Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

Ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mater...

Ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera esplosiva, per il quale si applicano taluni metodi di protezione
Direttiva del Consiglio CE

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA’ EUROPEE,visto il trattato che
istituisce la Comunità economica europea, in particolare
l’articolo 100,vista la proposta della Commissione, visto il parere
del Parlamento europeo, visto il parere del Comitato economico e
sociale,considerando che le disposizioni vigenti negli Stati membri,
dirette a garantire la sicurezza del materiale elettrico destinato ad
essere utilizzato in atmosfera esplosiva, sono diverse da uno Stato
membro all’altro ed ostacolano quindi gli scambi; che occorre pertanto
procedere al ravvicinamento di tali legislazioni;considerando che la
direttiva 76/117/CEE del Consiglio, del 18 dicembre 1975, riguardante
il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al
materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera
esplosiva, ha definito in particolare le procedure di esame alle quali
deve soddisfare detto materiale per poter essere importato,
commercializzato e utilizzato liberamente dopo aver superato i
controlli ed essere stato dotato dei marchi e simboli
stabiliti;considerando che la direttiva 76/117/CEE stabilisce,
all’articolo 4, paragrafo 4, che direttive particolari preciseranno le
norme armonizzate da applicare in tutti gli Stati membri per questo
materiale;considerando che la direttiva 76/117/CEE stabilisce,
all’articolo 5, che le direttive particolari preciseranno le
disposizioni che potranno essere adeguate al progresso tecnico in
conformità della procedura prevista all’articolo 7 della
direttiva suddetta;considerando che la direttiva 76/117/CEE
stabilisce, all’articolo 8, paragrafo 1, secondo comma e all’articolo
9, paragrafo 5, che le copie dei certificati di conformità e di
controllo vengano trasmesse soltanto agli Stati membri; che, per
garantire la libera circolazione di detto materiale, è
opportuno che la Commissione possa pubblicarne estratti nella
Gazzetta ufficiale delle Comunità europee; che occorre
pertanto che esse vengano inviate anche alla Commissione;considerando
che la direttiva 76/117/CEE stabilisce, all’articolo 8, paragrafo 2, e
all’articolo 9, paragrafo 6, una procedura di revoca del certificato;
che occorre che gli Stati membri, la Commissione e l’interessato siano
informati della revoca e delle relative motivazioni,HA ADOTTATO LA
PRESENTE DIRETTIVA:————(1) Direttiva recepita con D.P.R.
21.7.1982, n. 675(2) L’art. 14 della Dir. n. 9 del 23/03/94 abroga la
presente direttiva a partire dal 1° luglio 2003.Art.
1La presente direttiva riguarda il materiale elettrico destinato ad
essere utilizzato in atmosfera esplosiva, per il quale si applicano
uno o più dei seguenti metodi di protezione:- immersione in
olio "o",- sovrappressione interna
"p",- immersione sotto sabbia
"q",- involucro antideflagrante
"d",- sicurezza aumentata "e",- sicurezza
intrinseca "i"Art. 21. Gli Stati membri non possono, per
motivi attinenti alla sicurezza di fabbricazione, vietare la vendita,
la libera circolazione, o l’uso conforme alla sua destinazione, del
materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in atmosfera
esplosiva che sia conforme alle prescrizioni della presente direttiva
e della direttiva 76/117/CEE del Consiglio, per quanto riguarda gli
aspetti di sicurezza contemplati dalla presente direttiva.2. Per
quanto riguarda gli aspetti relativi alla sicurezza che non sono
contemplati dalla presente direttiva, restano in vigore le
disposizioni nazionali, purché non esistano disposizioni
comunitarie.Art. 3Ai fini della presente direttiva, le norme
armonizzate di cui all’articolo 4, paragrafo 4, della direttiva
76/117/CEE sono le norme i cui riferimenti figurando nell’allegato
I.Art. 41. Il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in
atmosfera esplosiva èsottoposto alle procedure di cui
all’articolo 4, paragrafo 1, della direttiva 76/117/CEE. Le
informazioni trasmesse agli organismi autorizzati, nel quadro di tali
procedure, sono riservate.2. Ai fini della presente direttiva, il
marchio distintivo comunitario di cui all’articolo 4, paragrafo 1, ed
all’articolo 10 della direttiva 76/117/CEE deve corrispondere
all’allegato II; il marchio deve essere apposto in modo visibile,
leggibile e duraturo su ciascun apparecchio.3. Gli Stati membri
adottano tutte le disposizioni necessarie per vietare l’impiego, sul
materiale oggetto della presente direttiva, di marchi o di iscrizioni
che possano creare confusione con il marchio di cui all’allegato
Il.Art. 5Conformemente all’articolo 5, paragrafo 1, della direttiva
