Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 29 aprile 2005: D...

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 29 aprile 2005: Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3429). (GU n. 106 del 9-5-2005)

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 29 aprile 2005

Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3429).

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Visto l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
23 aprile 2004, concernente la dichiarazione di «grande evento» nel
territorio della citta’ di Bari in occasione del XXIV Congresso
eucaristico nazionale;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
24 marzo 2005, n. 3420, recante «Interventi conseguenti alla
dichiarazione di “grande evento” nel territorio della citta’ di Bari
in occasione del XXIV Congresso eucaristico nazionale»;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
16 luglio 2004, con il quale e’ stato prorogato, sino al 31 dicembre
2005, lo stato di emergenza socio-ambientale nel territorio delle
province di L’Aquila e Teramo della regione Abruzzo per le parti
interessate dagli interventi necessari alla messa in sicurezza del
Sistema Gran Sasso;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3303
del 18 luglio 2003, recante: «Disposizioni urgenti di protezione
civile per fronteggiare la grave situazione di emergenza
socio-ambientale nel territorio delle province di L’Aquila e Teramo
interessato dagli interventi necessari alla messa in sicurezza del
Sistema Gran Sasso»;
Vista la nota del 18 marzo 2005 del commissario delegato per il
superamento dell’emergenza del sistema Gran Sasso L’Aquila Teramo;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
8 luglio 2004, n. 3362, recante: «Modalita’ di attivazione del Fondo
per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei
Ministri istituito ai sensi dell’art. 32-bis del decreto-legge
30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge
24 novembre 2003, n. 326»;
Visto l’art. 3 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri del 18 febbraio 2005, n. 3399, recante: «Disposizioni
urgenti di protezione civile»;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3389
del 26 dicembre 2004, recante: «Disposizioni di protezione civile
finalizzate a fronteggiare le situazioni di emergenza nell’area del
sud-est asiatico», nonche’ le successive ordinanze di protezione
civile n. 3390 del 29 dicembre 2004, n. 3392 in data 8 gennaio 2005,
n. 3394 del 18 gennaio 2005, n. 3399 del 18 febbraio 2005, n. 3402
del 10 marzo 2005 e 3417 del 24 marzo 2005;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
23 dicembre 2004, con il quale, tra l’altro, e’ stato prorogato fino
al 31 dicembre 2005 lo stato d’emergenza nel settore dello
smaltimento dei rifiuti nella regione Campania;
Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3341 del 27 febbraio 2004, n. 3343 del 12 marzo 2004, n. 3345 del
30 marzo 2004, n. 3347 del 2 aprile 2004, n. 3354 del 7 maggio 2004,
art. 1, comma 2, n. 3361 in data 8 luglio 2004, art. 5, n. 3369 del
13 agosto 2004, n. 3370 del 27 agosto 2004, n. 3379 del 5 novembre
2004, art. 8, n. 3382 del 18 novembre 2004, art. 8, n. 3390 del
29 dicembre 2004, art. 2, n. 3397 del 28 gennaio 2005, art. 1, n.
3399 del 18 febbraio 2005, art. 6, n. 3406 del 4 marzo 2005 e art. 6
dell’ordinanza n. 3417 del 24 marzo 2005 recanti «Ulteriori
disposizioni urgenti per fronteggiare l’emergenza rifiuti nella
regione Campania»;
Vista la nota del 9 marzo 2005 del direttore generale della Cassa
depositi e prestiti, con la quale si chiede di integrare l’ordinanza
di protezione civile n. 3397 del 2005;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
14 gennaio 2005, concernente la dichiarazione dello stato di
emergenza in relazione al parziale crollo del viadotto sul fiume
Sangro nel territorio dei comuni di Fossacesia e Torino di Sangro in
provincia di Chieti, a seguito degli eccezionali eventi alluvionali
verificatisi il giorno 24 ottobre 2004;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3411
del 4 marzo 2005 recante: «Interventi urgenti di protezione civile
diretti a fronteggiare la situazione di emergenza conseguente al
parziale crollo del viadotto sul fiume Sangro nel territorio dei
comuni di Fossacesia e Torino di Sangro in provincia di Chieti, a
seguito degli eccezionali eventi alluvionali verificatisi il giorno
24 ottobre 2004», nonche’ l’art. 12 dell’ordinanza di protezione
civile n. 3417 del 2005;
Vista la richiesta del Prefetto di Chieti – Commissario delegato
formulata con nota del 19 aprile 2005;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
14 gennaio 2005, concernente la proroga dello stato d’emergenza, fino
al 31 dicembre 2006, nel territorio dei comuni di Cengio e Saliceto
in ordine alla situazione di crisi socio-ambientale;
Vista l’ordinanza n. 2986 del 31 maggio 1999, concernente:
«Interventi urgenti intesi a fronteggiare la situazione di emergenza
derivante dalla situazione di crisi socio-ambientale dell’area
riguardante il sito industriale dell’ACNA ricadente nei territori dei
comuni di Cengio, in provincia di Savona, e Saliceto, in provincia di
Cuneo e del fiume Bormida», nonche’ le ordinanze di protezione civile
n. 3012 del 21 ottobre 1999, n. 3127 del 27 aprile 2001, n. 3232 del
24 luglio 2002, e l’art. 5 dell’ordinanza di protezione civile n.
3251 del 14 novembre 2002;
Vista la richiesta del Prefetto di Genova – Commissario delegato
formulata con nota del 21 aprile 2005;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
2 aprile 2005, concernente la dichiarazione di «grande evento» in
relazione alle esequie del Santo Padre Giovanni Paolo II ed
all’elezione del Pontefice, al fine di garantire la piu’ ampia
partecipazione di fedeli provenienti dall’Italia e dal mondo;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3423
del 5 aprile 2005, recante «Interventi conseguenti alla dichiarazione
di “grande evento” in relazione alle esequie del Santo Padre Giovanni
Paolo II, ed all’elezione del Pontefice»;
Vista la richiesta del 20 aprile 2005 del vice capo di Gabinetto
del sindaco del comune di Roma;
Su proposta del capo del Dipartimento della protezione civile della
Presidenza del Consiglio dei Ministri;
Dispone:
Art. 1.
1. Il commissario delegato, ai sensi del decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri 23 aprile 2004, recante la dichiarazione di
«grande evento» nel territorio della citta’ di Bari in occasione del
XXIV Congresso eucaristico nazionale, e’ autorizzato ad assegnare
risorse finanziarie, nel limite massimo complessivo di
Euro 1.870.000,00, per la predisposizione degli occorrenti interventi
realizzativi di cui abbia riconosciuta l’utilita’ per la celebrazione
del «grande evento»; l’erogazione delle predette risorse avviene
sulla base di idonee produzioni documentali comprovanti le spese
effettuate, a seguito di apposito giudizio di congruita’ reso da
professionista all’uopo nominato dal commissario delegato medesimo.
Al relativo onere si provvede a carico delle risorse finanziarie di
cui all’art. 4, comma 1, dell’ordinanza del Presidente del Consiglio
dei Ministri n. 3420 del 24 marzo 2005.

