
CGIL (firmato);
CISL (firmato);
UIL (firmato);
CONFSAL (firmato);
CISAL (firmato);
CGIL SNUR (firmato);
CISL UNIVERSITA’ (firmato);
UIL PA (firmato);
FED NAZ CONFSAL SNALS UNIV/CISAPUNI (firmato);
CSA DI CISAL UNIVERSITA’ (cisal universita’, cisas universita’,
confail-failel-unsiau, confill universita-cusal,tecstat usppi)
(firmato).
Le Parti, preso atto che il Consiglio dei Ministri, con propria
delibera del 2 marzo 2006, ha approvato l’ipotesi di Contratto
collettivo nazionale del lavoro relativa al personale del comparto
universita’ per il secondo biennio economico 2002/5, gia’
sottoscritta in data 10 gennaio 2006, e che l’ipotesi medesima e’
stata positivamente certificata dalla Corte dei conti in data
23 marzo 2006, procedono alla sottoscrizione definitiva dell’allegato
Contratto collettivo nazionale del lavoro.

Art. 1.
Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto
1. Il presente Contratto collettivo nazionale si applica al
personale destinatario del Contratto collettivo nazionale del lavoro
sottoscritto in data 27 gennaio 2005 e si riferisce al periodo dal
1° gennaio 2004 al 31 dicembre 2005, relativamente agli istituti del
trattamento economico di cui ai successivi articoli.
2. Per quanto non previsto dal presente contratto, restano in
vigore le disposizioni dei precedenti Contratti collettivi nazionali
del lavoro.

Art. 2.
Incrementi dello stipendio tabellare
1. Gli stipendi tabellari di cui all’art. 39, comma 4, del
Contratto collettivo nazionale del lavoro del 27 gennaio 2005 sono
incrementati degli importi mensili lordi, per tredici mensilita’,
indicati nella allegata tabella A, con le decorrenze ivi stabilite.
2. Gli importi annui lordi degli stipendi tabellari risultanti
dall’applicazione del comma 1 sono rideterminati nelle misure ed alle
scadenze stabilite dalla allegata tabella B.

Art. 3.
Effetti dei nuovi stipendi
1. Le misure degli stipendi risultanti dall’applicazione
dell’art. 2 sono utili ai fini della tredicesima mensilita’, del
compenso di lavoro straordinario, dei trattamenti di previdenza e di
quiescenza, dell’equo indennizzo.
2. I benefici economici risultanti dall’applicazione dell’art. 2
sono computati ai fini previdenziali, secondo gli ordinamenti
vigenti, alle scadenze e negli importi previsti dal medesimo
articolo, nei confronti del personale comunque cessato dal servizio,
con diritto a pensione, nel periodo di vigenza economica del presente
contratto. Agli effetti del trattamento di fine servizio,
dell’indennita’ sostitutiva del preavviso, nonche’ di quella prevista
dall’art. 2122 del codice civile, si considerano solo gli aumenti
maturati alla data di cessazione del rapporto di lavoro.
3. Gli incrementi retributivi di cui al presente contratto si
applicano al personale collocato nelle fasce di cui all’art. 28 del
Contratto collettivo nazionale del lavoro 27 gennaio 2005 in misura
corrispondente a quella dovuta alla categoria universitaria di
provenienza, salvo successivo conguaglio ai sensi dell’art. 31 del
decreto del Presidente della Repubblica n. 761/79, in applicazione
dei valori nel tempo vigenti nel comparto Sanita’.
4. E’ confermato quanto previsto dall’art. 39, comma 3 seconda
alinea e comma 8, del Contratto collettivo nazionale del lavoro del
27 gennaio 2005.

Art. 4.
Incrementi dell’indennita’ di Ateneo
1. L’indennita’ di Ateneo di cui all’art. 40 del Contratto
collettivo nazionale del lavoro del 27 gennaio 2005 e’ incrementata
degli importi annui lordi indicati nell’allegata tabella C, con la
decorrenza ivi stabilita.
2. Gli importi annui lordi dell’indennita’ di Ateneo, risultanti
dall’applicazione del comma 1, sono rideterminati nelle misure
indicate nella medesima tabella C.

Art. 5.
Finanziamento per il trattamento accessorio
1. Al fine di realizzare ulteriori incrementi di produttivita’ e
di efficacia dei servizi, con conseguente valorizzazione della
qualita’ delle prestazioni, a decorrere dal 31 dicembre 2005 ed a
valere sull’anno 2006, le risorse previste dai fondi per i
trattamenti accessori di cui all’art. 67 e 70 del Contratto
collettivo nazionale del lavoro del 9 agosto 2000, rideterminate
dall’art. 41 del Contratto collettivo nazionale del lavoro del
27 gennaio 2005, sono ulteriormente incrementate, in proporzione alla
loro rispettiva consistenza, di un importo complessivamente pari allo
0,50% del monte salari dell’anno 2003 riferito al personale del
comparto.
2. In sede di contrattazione integrativa, nell’ambito delle
risorse di cui al comma 1, una quota parte pari allo 0,30% del monte
salari dell’anno 2003, e’ destinata al finanziamento dell’istituto
previsto dall’art. 41, comma 4, del Contratto collettivo nazionale
del lavoro 27 gennaio 2005.
3. Restano ferme le modalita’ di erogazione del trattamento
accessorio al personale collocato nelle fasce di cui all’art. 28 del
Contratto collettivo nazionale del lavoro 27 gennaio 2005.

