Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n.188: Attuazione della direttiva ...

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n.188: Attuazione della direttiva 2001/86/CE che completa lo statuto della societa' europea per quanto riguarda il coinvolgimento dei lavoratori. (GU n. 220 del 21-9-2005)

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n.188

Attuazione della direttiva 2001/86/CE che completa lo statuto della
societa’ europea per quanto riguarda il coinvolgimento dei
lavoratori.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Vista la legge 31 ottobre 2003, n. 306, recante disposizioni per
l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
alle Comunita’ europee. Legge comunitaria 2003;
Vista la direttiva 2001/86/CE del Consiglio, dell’8 ottobre 2001,
che completa lo statuto della societa’ europea per quanto riguarda il
coinvolgimento dei lavoratori;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 20 maggio 2005;
Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 29 luglio 2005;
Sulla proposta del Ministro per le politiche comunitarie e del
Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con i
Ministri degli affari esteri, della giustizia e dell’economia e delle
finanze;

E m a n a

il seguente decreto legislativo:

Art. 1.

O g g e t t o

1. Il presente decreto disciplina il coinvolgimento dei lavoratori
nelle attivita’ delle societa’ per azioni europee, di seguito
denominata: «SE», di cui al regolamento (CE) n. 2157 dell’8 ottobre
2001, di seguito denominato: «regolamento».
2. A tale fine sono stabilite modalita’ relative al coinvolgimento
dei lavoratori in ciascuna SE, conformemente alla procedura di
negoziazione di cui agli articoli da 3 a 6 o, nelle circostanze di
cui all’articolo 7, a quella prevista nell’allegato I.

Avvertenza:

Nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – del 5
ottobre 2005 si procedera’ alla ripubblicazione del testo
della presente legge corredata delle relative note, ai
sensi dell’art. 8, comma 3, del regolamento di esecuzione
del testo unico delle disposizioni sulla promulgazione
delle leggi, sulla emanazione dei decreti del Presidente
della Repubblica e sulle pubblicazioni ufficiali della
Repubblica italiana, approvato con decreto del Presidente
della Repubblica 14 marzo 1986, n. 217.

Art. 2.

Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si intende per:
a) «SE», una societa’ costituita conformemente al regolamento;
b) «societa’ partecipanti», le societa’ partecipanti direttamente
alla costituzione di una SE;
c) «affiliata» di una societa’, un’impresa sulla quale la
societa’ esercita un’influenza dominante ai sensi dell’articolo 3,
commi da 2 a 7, del decreto legislativo 2 aprile 2002, n. 74, ivi
definita come controllata;
d) «affiliata o dipendenza interessata», l’affiliata o la
dipendenza di una societa’ partecipante, che e’ destinata a divenire
affiliata o dipendenza della SE a decorrere dalla creazione di questa
ultima;
e) «rappresentanti dei lavoratori», i rappresentanti dei
lavoratori ai sensi della legge, nonche’ degli accordi
interconfederali 20 dicembre 1993 e 27 luglio 1994, e successive
modifiche, o dei contratti collettivi nazionali di riferimento
qualora i predetti accordi interconfederali non trovino applicazione;
f) «organo di rappresentanza» l’organo di rappresentanza dei
lavoratori costituito mediante gli accordi di cui all’articolo 4 o
conformemente alle disposizioni dell’allegato, onde attuare
l’informazione e la consultazione dei lavoratori della SE e delle sue
affiliate e dipendenze situate nella Comunita’ e, ove applicabile,
esercitare i diritti di partecipazione relativamente alla SE;
g) «delegazione speciale di negoziazione», la delegazione
istituita conformemente all’articolo 3 per negoziare con l’organo
competente delle societa’ partecipanti le modalita’ del
coinvolgimento dei lavoratori nella SE;
h) «coinvolgimento dei lavoratori», qualsiasi meccanismo, ivi
comprese l’informazione, la consultazione e la partecipazione,
mediante il quale i rappresentanti dei lavoratori possono esercitare
un’influenza sulle decisioni che devono essere adottate nell’ambito
della societa’;
i) «informazione», l’informazione dell’organo di rappresentanza
dei lavoratori ovvero dei rappresentanti dei lavoratori, da parte
dell’organo competente della SE, sui problemi che riguardano la
stessa SE e qualsiasi affiliata o dipendenza della medesima situata
in un altro Stato membro, o su questioni che esorbitano dai poteri
degli organi decisionali di un unico Stato membro, con tempi,
modalita’ e contenuti che consentano ai rappresentanti dei lavoratori
di procedere ad una valutazione approfondita dell’eventuale impatto
e, se del caso, di preparare consultazioni con l’organo competente
della SE;
l) «consultazione», l’apertura di un dialogo e d’uno scambio di
opinioni tra l’organo di rappresentanza dei lavoratori ovvero i
rappresentanti dei lavoratori e l’organo competente della SE, con
tempi, modalita’ e contenuti che consentano ai rappresentanti dei
lavoratori, sulla base delle informazioni da essi ricevute, di
esprimere – circa le misure previste dall’organo competente – un
parere di cui si puo’ tener conto nel processo decisionale
all’interno della SE;
m) «partecipazione» l’influenza dell’organo di rappresentanza dei
lavoratori ovvero dei rappresentanti dei lavoratori nelle attivita’
di una societa’ mediante:
1) il diritto di eleggere o designare alcuni dei membri
dell’organo di vigilanza o di amministrazione della societa’, o
2) il diritto di raccomandare la designazione di alcuni o di
tutti i membri dell’organo di vigilanza o di amministrazione della
societa’ ovvero di opporvisi.

