Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

LEGGE 28 febbraio 2005, n.21: Conversione in legge, con modificazioni,...

LEGGE 28 febbraio 2005, n.21: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2004, n. 315, recante disposizioni urgenti per garantire la partecipazione finanziaria dell'Italia a Fondi internazionali di sviluppo e l'erogazione di incentivi al trasporto combinato su ferrovia, nonche' per la sterilizzazione dell'IVA sulle offerte a fini umanitari. (GU n. 49 del 1-3-2005)

LEGGE 28 febbraio 2005, n.21

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge
30 dicembre 2004, n. 315, recante disposizioni urgenti per garantire
la partecipazione finanziaria dell’Italia a Fondi internazionali di
sviluppo e l’erogazione di incentivi al trasporto combinato su
ferrovia, nonche’ per la sterilizzazione dell’IVA sulle offerte a
fini umanitari.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga
la seguente legge:

Art. 1.
1. Il decreto-legge 30 dicembre 2004, n. 315, recante disposizioni
urgenti per garantire la partecipazione finanziaria dell’Italia a
Fondi internazionali di sviluppo e l’erogazione di incentivi al
trasporto combinato su ferrovia, nonche’ per la sterilizzazione
dell’IVA sulle offerte a fini umanitari, e’ convertito in legge con
le modificazioni riportate in allegato alla presente legge.
2. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello
della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi’ 28 febbraio 2005
CIAMPI
Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri
Siniscalco, Ministro del-l’economia e
delle finanze
Lunardi, Ministro delle infrastrutture
e dei trasporti

Visto, il Guardasigilli: Castelli

LAVORI PREPARATORI
Camera dei deputati (atto n. 5522):
Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri
(Berlusconi), dal Ministro dell’economia e delle finanze
(Siniscalco), dal Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti (Lunardi) il 31 dicembre 2004.
Assegnato alla V commissione (Bilancio), in sede
referente, il 5 gennaio 2005 con pareri del comitato per la
legislazione e delle commissioni I, III, VI, IX.
Esaminato dalla V commissione, in sede referente, il
13 gennaio 2005.
Nuovamente assegnato alle commissioni riunite III
(Affari esteri) e V (Bilancio), in sede referente, il 17
gennaio 2005 con pareri delle commissioni I, VI, IX.
Esaminato dalle commissioni riunite III e V, in sede
referente, il 20, 25 e 27 gennaio 2005.
Esaminato in aula il 31 gennaio 2005 ed approvato il
2 febbraio 2005.
Senato della Repubblica (atto n. 3285):
Assegnato alla 3ª commissione (Affari esteri), in sede
referente, il 3 febbraio 2005 con pareri delle commissioni
1ª, 5ª, 6ª, 8ª.
Esaminato dalla 1ª commissione (Affari costituzionali),
in sede consultiva, sull’esistenza dei presupposti di
costituzionalita’ l’8 febbraio 2005.
Esaminato dalla 3ª commissione, in sede referente, il 9
e 16 febbraio 2005.
Esaminato in aula il 17 febbraio 2005 ed approvato il
23 febbraio 2005.

Avvertenza:
Il decreto-legge 30 dicembre 2004, n. 315, e’ stato
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n.
306 del 31 dicembre 2004.
A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto
1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di Governo e
ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri),
le modifiche apportate dalla presente legge di conversione
hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua
pubblicazione.
Il testo del decreto-legge coordinato con la legge di
conversione e corredato delle relative note e’ pubblicato
in questa stessa Gazzetta Ufficiale alla pag. 23.

Allegato
MODIFICAZIONI APPORTATE IN SEDE DI CONVERSIONE
AL DECRETO-LEGGE 30 DICEMBRE 2004, N. 315.

All’articolo 6, al comma 1, dopo le parole: «e delle finanze» sono
inserite le seguenti: «per l’anno 2003».
L’articolo 10 e’ sostituito dal seguente:
«Art. 10. – 1. Gli addebiti, in qualunque forma effettuati a
decorrere dal 26 dicembre 2004 dai soggetti che forniscono servizi di
telefonia, degli importi destinati dai loro clienti ad aiuti a
popolazioni colpite da catastrofi naturali sono esclusi dal campo di
applicazione dell’imposta sul valore aggiunto».

Edilone.it