Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi di cui all'art. 30...

Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi di cui all'art. 30 del D.P.R. 7 gennaio 1956, n. 164
Circolare Ministeriale

Come noto la costruzione e l’impiego dei ponteggi
metallici fissi è regolata da numerose disposizioni via via
succedutesi nel tempo, che di seguito si elencano per opportuna
memoria:D.P.R. 7 gennaio 1956, n. 164, (in particolare artt. 7, 30,
37), per la prevenzione degli infortuni nelle costruzioni; D.P.R. 27
aprile 1955, n. 547,(in particolare art. 374), per la prevenzione
degli infortuni sul lavoro; D.M. del Ministero del Lavoro e della
Previdenza Sociale, 2 settembre 1968, riguardante misure tecniche di
sicurezza per i ponteggi metallici fissi; D.P.R. 24 maggio 1988, n.
224, riguardante la responsabilità per danno da prodotti
difettosi; D.M. del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale,
23 marzo 1990, n. 115, riguardante ponteggi con interasse fra i
montanti superiore a metri 1,80; D.M. del Ministero del Lavoro e della
Previdenza Sociale, 22 maggio 1992, n 466, sulle cinture di sicurezza
per i ponteggi; D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 115, (in particolare artt. 1,
2, 3), relativo alla sicurezza generale dei prodotti; D. Lgs. 626/94,
(in particolare artt. 6, 35, 36), per il miglioramento della sicurezza
dei lavoratori; D. Lgs. 359/99, ( in particolare artt. 2, 7),
sull’uso delle attrezzature di lavoro; Si ritiene inoltre
opportuno elencare di seguito le circolari che regolano aspetti
costruttivi e di uso dei ponteggi metallici fissi:Circolare del
Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 9 novembre 1978, n.
85; Circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 22
novembre 1985, n. 149; Circolare del Ministero del Lavoro e della
Previdenza Sociale, 15 maggio 1990, n. 44; Circolare del Ministero del
Lavoro e della Previdenza Sociale, 24 ottobre 1991, n. 132; Lettera
circolare del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, 22
maggio 1982, prot. n. 22268/PR-7; Lettera circolare del Ministero del
Lavoro e della Previdenza Sociale, 9 febbraio 1995, prot. n.
20298/OM-4; Lettera circolare del Ministero del Lavoro e della
Previdenza Sociale, 21 gennaio 1999, prot. n. 22787/OM-4. Si ritiene
inoltre opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la
sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da
numerosi parametri, quali: la frequenza di utilizzo, il numero dei
montaggi e smontaggi, il corretto stoccaggio dei componenti,
l’ambiente di lavoro, l’utilizzo conforme
all’autorizzazione ministeriale e lo stato di conservazione
degli elementi costituenti lo stesso.In relazione a quanto sopra, non
essendo possibile stabilire una durata limite di vita del ponteggio,
sono state elaborate le seguenti istruzioni, che ribadiscono i
controlli minimali, ritenuti necessari, che l’utilizzatore deve
eseguire prima del montaggio e durante l’uso del ponteggio,
focalizzando, per le diverse tipologie costruttive, gli elementi
principali in cui eventuali anomalie riscontrate potrebbero influire
sulla stabilità complessiva del sistema o ridurre la sicurezza
dei lavoratori.In particolare, le schede che seguono elencano le
verifiche che l’utilizzatore deve comunque eseguire prima di
ogni montaggio, rispettivamente per i ponteggi metallici a telai
prefabbricati, a montanti e traversi prefabbricati e a tubi giunti.
L’ultima parte, infine, elenca le verifiche da effettuarsi
durante l’uso delle attrezzature in argomento.1- VERIFICHE
DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIOA -PONTEGGI
METALLICI A TELAI PREFABBRICATIElementiTipo di
verificaModalitàdi verificaMisura
adottataGENERALEControllo esistenza del libretto di cui
all’autorizzazione ministeriale, rilasciata dal Ministero del
Lavoro e della Previdenza SocialeVisivoSe non esiste il libretto, il
ponteggio non può essere utilizzato. Occorre richiedere il
libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al
fabbricante del ponteggioControllo che gli elementi in tubi e giunti,
eventualmente utilizzati, siano di tipo autorizzato appartenenti ad
unico fabbricanteVisivoSe il controllo è negativo, è
necessario utilizzare elementi autorizzati appartenenti ad un unico
fabbricante, richiedendone il relativo librettoTELAIOControllo marchio
come da libretto VisivoSe il marchio non è rilevabile, o
è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre
scartare l’elementoControllo stato di conservazione della
protezione contro la corrosioneVisivoSe il controllo è
negativo, procedere al controllo degli spessori: – Se il controllo
degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze
previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l’elemento- Se
