Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

Recante diciottesimo adeguamento al progresso tecnico della dir. 67/54...

Recante diciottesimo adeguamento al progresso tecnico della dir. 67/548/CEE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle disp. leg., regolamentari e amm. relative alla classificazione, all'imballaggio e all'etichettatura delle sostanze pericolose.
Direttiva della Commissione CE

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITA’ EUROPEE,visto il trattato
che istituisce la Comunità economica europea, vista la
direttiva 67/548/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1967, concernente il
ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e
amministrative, relative alla classificazione, all’imballaggio e
all’etichettatura delle sostanze pericolose, modificata da
ultimo dalla direttiva 92/69/CEE della Commissione, in particolare gli
articoli 28 e 29,considerando che la direttiva 92/32/CEE del Consiglio
modifica la direttiva 67/548/CEE per quanto riguarda le disposizioni
sulla classificazione e l’etichettatura delle sostanze
pericolose;considerando che l’allegato II della direttiva
67/548/CEE contiene i simboli e le indicazioni di pericolo; che
è necessario introdurre un nuovo simbolo per “pericoloso
per l’ambiente”;considerando che l’allegato III
della direttiva 67/548/CEE contiene un elenco di frasi indicanti la
natura dei rischi speciali derivanti dalle sostanze pericolose; che
è necessario introdurre nuove frasi indicanti i rischi sanitari
derivanti dalle sostanze tossiche per la riproduzione; che risulta
inoltre necessario introdurre nuove frasi combinate indicanti i rischi
per l’ambiente;considerando che l’allegato IV della
direttiva 67/548/CEE contiene un elenco delle frasi relative alle
avvertenze per le sostanze pericolose; che è necessario
riformulare alcune frasi d’avvertenza in merito ai pericoli per
l’ambiente; che occorre introdurre alcune frasi combinate
sull’impiego di sostanze e preparati pericolosi;considerando che
l’allegato VI della direttiva 67/548/CEE contiene una guida alla
classificazione e all’etichettatura delle sostanze e dei
preparati pericolosi; che è necessario modificare tale guida
includendovi modifiche derivanti dalla direttiva
92/32/CEE;considerando che le disposizioni della presente direttiva
sono conformi al parere del comitato per l’adeguamento delle
direttive al progresso tecnico volte all’eliminazione delle
barriere tecniche frapposte al commercio di sostanze e preparati
pericolosi,HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA:Articolo 1La direttiva
67/548/CEE è modificata come segue:1) L’allegato II
è sostituito dall’allegato I della presente direttiva.2)
L’allegato III è sostituito dall’allegato II della
presente direttiva.3) L’allegato IV è sostituito
dall’allegato III della presente direttiva.4)
Nell’allegato V, il testo del punto 1.6.2.4, “Saggio
limite”, nel metodo B.2 “Tossicità acuta
(inalazione)”, è sostituito dal testo
seguente:“1.6.2.4 Saggio limiteSe un’esposizione di 5
animali maschi e di 5 animali femmine da esperimento per 4 ore a 20
mg/l di un gas o 5 mg/l di un aerosol o di una sostanza particellata
(o, se ciò non è possibile, a causa di proprietà
fisiche o chimiche, comprese quelle esplosive della sostanza in esame,
alla concentrazione massima raggiungibile) non provoca entro 14 giorni
mortalità legata al composto in esame, si può
considerare che non sono necessarie ulteriori prove”.5)
L’allegato VI, parti I e II, è sostituito
dall’allegato IV della presente direttiva (*).————(*)
Il diciottesimo adeguamento è stato realizzato con Direttiva
della Commissione 93/21/CEE del 27 aprile 1993.La norma, tenendo conto
del fatto che, in virtù delle modifiche apportate, nel corso
degli anni, alla norma di base, in particolare di quelle introdotte
con la settima modifica:- era necessario introdurre
nell’allegato II un nuovo simbolo di pericolo per la
raffigurazione delle sostanze pericolose per l’ambiente;- era
necessario introdurre nell’allegato III le nuove frasi di
rischio indicanti i rischi sanitari associati alle sostanze
classificate tossiche per la riproduzione, nonché nuove frasi
di rischio combinate indicanti i rischi per l’ambiente
presentati dalle sostanze;- era necessario introdurre
nell’allegato IV nuovi consigli di prudenza relativi alla
pericolosità ambientale e in merito all’impiego delle
sostanze e dei preparati pericolosi;- era necessario modificare a
seguito delle novità introdotte con la settima modifica, anche
l’allegato VI (guida alla classificazione e
all’etichettatura) della norma quadro;ha apportato modifiche
sostanziali agli allegati tecnici di detta norma quadro e in
particolare:- ha sostituito completamente l’allegato II
(simboli di pericolo);- ha sostituito completamente
