Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

Gru a torre. Accertamento sull'apparecchio
Circolare Ministeriale...

Gru a torre. Accertamento sull'apparecchio
Circolare Ministeriale

E’ pervenuto a questa Sede centrale quesito specifico circa la
possibilità di effettuare gli accertamenti su gru a torre ai
fini omologativi in due fasi: a gru in esercizio e a gru smontata.Al
riguardo: vista la circolare ex ENPI del 13 febbraio 1963, n. 4384 che
prevede, nel caso non si possa accedere in condizioni di sicurezza ad
alcuni organi di apparecchi di sollevamento, l’invito all’utente ad
avvertire lUfficio ENPI competente per territorio, quando
l’apparecchio si trovi smontato e a terra, per poter procedere al
controllo di quelle parti che non è stato possibile verificare
in opera; vista la norma tecnica ex ENPI n. 15 del 5 febbraio 1975
sugli accessi di verifica alle gru a torre per cui si ritengono
agibili ai fini delle ispezioni solo gli accessi muniti di idonee
predisposizioni strutturali; visto il punto 1 della nota tecnica
ISPESL IL1 trasmessa con circolare n. 62 del 13 settembre 1986 per cui
gli accertamenti sull’apparecchio vanno condotti nell’ambito di quanto
previsto alle voci di cui al libretto di immatricolazione, essendo la
rispondenza strutturale dell’apparecchio alla documentazione tecnica
presentata coperta in generale dalla dichiarazione di
conformità; vista la circolare ISPESL n. 1 del 3 gennaio 1991
che auspica una programmazione del servizio tesa ad effettuare
l’omologazione in un unico accesso tranne casi particolari derivati da
esigenze tecniche;per gru a torre particolari per dimensioni e
complessità, in genere non del tipo automontante, qualora non
sia possibile accedere in condizioni di sicurezza a quelle parti e a
quegli organi le cui caratteristiche tecniche e dimensionali sono
indispensabili per la compilazione del certificato di omologazione
(Mod. 1), è consentito il completamento del servizio in tempi
successivi.In tal caso deve essere comunicato all’utente l’obbligo di
informare il Dipartimento ISPESL competente per territorio quando
l’apparecchio si trovi smontato e a terra; tale comunicazione deve
essere inoltrata, oltre che allutente, anche, per conoscenza, alla Usl
competente quale organo di vigilanza.Si ricorda infine che nella
eventualità di cui sopra, tutti gli interventi necessari per il
completamento della omologazione sono oggetto di unico addebito
indipendentemente dal loro numero.

Edilone.it