Art. 3.

Istituzione di una delegazione speciale di negoziazione

1. Quando gli organi di direzione o di amministrazione delle
societa’ partecipanti stabiliscono il progetto di costituzione di una
SE, non appena possibile dopo la pubblicazione del progetto di
fusione o creazione di una holding o dopo l’approvazione di un
progetto di costituzione di un’affiliata o di trasformazione in una
SE, essi prendono le iniziative necessarie, comprese le informazioni
da fornire circa l’identita’ e il numero di lavoratori delle societa’
partecipanti, delle affiliate o dipendenze interessate, per avviare
una negoziazione con i rappresentanti dei lavoratori delle societa’
sulle modalita’ del coinvolgimento dei lavoratori nella SE.
2. A tale fine e’ istituita una delegazione speciale di
negoziazione, rappresentativa dei lavoratori delle societa’
partecipanti e delle affiliate o dipendenze interessate, secondo gli
orientamenti di seguito indicati:
a) in occasione dell’elezione o designazione dei membri della
delegazione speciale di negoziazione occorre garantire:
1) che tali membri siano eletti o designati in proporzione al
numero dei lavoratori impiegati con contratto di lavoro subordinato
in ciascuno Stato membro dalle societa’ partecipanti e dalle
affiliate o dipendenze interessate, assegnando a ciascuno Stato
membro un seggio per ogni quota, pari al 10 per cento o sua frazione,
del numero dei lavoratori con contratto di lavoro subordinato
impiegati in ciascuno Stato membro dalle societa’ partecipanti e
dalle affiliate o dipendenze interessate nell’insieme degli Stati
membri. Tali membri, nella misura del possibile, devono ricomprendere
almeno uno che rappresenti ciascuna societa’ partecipante che ha
lavoratori. Dette misure non devono comportare un aumento complessivo
dei membri;
2) che, nel caso di una SE costituita mediante fusione, siano
presenti altri membri supplementari per ogni Stato membro in misura
tale da assicurare che la delegazione speciale di negoziazione
annoveri almeno un rappresentante per ogni societa’ partecipante che
e’ iscritta e ha lavoratori con contratto di lavoro subordinato
impiegati in tale Stato membro e della quale si propone la cessazione
come entita’ giuridica distinta in seguito all’iscrizione della SE
se:
il numero di detti membri supplementari non supera il 20 per
cento del numero di membri designati in virtu’ del numero 1); e
la composizione della delegazione speciale di negoziazione
non comporta una doppia rappresentanza dei lavoratori interessati;
3) che, nel caso di cui al numero 2), se il numero di tali
societa’ e’ superiore a quello dei seggi supplementari disponibili
conformemente al comma 1, detti seggi supplementari sono attribuiti a
societa’ di Stati membri diversi in ordine decrescente rispetto al
numero di lavoratori ivi occupati;
b) in fase di prima applicazione i membri della delegazione
speciale di negoziazione sono eletti o designati tra i componenti
delle rappresentanze sindacali (RSU/RSA) dalle rappresentanze
sindacali medesime congiuntamente con le organizzazioni sindacali
stipulanti gli accordi collettivi vigenti. Tali membri possono
comprendere rappresentanti dei sindacati indipendentemente dal fatto
che siano o non siano lavoratori di una societa’ partecipante o di
una affiliata o dipendenza interessata;
c) ove in uno stabilimento o una impresa manchi, per motivi
indipendenti dalla volonta’ dei lavoratori, una preesistente forma di
rappresentanza sindacale, le organizzazioni sindacali ch…

[Continua nel file zip allegato]

Edilone.it