Art. 6.
Docenti incaricati esterni
1. Al personale docente incaricato esterno di cui all’art. 15 del
decreto del Presidente della Repubblica 3 agosto 1990, n. 319, sono
corrisposti incrementi mensili della retribuzione, nelle misure ed
alle decorrenze previste per la posizione economica EP2 dall’art. 2,
comma 1 (tabella A).

Art. 7.
Collaboratori esperti linguistici
1. Il trattamento complessivo annuo lordo di cui all’art. 32 del
contratto collettivo nazionale del lavoro del 27 gennaio 2005 e’
rideterminato a decorrere dal 1° gennaio 2004 in 14.068,47 euro ed a
decorrere dal 1° febbraio 2005 in 14.506,12 euro.

Art. 8.
Buono pasto
1. A decorrere dal 31 dicembre 2005 il valore unitario del buono
pasto e’ rideterminato, per tutti i dipendenti del comparto, in
misura pari ad almeno 7 euro, fatte salve le migliori condizioni
preesistenti al presente contratto colletivo nazionale del lavoro.

Art. 9.
Informative alle organizzazioni sindacali
1. Le universita’ sono tenute a trasmettere mensilmente per via
telematica all’indirizzo di posta elettronica indicata da ciascuna
organizzazione sindacale gli elenchi nominativi dei propri iscritti
comprensivi dei dati di interesse per le organizzazioni sindacali
medesime, purche’ nel rispetto della vigente normativa in materia di
tutela della privacy.

Art. 10.
Normativa vigente
1. Ai sensi dell’art. 50, comma 2, del contratto colletivo
nazionale del lavoro 27 gennaio 2005, le parti, preso atto di alcune
difficolta’ insorte negli atenei in sede di applicazione della
pregressa disciplina contrattuale tuttora vigente, ritengono
opportuna l’introduzione delle seguenti modifiche:
A) il comma 12 dell’art. 28 del contratto collettivo naziomnale
del lavoro 9 agosto 2000, in applicazione dell’art. 1, lettera d) del
decreto legislativo n. 213/2004, e’ cosi’ sostituito: «12. Nel caso
si renda impossibile per il lavoratore la fruizione dell’intero
periodo di ferie nel corso dell’anno di maturazione, lo stesso ha
diritto a procrastinarne due settimane nei 18 mesi successivi al
termine dell’anno di maturazione.»;
B) al comma 2 dell’art. 56 del contratto collettivo nazionale
del lavoro 9 agosto 2000, ultimo periodo, dopo le parole «3 anni di
servizio» e’ aggiunta la parola «effettivo»;
C) al comma 6 dell’art. 7 del contratto collettivo nazionale
del lavoro 13 maggio 2003, prima dell’espressione «in caso di
affidamento o di adozione di un minore» e’ aggiunta la parola
«anche»;
D) i commi 6 e 7 dell’art. 39 del contratto collettivo
nazionale del lavoro 27 gennaio 2005, sono cosi’ sostituiti:
«6. Le misure degli stipendi risultanti dall’applicazione del
presente articolo sono utili ai fini della tredicesima mensilita’,
del compenso di lavoro straordinario, dei trattamenti di previdenza e
di quiescenza, dell’equo indennizzo.»;
«7. I benefici economici risultanti dall’applicazione del
presente articolo sono computati ai fini previdenziali, secondo gli
ordinamenti vigenti, alle scadenze e negli importi previsti dal
medesimo articolo, nei confronti del personale comunque cessato dal
servizio, con diritto a pensione, nel periodo di vigenza economica
del presente contratto. Agli effetti del trattamento di fine
servizio, dell’indennita’ sostitutiva del preavviso, nonche’ di
quella prevista dall’art. 2122 del codice civile, si considerano solo
gli aumenti maturati alla data di cessazione del rapporto di
lavoro.»;
E) l’ultima frase del comma 4, art. 41, del contratto
collettivo nazionale del lavoro 27 gennaio 2005 e’ sostituita come
segue: «Tale emolumento riassorbe e sostituisce le eventuali
indennita’ gia’ corrisposte con carattere di generalita’, e non e’
decurtabile se non in caso di sciopero.»;
F) all’art. 70 del contratto collettivo nazionale del lavoro
9 agosto 2000 e’ aggiunto il seguente comma 5: «5. Il fondo e’
incrementabile ai sensi dell’art. 67, comma 4, del presente contratto
collettivo nazionale del lavoro.»;
G) all’art. 34 del contratto collettivo nazionale del lavoro
27 gennaio 2005 e’ aggiunto il seguente comma 4: «4. L’eventuale
superamento del monte ore trimestrale di cui al comma 2, sara’
recuperato nel trimestre successivo.».

—-> Vedere Tabelle da pag. 55 a pag. 57 della G.U. in formato
zip/pdf

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI – COMUNICATO – Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto universita’ per il biennio economico 2004/2005

Edilone.it