Art. 2.
1. Per accelerare il proseguimento delle iniziative di carattere
urgente finalizzate alla messa in sicurezza dei laboratori del Gran
Sasso e per la eventuale bonifica delle aree inquinate, alle deroghe
previste all’art. 4 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3303 del 18 luglio 2003 e successive modificazioni, sono
aggiunte le seguenti: «articoli 7 e 8 del decreto del Presidente
della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554; art. 25 del decreto
legislativo 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni,
nonche’ decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n.
495, articoli 65, 66 e 67».

Art. 3.
1. Al fine di consentire alle regioni, destinatarie delle risorse
finanziarie di cui all’allegato 1 dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri in data 8 luglio 2004, n. 3362, di porre in
essere gli interventi necessari alla riduzione del rischio sismico,
all’art. 2, comma 2, secondo periodo, della medesima ordinanza n.
3362 del 2004, le parole «entro sessanta giorni decorrenti dal
31 marzo 2005,» sono sostituite dalle parole «entro centoventi giorni
decorrenti dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana dei decreti di cui all’art. 3, comma 2, della
presente ordinanza».
2. All’art. 1, comma 6, dell’ordinanza del Presidente del Consiglio
dei Ministri in data 8 luglio 2004, n. 3362, le parole «di cui al
comma 3» sono sostituite con le parole « di cui al comma 4».

Art. 4.
1. Le risorse finanziarie trasferite all’Ufficio territoriale del
Governo di Alessandria ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 3
dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del
18 febbraio 2005, n. 3399, sono riversate in un’apposita contabilita’
speciale all’uopo istituita con le modalita’ previste dall’art. 10
del decreto del Presidente della Repubblica 20 aprile 1994, n. 367,
ed intestata al prefetto di Alessandria.

Art. 5.
1. All’art. 13…

[Continua nel file zip allegato]

Edilone.it