il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino
della protezione, in conformità alle modalità previste
dal fabbricante del ponteggioControllo verticalità montanti
telaioVisivo, ad esempio con utilizzo filo a piombo Se la
verticalità dei montanti non è soddisfatta occorre
scartare l’elementoControllo spinotto di collegamento fra
montantiVisivo e/o funzionaleSe il controllo è negativo occorre
scartare l’elementoControllo attacchi controventature: perni e/o
boccoleVisivo e/o funzionaleSe il controllo è negativo,
occorre:- Scartare l’elemento, o- Ripristinare la
funzionalità dell’elemento in conformità alle
modalità previste dal fabbricante del ponteggioControllo
orizzontalità traversoVisivoSe il controllo è negativo
occorre scartare l’elementoCORRENTI E DIAGONALIControllo marchio
come da librettoVisivoSe il marchio non è rilevabile, o
è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre
scartare l’elementoControllo stato di conservazione della
protezione contro la corrosioneVisivoSe il controllo è
negativo, procedere al controllo degli spessori: – Se il controllo
degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze
previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l’elemento- Se
il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino
della protezione, in conformità alle modalità previste
dal fabbricante del ponteggioControllo linearità
dell’elementoVisivoSe il controllo è negativo occorre
scartare l’elementoControllo stato di conservazione collegamenti
al telaioVisivo e/o funzionaleSe il controllo è negativo
occorre scartare l’elementoIMPALCATI PREFABBRICATIControllo
marchio come da librettoVisivoSe il marchio non è rilevabile, o
è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre
scartare l’elementoControllo stato di conservazione della
protezione contro la corrosioneVisivoSe il controllo è
negativo, procedere al controllo degli spessori: – Se il controllo
degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze
previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l’elemento- Se
il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino
della protezione, in conformità alle modalità previste
dal fabbricante delControllo orizzontalità piani di calpestio
VisivoSe il controllo è negativo occorre scartare
l’elementoControllo assenza di deformazioni negli appoggi al
traversoVisivo e/o funzionaleSe il controllo è negativo occorre
scartare l’elementoControllo efficienza dei sistemi di
collegamento tra: piani di calpestio, testata con ganci di
collegamento al traverso ed irrigidimenti (saldatura, rivettatura,
bullonatura e cianfrinatura)Visivo: – Integrità del sistema di
collegamento per rivettatura, bullonatura e cianfrinatura- Assenza,
nel sistema di collegamento, di cricche, distacchi ed ossidazioni
penetranti per saldatura- Procedere, a cura del fabbricante del
ponteggio, al ripristino dell’efficienza dei sistemi di
collegamentoSe il controllo è negativo:- Scartare
l’elemento, oBASETTE FISSEControllo marchio come da
librettoVisivoSe il marchio non è rilevabile, o è
difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare
l’elementoControllo orizzontalità piatto di baseVisivo,
ad esempio con un piano di riscontroSe il controllo è negativo
occorre scartare l’elementoBASETTE REGOLABILIControllo marchio
come da librettoVisivoSe il marchio non è rilevabile, o
è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre
scartare l’elementoControllo orizzontalità piatto di
baseVisivo, ad esempio con un piano di riscontroSe il controllo
è negativo occorre scartare l’elementoControllo
verticalità steloVisivo Se il controllo è negativo
occorre scartare l’elementoControllo stato di conservazione
della filettatura dello stelo e della ghiera filettata Visivo e
funzionale – Visivo: stato di conservazione della filettatura-
Funzionale: regolare avvitamento della ghiera- Se i controlli, visivo
e funzionale, sono negativi occorre scartare l’elemento- Se
è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la
funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò non
è possibile, scartare l’elementoN.B.: Per le verifiche
relative ad altri elementi di ponteggio (quali ad esempio: fermapiede,
trave per passo carraio, mensola, montante per parapetto di
sommità, scala, parasassi), riportati nel libretto di cui
all’autorizzazione ministeriale, occorre utilizzare: tipo,
modalità di verifica e misure, analoghi a quelli descritti per
gli elementi sopraelencati.B -PONTEGGI METALLICI A MONTANTI E
TRAVERSI PREFABBRICATIElementiTipo di
verificaModalità di verificaMisura
adottataGENERALEControllo esistenza del libretto di cui
all’autorizzazione ministeriale rilasciata…

[Continua nel file zip allegato]

Edilone.it