Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

recante modifica della direttiva 76/769/CEE del Consiglio per quanto r...

recante modifica della direttiva 76/769/CEE del Consiglio per quanto riguarda le restrizioni in tema di commercializzazione e uso di nickel in oggetti metallici utilizzati nelle parti perforate ai fini dell'adeguamento dell'allegato I al progresso tecnico.
Direttiva della Commissione CE

  G.U.U.E. del 28/09/2004 n.301

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,
visto il trattato che istituisce la Comunità europea,
vista la direttiva 76/769/CEE del Consiglio, del 27 luglio 1976,
concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative,
regolamentari ed amministrative degli Stati membri relative alle
restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune
sostanze e preparati pericolosi (1), in particolare l’articolo
2 bis, considerando quanto segue:
(1) A norma della direttiva 76/769/CEE, quale modificata dalla
direttiva 94/27/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (2), il
nickel e i suoi composti non possono essere usati in alcuni oggetti
metallici utilizzati nelle parti perforate e in alcuni altri prodotti
se non sono conformi alle prescrizioni di tale direttiva.
(2) Il rischio di sensibilizzazione dell’organismo umano al nickel
contenuto in oggetti metallici utilizzati nelle parti perforate è
stato nuovamente analizzato nel contesto di una valutazione mirata dei
rischi, in base alla quale si è concluso che per i metalli usati nelle
parti perforate sarebbe più appropriato un limite di migrazione
rispetto a un tenore limite.
(3) Il nuovo tasso di cessione di nickel (limite di migrazione) va
adeguato mediante il fattore di moltiplicazione indicato nella norma
EN 1811, al fine di compensare le variazioni tra diversi laboratori e
le inesattezze nelle misurazioni.
Il comitato europeo di normalizzazione (CEN) è invitato a riesaminare
la norma EN 1811, in particolare per quanto concerne il fattore di
aggiustamento, e a preparare una norma riveduta senza tale fattore o,
se del caso, con un fattore di aggiustamento ridotto.
(4) Ai fini di una revisione tra pari, la valutazione dei rischi è
stata trasmessa al comitato scientifico della tossicità,
dell’ecotossicità e dell’ambiente (CSTEA), il quale ha confermato che
un limite di migrazione per il nickel può ridurre maggiormente i
rischi di sensibilizzazione rispetto ad un tenore limite di nickel.
(5) Le disposizioni stabilite dalla presente direttiva tengono conto
dello stato attuale delle conoscenze, della scienza e della tecnica.
(6) La presente direttiva si applica fatta salva la normativa
comunitaria che stabilisce i requisiti minimi per la sicurezza dei
lavoratori, segnatamente la direttiva 89/391/CEE del Consiglio,
del 12 giugno 1989, concernente l’attuazione di misure volte a
promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei
lavoratori durante il lavoro (3) e la direttiva 2004/37/CEE del
Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sulla
protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione
ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro (sesta direttiva
particolare ai sensi dell’articolo 16, paragrafo 1, della direttiva
89/391/CEE) (4).
(7) Le disposizioni della presente direttiva sono conformi al parere
del comitato per l’adeguamento al progresso tecnico delle direttive
concernenti l’eliminazione degli ostacoli tecnici agli scambi di
sostanze e preparati pericolosi,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA: 
Articolo 1L’allegato I della direttiva 76/769/CEE è
modificato conformemente all’allegato della presente direttiva.

Articolo 2
1. Gli Stati membri adottano e mettono in vigore le disposizioni
legislative, regolamentari ed amministrative necessarie per
conformarsi alla presente direttiva entro il 1 agosto 2005.
Essi trasmettono immediatamente alla Commissione il testo di tali
disposizioni, nonché una tavola di concordanza tra queste ultime e la
presente direttiva.
Gli Stati membri attuano tali disposizioni a decorrere dal 1°
settembre 2005.
Quando gli Stati membri adottano le disposizioni, queste contengono un
riferimento alla presente direttiva o sono corredate di un siffatto
riferimento all’atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità del
riferimento sono decise dagli Stati membri.
2. Gli Stati membri comunicano alla Commissione il testo delle
disposizioni essenziali di diritto interno adottate nel settore
disciplinato dalla presente direttiva.

NOTE
(1) GU L 262 del 27.9.1976. Direttiva modificata da ultimo dalla
direttiva 2004/21/CE della Commissione (GU L 57 del 25.2.2004).
(2) GU L 188 del 22.7.1994.
(3) GU L 183 del 29.6.1989. Direttiva modificata da ultimo dal
regolamento (CE) n. 1882/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio
(GU L 284, del 31.10.2003).
(4) GU L 158 del 30.4.2004.

Articolo 3
La presente direttiva entra in vigore il ventesimo giorno successivo
alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.
Articolo 4
Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

ALLEGATO
Nell’allegato I della direttiva 76/769/CEE, alla voce 28,
“Nickel”, seconda colonna, il punto 1 è sostituito dal testo seguente:
«1. in tutti gli oggetti metallici che vengono inseriti negli orecchi
perforati o in altre parti perforate del corpo umano, a meno che il
tasso di cessione di nickel di tali oggetti metallici sia inferiore a
0,2 µg/cm2 per settimana (limite di
migrazione);».

Edilone.it