76/117/CEE, il contenuto delle norme armonizzate di cui all’allegato
I, nonché l’allegato Il, possono essere modificati secondo la
procedura di cui all’articolo 7 della direttiva 76/117/CEE.Art. 61.
Entro un mese dal rilascio del certificato di conformità o di
controllo, una copia di detto certificato è trasmessa alla
Commissione. Essa riceve inoltre, su richiesta, copia del fascicolo
tecnico definitivo del materiale e dei verbali degli esami o controlli
cui esso è stato sottoposto. Tali informazioni sono
riservate.2. La Commissione provvede a pubblicare nella Gazzetta
ufficiale delle Comunità europee estratti significativi di
detti certificati.Art. 71. L’organismo che ha rilasciato il
certificato di conformità odi controllo, se revoca detto
certificato per i motivi di cui all’articolo 8, paragrafo 2, e
all’articolo 9, paragrafo 6, della direttiva 76/117/CEE, deve
informare di tale revoca gli altri Stati membri e la Commissione. La
revoca va motivata in termini precisi. Essa viene pubblicata
conformemente all’articolo 6, paragrafo 2.2. La revoca, nonché
il rifiuto di rilasciare un certificato di conformità o di
controllo, sono immediatamente comunicati all’interessato, con
l’indicazione dei ricorsi esperibili in virtù delle
legislazioni degli Stati membri e del rispettivo termine di
presentazione.Art. 8Gli Stati membri mettono in vigore le disposizioni
necessarie per conformarsi alla presente direttiva entro un termine di
diciotto mesi dalla sua notifica e ne informano immediatamente la
Commissione.Gli Stati membri provvedono a comunicare alla Commissione
il testo delle disposizioni di diritto interno che essi adottano nel
settore disciplinato dalla presente direttiva.Art. 9Gli Stati membri
sono destinatari della presente direttiva.ALLEGATO INORME
ARMONIZZATE(*)Le norme armonizzate alle quali deve essere conforme
il materiale a seconda del metodo di protezione, sono le norme europee
i cui riferimenti figurano nella tabella che segue.Norme
europee(Definite dal Cenelec, rue de Stassart 35, B-1050
Bruxelles)_____________________________________________________Numero
Titolo Edizione
Data_____________________________________________________EN
50014 Costruzioni elettriche 2 Dicembre 1992 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Regole
generali_____________________________________________________EN
50015 Costruzioni elettriche 2 Aprile 1994 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Costruzioni
immerse in olio
"0"_____________________________________________________EN
50016 Costruzioni elettriche 2 Ottobre 1995 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Modo di
protezione a sovrapressione interna
"p"_____________________________________________________EN
50017 Costruzioni elettriche 2 Aprile 1994 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Costruzioni a
riempimento polverulento
"q"_____________________________________________________EN
50018 Costruzioni elettriche 2 Agosto 1994 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Custodie a
prova di esplosione
"d"_____________________________________________________EN
50019 Costruzioni elettriche 2 Marzo 1994 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Modo di
protezione a sicurezza aumentata
"e"_____________________________________________________EN
50020 Costruzioni elettriche 2 Agosto 1994 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Modo di
protezione a sicurezza intrinseca
"i"_____________________________________________________EN
50028 Costruzioni elettriche 1 Febbraio 1987 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Modo di
protezione a incapsulamento
"m"_____________________________________________________EN
50039 Costruzioni elettriche 1 Marzo 1980 per
atmosfere potenzialmente esplosive - Modo di
protezione a sistemi elettrici di sicurezza intrinseca
"i"_____________________________________________________EN
50050 Impianto manuale di 1 Gennaio 1986 protezione
elettrostatica _____________________________________________________EN
50053 Pistole manuali di proiezione 1 Febbraio 1987
(*)50053 elettrostatica di pitture con una (parte 1) energia
limite di 0,24 mJ e materiale
associato_____________________________________________________EN
50053 Pistole manuali di proiezione 1 Giugno 1989 (*)(parte
2) elettrostatica di pitture con una energia limite di 5
mJ e materiale
associato_____________________________________________________EN
50053 Pistole manuali di proiezione 1 Giugno 1989 (*)(parte
3) elettrostatica di fiocculi con una energia limite di
0,21 mJ o 5 mJ e materiale
associato_____________________________________________________(*) Si
applicano soltanto i paragrafi relativi alla fabbricazione dei
materiali previsti nella norma EN 50053, prima, …

[Continua nel file zip allegato]

Edilone.it