Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

Riconoscimento di un codice tecnico per la progettazione, costruzione ...

Riconoscimento di un codice tecnico per la progettazione, costruzione e verifica delle bombole in materiale composito interamente avvolte per il trasporto di gas compressi, liquefatti e disciolti
Decreto Ministeriale

IL DIRETTORE
Dell’unità di gestione motorizzazione e sicurezza del trasporto del
dipartimento dei trasporti terrestri
Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive
modificazioni, con il quale è stato emanato il nuovo codice della
strada;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n.
495, e successive modificazioni, con il quale è stato emanato il
regolamento di esecuzione ed attuazione del nuovo codice della strada;
Visto il decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione 4
settembre 1996, con cui è stata recepita la direttiva del Consiglio
dell’Unione europea 94/55/CE;
Visti i decreti del Ministro dei trasporti e della navigazione 15
maggio 1997 e 28 settembre 1999, con i quali è stata data attuazione
alle direttive della Commissione dell’Unione europea 96/86/CE e
99/47/CE rispettivamente, che adeguano al progresso tecnico la
direttiva 94/55/CE, e in particolare il marginale 2203 – che ammette i
materiali compositi per la costruzione dei recipienti per gas del 1°,
2°, 3°, 4° e oggetti del 5° – ed il marginale 2212 (2) – che
stabilisce che i recipienti non progettati e costruiti secondo le
norme elencate al marginale 2211 (1) devono essere progettati e
costruiti secondo un codice tecnico riconosciuto dall’autorità
competente;
Visto il decreto 22 gennaio 1998 del Ministero dei trasporti e della
navigazione, che ha riconosciuto un codice tecnico con cui devono
essere concepite e costruite le bombole senza saldatura in materiale
composito con rinforzo circonferenziale;
Considerato che in altri paesi dell’Unione europea sono largamente
utilizzate, per applicazioni specialistiche che richiedono particolare
leggerezza, bombole in materiale composito interamente avvolte,
concepite e costruite secondo norme nazionali derivate dal progetto di
norma armonizzata europea EN 12245;
Considerato il legittimo interesse dei fabbricanti e degli
utilizzatori nazionali di bombole, affinché tale tipo di recipiente
possa essere fabbricato e utilizzato anche in Italia;
Considerato che è di ormai prossima emanazione la norma armonizzata
europea EN 12245, riguardante le modalità di progettazione,
costruzione e le verifiche di omologazione e produzione delle bombole
in materiale composito interamente avvolte, e che tali norme anche se
non ufficialmente emanate risultano di fatto complete e richiedono
solo la formalizzazione delle procedure di accettazione comunitaria;
Tenute presenti le opportune misure di sicurezza nonché la obiettiva
necessità che recipienti per gas compressi, liquefatti e disciolti
siano sempre più rispondenti a utilizzi specialistici;
Preso atto del parere favorevole espresso al riguardo dalla
Commissione permanente per le prescrizioni sui recipienti per gas
compressi, liquefatti e disciolti; Decreta:Art. 1
1. Nelle more dell’approvazione ufficiale della norma armonizzata
europea EN 12245 è consentita la costruzione e l’utilizzo sul
territorio nazionale di bombole del tipo senza saldature, in materiale
composito interamente avvolte, destinate a contenere gas degli
ordinali 1°, 2°, 3° e 4°, qualora non incompatibili con detti
recipienti.
2. Le bombole di cui al comma 1 dovranno essere concepite, costruite e
verificate nel rispetto delle prescrizioni del codice tecnico di cui
all’allegato al presente decreto, desunto dal progetto di norma
armonizzata europea EN 12245.
3. Restano in vigore tutte le disposizioni di carattere generale
relative al trasporto dei gas, in quanto applicabili e non in
contrasto con le disposizioni del presente decreto.Art. 2
1. Il riconoscimento del codice tecnico si cui al precedente articolo
1, comma 2, ha carattere temporaneo e decadrà a seguito della formale
introduzione nella regolamentazione nazionale della norma EN 12245.
2. Le bombole dei lotti ammessi all’uso dovranno essere utilizzate
sotto il controllo e la responsabilità della Casa costruttrice e
dovranno essere sottoposte a revisione straordinaria nel corso del
terzo anno a partire dalla data di messa in uso.Art. 3
Il presente decreto entrerà in vigore dopo la sua pubblicazione nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.Allegato al
Decreto dirigenziale
(parte prima)RICONOSCIMENTO DI UN CODICE TECNICO PER LA
PROGETTAZIONE COSTRUZIONE E VERIFICA DELLE BOMBOLE IN MATERIALE
COMPOSITO INTERAMENTE AVVOLTE PER IL TRASPORTO DI GAS COMPRESSI
LIQUEFATTI E DISCIOLTIPremessa
La presente bozza di Norma Europea è stata preparata dal Comitato
Tecnico CEN/TC 23 “Bombole trasportabili per gas“, la cui Segreteria è
affidata alla BSI.
Questa Norma Europea è stata preparata sulla base di un mandato
affidato al CEN dalla Commissione Europea e dalla Associazione per il
Libero Scambio, e persegue gli obiettivi delle Direttive quadro sul
