Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

Che modifica la direttiva 93/75/CEE del Consiglio relativa alle condiz...

Che modifica la direttiva 93/75/CEE del Consiglio relativa alle condizioni minime necessarie per le navi dirette ai porti marittimi della Comunità o che ne escono e che trasportano merci pericolose o inquinanti
Direttiva della Commissione CE

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITA’ EUROPEE,visto il trattato che
istituisce la Comunità europea,vista la direttiva 93/75/CEE del
Consiglio, del 13 settembre 1993, relativa alle condizioni minime
necessarie per le navi dirette ai porti marittimi della
Comunità o che ne escono e che trasportano merci pericolose o
inquinanti, modificata da ultimo dalla direttiva 98/55/CE, in
particolare l’articolo 11,considerando che l’articolo 2, lettere e),
g) e h), della direttiva 93/75/CEE specifica che la Convenzione Marpol
ed i codici IBC ed IGC applicabili ai fini della direttiva stessa sono
quelli in vigore al 1º gennaio 1996;considerando che rispetto a
tale data sono intercorse modifiche alla Convenzione Marpol ed ai
codici WC ed IGC, adottate in seno all’Organizzazione marittima
internazionale (IMO);considerando che le modifiche della Convenzione
Marpol adottate con la risoluzione MEPC.68 sono entrate in vigore il
1º gennaio 1998; che le modifiche al codice IBC apportate con le
risoluzioni MEPC.69, MSC.50 ed MSC.58 e quelle apportate al codice IGC
mediante le risoluzioni MSC.32 e MSC.59 sono entrate in vigore il
1º luglio 1998; che le modifiche apportate al codice IBC con la
risoluzione MEPC.73 sono entrate in vigore il 10 luglio
1998;considerando che la risoluzione IMO A.648 , che sancisce i
principi generali dei sistema di notifica delle navi, è
superata dalla risoluzione A.851, adottata dall’assemblea dell’IMO il
27 novembre 1997;considerando che, ai fini della direttiva citata,
è opportuno applicare tali modifiche;considerando che il
disposto della presente direttiva è conforme al parere del
comitato di cui all’articolo 12 della direttiva 93/75/CEE,HA ADOTTATO
LA PRESENTE DIRETTIVA:Articolo 1La direttiva 93/75/CEE è
così modificata:1) L’espressione "in vigore il 1º
gennaio 1996", di cui all’articolo 2, lettera e), è
sostituita dall’espressione "in vigore il 1º gennaio
1998".2) L’espressione "in vigore il 1º gennaio
1996" di cui all’articolo 2, lettera g), è sostituita
dall’espressione "in vigore il 10 luglio 1998".3)
L’espressione "in vigore il 1º gennaio 1996" di cui
all’articolo 2, lettera h), è sostituita dall’espressione
"in vigore il 1º luglio 1998".4) L’articolo 2, lettera
j), è sostituito dal seguente testo:"j) "risoluzione
IMO A.851": la risoluzione 851" dell’Organizzazione
marittima internazionale, adottata dall’assemblea nella 200 sessione
il 27 novembre 1997, avente per titolo "General principles for
ship reporting systems and ship reporting requirements, including
guidelines for reporting incidents involving dangerous goods, harmful
substances and/or marine pollutants" (Principi generali dei
sistemi di notifica e norme di compilazione delle notifiche, con
orientamenti per la notifica di sinistri in cui sono coinvolte merci
pericolose, sostanze nocive e/o sostanze inquinanti per l’ambiente
marino);".5) All’articolo 6, paragrafo 2, l’espressione
"risoluzione IMO A.648 " è sostituita
dall’espressione "risoluzione IMO A.85".Articolo 21. Gli
Stati membri mettono in vigore le disposizioni legislative,
regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla
presente direttiva entro 12 mesi dalla sua entrata in vigore. Essi ne
informano immediatamente la Commissione.Quando gli Stati membri
adottano tali disposizioni, queste contengono un riferimento alla
presente direttiva o sono corredate di un siffatto riferimento
all’atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità del
riferimento sono decise dagli Stati membri.2. Gli Stati membri
comunicano alla Commissione il testo delle disposizioni essenziali di
diritto interno che essi adottano nel settore disciplinato dalla
presente direttiva.Articolo 3La presente direttiva entra in vigore il
ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta
ufficiale delle Comunità europee.Articolo 4Gli Stati membri
sono destinatari della presente direttiva.

Edilone.it