l’allegato III (frasi di rischio);- ha sostituito
completamente l’allegato IV (consigli di prudenza);- ha
sostituito il testo del paragrafo 1.6.2.4. (saggio limite)
dell’allegato VI contenuto nel metodo B.2 (tossicità
acuta per inalazione);- ha sostituito, dopo aggiornamento, le parti I
e II (criteri generali di classificazione ed etichettatura)
dell’allegato VI.Le disposizioni di questo provvedimento
dovevano essere applicate dagli Stati Membri entro e non oltre il
1° luglio 1994, ad eccezione delle disposizioni relative ai
contenitori mobili di gas contenenti butano, propano o gas liquefatto
di petrolio alle quali gli stessi Stati Membri dovranno adeguarsi
entro il 31 ottobre 1997.Questa direttiva è pubblicata sulla
G.U.C.E. L110 e 110A del 4 Maggio 1993.Articolo 21. Gli
Stati membri mettono in vigore entro il 1° luglio 1994 le
disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie
per conformarsi alla presente direttiva, tranne quelle relative ai
contenitori mobili di gas contenenti butano, propano o gas liquefatto
di petrolio. Essi ne informano immediatamente la Commissione.2. Gli
Stati membri mettono in vigore, entro il 31 ottobre 1997, le
disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie
per conformarsi all’allegato IV, capitolo 8.1 della presente
direttiva relativamente ai contenitori mobili di gas contenenti
butano, propano o gas liquefatto di petrolio. Essi ne informano
immediatamente la Commissione.3. Quando gli Stati membri adottano le
disposizioni di cui ai paragrafi 1 e 2, queste contengono un
riferimento alla presente direttiva o sono corredate da un siffatto
riferimento all’atto della pubblicazione ufficiale. Le
modalità del riferimento sono decise dagli Stati membri
(*).————(*) Il diciottesimo adeguamento è stato
realizzato con Direttiva della Commissione 93/21/CEE del 27 aprile
1993.La norma, tenendo conto del fatto che, in virtù delle
modifiche apportate, nel corso degli anni, alla norma di base, in
particolare di quelle introdotte con la settima modifica:- era
necessario introdurre nell’allegato II un nuovo simbolo di
pericolo per la raffigurazione delle sostanze pericolose per
l’ambiente;- era necessario introdurre nell’allegato III
le nuove frasi di rischio indicanti i rischi sanitari associati alle
sostanze classificate tossiche per la riproduzione, nonché
nuove frasi di rischio combinate indicanti i rischi per
l’ambiente presentati dalle sostanze;- era necessario introdurre
nell’allegato IV nuovi consigli di prudenza relativi alla
pericolosità ambientale e in merito all’impiego delle
sostanze e dei preparati pericolosi;- era necessario modificare a
seguito delle novità introdotte con la settima modifica, anche
l’allegato VI (guida alla classificazione e
all’etichettatura) della norma quadro;ha apportato modifiche
sostanziali agli allegati tecnici di detta norma quadro e in
particolare:- ha sostituito completamente l’allegato II
(simboli di pericolo);- ha sostituito completamente
l’allegato III (frasi di rischio);- ha sostituito
completamente l’allegato IV (consigli di prudenza);- ha
sostituito il testo del paragrafo 1.6.2.4. (saggio limite)
dell’allegato VI contenuto nel metodo B.2 (tossicità
acuta per inalazione);- ha sostituito, dopo aggiornamento, le
parti I e II (criteri generali di classificazione ed etichettatura)
dell’allegato VI.Le disposizioni di questo provvedimento
dovevano essere applicate dagli Stati Membri entro e non oltre il
1° luglio 1994, ad eccezione delle disposizioni relative ai
contenitori mobili di gas contenenti butano, propano o gas liquefatto
di petrolio alle quali gli stessi Stati Membri dovranno adeguarsi
entro il 31 ottobre 1997.Questa direttiva è pubblicata sulla
G.U.C.E. L110 e 110A del 4 Maggio 1993.Articolo 3Gli Stati
membri sono destinatari della presente direttiva
(*).————(*) Il diciottesimo adeguamento è stato
realizzato con Direttiva della Commissione 93/21/CEE del 27 aprile
1993.La norma, tenendo conto del fatto che, in virtù delle
modifiche apportate, nel corso degli anni, alla norma di base, in
particolare di quelle introdotte con la settima modifica:- era
necessario introdurre nell’allegato II un nuovo simbolo di
pericolo per la raffigurazione delle sostanze pericolose per
l’ambiente;- era necessario introdurre nell’allegato III
le nuove frasi di rischio indicanti i rischi sanitari associati alle
sostanze classificate tossiche per la riproduzione, nonché
nuove frasi di rischio combinate indicanti i rischi per
l’ambiente presentati dalle sostanze;- era necessario introdurre
nell’allegato IV nuovi consigli di prudenza relativi alla
pericolosità ambientale e in merito all’impiego delle
sostanze e dei preparati pericolosi;- era necessario modificare a
seguito delle novità introdotte con la settima modifica, anche

[Continua nel file zip allegato]

Edilone.it