trasporto delle Merci Pericolose.
La norma è stata proposta come riferimento nel RID e/o negli allegati
tecnici dell’ADR. Pertanto in questo contesto le norme elencate nei
riferimenti normativi e relative a requisiti fondamenti del RID/ADR
non coperti dalla presente norma sono vincolanti solo quando tali
norme sono richiamate specificamente nel RID e/o negli allegati
tecnici all’ADR. Introduzione
Scopo di questa norma è di fornire una specifica per la
progettazione, fabbricazione, verifica e collaudo di bombole
trasportabili e ricaricabili in materiale composito, interamente
avvolte.
Le specifiche fornite sono basate sulla conoscenza ed esperienza di
materiali, norme di progettazione, processi di fabbricazione e
controllo di uso comune nei Paesi membri del CEN. 1. SCOPO E
CAMPO DI APPLICAZIONE
La presente norma specifica i requisiti minimi per i materiali, la
progettazione, la costruzione, le prove e verifiche di omologazione e
di fabbricazione di bombole per gas compressi, liquefatti e disciolti
in materiale composito, con capacità non superiore a 450 litri.
Nota: Ai fini di questo standard, la parola „bombola“ comprende
i tubi di capacità fino a 450 litri. Questa norma si applica a
bombole costituite da un’anima interna (o “liner“) in materiale
metallico (saldato o senza saldatura) o non metallico (o in una
miscela dei due) rinforzato da un avvolgimento composito consistente
in fibra di vetro, o di carbonio o aramidica (o una miscela di queste)
immerso in una matrice.
Questa norma si applica anche a bombole in materiale composito senza
liner.
La norma non si applica alle bombole per gas rivestite parzialmente in
fibre, indicate normalmente come bombole con rinforzo
circonferenziale, per le quali si deve fare riferimento al prEN 12257.
Nota: La specifica non prende in considerazione la
progettazione, il montaggio e le prestazioni di guaine protettive
rimovibili. Tali guaine, ove siano utilizzate, devono essere valutate
separatamente. 2. RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma rimanda, mediante riferimenti datati e non, a
disposizioni contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti
normativi sono citati nei punti appropriati del testo e vengono di
seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono
unicamente se introdotte nella presente norma come aggiornamento o
revisione. Per i riferimenti non datati vale l’ultima edizione della
pubblicazione alla quale si fa riferimento. EN 720-2:1996
Bombole trasportabili per gas – Gas e miscele di gas – Parte 2:
Determinazione del potenziale di infiammabilità e di ossidazione dei
gas miscele di gas
EN 1089-1:1996 Bombole trasportabili per gas Identificazione
della bombola (escluso GPL) – Parte 1: Punzonatura
EN 1089-2 Bombole trasportabili per gas Identificazione della
bombola (escluso GPL) – Parte 2: Etichette informative
prEN 1964-1:1999 Bombole trasportabili per gas – Specifica per
la progettazione e costruzione di bombole per gas trasportabili e
ricaricabili in acciaio senza saldatura con capacità da 0,5 litri a
150 litri incluso – Parte 1 – Bombole in acciaio senza saldatura con
valore di Rm inferiore a 1100 MPa
prEN 1964-2:1998 Bombole trasportabili per gas – Specifica per
la progettazione e costruzione di bombole per gas trasportabili e
ricaricabili in acciaio senza saldatura con capacità di 0,5 litri a
150 litri incluso – Parte 2 – Bombole in acciaio senza saldatura con
valore di Rm maggiore o uguale a 1100 MPa
prEN 1964-3:1997 Bombole trasportabili per gas – Specifica per
la progettazione e costruzione di bombole per gas trasportabili e
ricaricabili in acciaio senza saldatura con capacità da 0,5 litri a
150 litri incluso – Parte 3 – Bombole in acciaio inossidabile
prEN 1975:1999 Bombole trasportabili per gas – Specifica per la
progettazione e costruzione di bombole per gas trasportabili e
ricaricabili in alluminio e leghe di alluminio senza saldatura con
capacità da 0,5 litri a 150 litri
prEN 12862:1997 Bombole trasportabili per gas – Bombole per gas
trasportabili e ricaricabili in leghe di alluminio saldate
prEN 13322-1:1998 Bombole per gas trasportabili e ricaricabili
in acciaio saldate – Parte 1 Acciaio saldato
prEN 13322-2:1998 Bombole per gas trasportabili e ricaricabili
in acciaio inossidabili saldate Parte 2 – Acciaio inossidabile saldato

prEN/ISO 11114-1:1997 Bombole trasportabili per gas –
Compatibilità dei materiali componenti la bombola e la valvola con il
gas contenuto – Parte 1 – Materiali metallici (ISO 11114-1:1997)
prEN/ISO 11114-3:1997 Bombole trasportabili per gas –
Compatibilità dei materiali componenti la bombola e la valvola con il
gas contenuto – Parte 3 – Prova di accensione spontanea in atmosfera
di ossigeno (ISO 11114-3:1997)
EN ISO 11120:1999 Bombole per gas – Tubi senza saldatura
ricaricabili in acciaio per il trasporto di gas compressi, di capacità
compresa tra 150 litri e 3000 litri Progettazione, costruzione e prove
(ISO 11120:1999)
prEN ISO 13341:1997 Montaggio delle valvole sulle bombole per
gas (ISO 13341:1997)
IS…

[Continua nel file zip allegato]

Edilone.it