Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 18 novembre 2004: ...

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 18 novembre 2004: Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3382). (GU n. 279 del 27-11-2004)

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 18 novembre 2004

Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3382).

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3235
del 2 agosto 2002, recante: «Interventi urgenti connessi al
disinnesco di ordigni bellici nei comuni di Treviso, Casier e Paese»;
Vista la nota del 22 settembre 2004 del sindaco del comune di
Treviso;
Vista la nota dell’8 ottobre 2004 dell’Ufficio territoriale del
Governo di Treviso;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
20 marzo 2002, recante la dichiarazione di «grande evento» per il
semestre di Presidenza italiana della Unione europea;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
30 agosto 2002, recante modificazioni ed integrazioni concernenti la
dichiarazione di «grande evento» per il semestre di Presidenza
italiana della Unione europea adottata con decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 20 marzo 2002;
Visto il decreto del Presidente dei Consiglio dei Ministri in data
16 luglio 2004, con il quale e’ stata prorogata, fino al 31 dicembre
2004, la dichiarazione di «grande evento» del semestre di Presidenza
italiana dell’Unione europea;
Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3199 del 24 aprile 2002, n. 3247 del 30 ottobre 2002, n. 3283 del
18 aprile 2003 e n. 3313 del 12 settembre 2003;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
5 dicembre 2003, concernente la proroga, fino al 31 dicembre 2004,
dello stato di emergenza nel territorio del comune di La Spezia a
seguito dei dissesti idrogeologici verificatisi in localita’
Marinasco;
Vista l’ordinanza del Ministro dell’interno delegato per il
coordinamento della protezione civile n. 3223 del 25 giugno 2003, e
successive modificazioni, recante: Disposizioni urgenti per
fronteggiare i fenomeni di dissesto che hanno interessato la
localita’ Marinasco – Stra’, nel comune di La Spezia»;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
3 settembre 2004 recante la dichiarazione di grande evento per lo
svolgimento della pre-regata della trentaduesima Coppa America, che
si terra’ nello specchio di mare antistante alla citta’ di Trapani;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3377, del 22 settembre 2004, recante: Disposizioni urgenti per lo
svolgimento della pre-regata della trentaduesima Coppa America»;
Vista la nota del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti –
Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto in data
11 ottobre 2004, concernente alcune richieste finalizzate ad
assicurare le attivita’ di competenza per la disciplina del traffico
marittimo e portuale in occasione della celebrazione del grande
evento in questione, nonche’ il relativo allegato contenente
specifica nota illustrativa delle esigenze finanziarie della predetta
istituzione;
Vista la nota dell’Ufficio di Gabinetto Ministero delle
intrastrutture e dei trasporti, nonche’ quella del 3 novembre 2004
Dipartimento per la navigazione e il trasporto marittimo e aereo del
medesimo Dicastero;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
19 dicembre 2003, con il quale lo stato di emergenza in ordine alla
situazione socio-economico – ambientale determinatasi nel bacino
idrografico del fiume Sarno e’ stato ulteriormente prorogato fino al
31 dicembre 2004;
Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3270 del 12 marzo 2003, n. 3301 dell’11 luglio 2003, n. 3315 del 2
ottobre 2003, n. 3348 del 2 aprile 2004, n. 3364 del 13 luglio 2004 e
n. 3378 dell’8 ottobre 2004;
Visti gli esiti della riunione tenutasi il giorno 15 novembre 2004
presso il Dipartimento della protezione civile della Presidenza del
Consiglio dei Ministri, indetta al fine di affrontare alcune
problematiche relative all’emergenza socio-economico-ambientale in
atto nel bacino idrografico del fiume Sarno, in cui il rappresentante
della regione Campania ed i sindaci dei comuni interessati hanno
richiesto l’introduzione di apposita norma per l’autorizzazione alle
anticipazioni occorrenti per fronteggiare le posizioni debitorie
maturate dalla convenzione di cui all’art. 1, comma 6, dell’ordinanza
n. 3378/2004;
Ravvisata, quindi, la necessita’ di apportare ulteriori modifiche
ed integrazioni alle citate ordinanze di protezione civile
precedentemente emanate, al fine di un definitivo superamento del
contesto critico in rassegna, con particolare riferimento alla
situazione in atto nel sistema depurativo del comprensorio Alto
Sarno;
Ritenuta la necessita’ di assicurare le occorrenti risorse
finanziarie ai contesti emergenziali di cui al decreto del Presidente
del Consiglio dei Ministri del 19 giugno 2003, concernente la grave
situazione di emergenza determinatasi nello stabilimento Ecolibarna
sito in Serravalle Scrivia (AL), al decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri dell’11 novembre 2004, concernente il grave
inquinamento della laguna di Orbetello, al decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 23 dicembre 2003, concernente l’emergenza
rifiuti in atto nella regione Campania, al decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 7 maggio 2004, in ordine alla situazione
socio-economico-ambientale determinatasi nella laguna di Grado
Marano, nonche’ per la rimozione dei sedimenti inquinati nel porto di
Baia, ed acquisita al riguardo l’intesa del Ministro dell’ambiente e
della tutela del territorio;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
23 dicembre 2003, con il quale e’ stato dichiarato lo stato di
emergenza in relazione alla situazione determinatasi nel territorio
dell’isola di Lampedusa e nelle prospicienti aree marine;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n.
3350, del 16 aprile 2004, recante: «Disposizioni urgenti per
fronteggiare l’emergenza derivante dalla grave situazione di crisi
ambientale determinatasi nel territorio dell’isola di Lampedusa e
nelle prospicienti aree marittime»;
Su proposta del Capo del Dipartimento della protezione civile della
Presidenza del Consiglio dei Ministri;
Dispone:

Art. 1.

1. Agli oneri connessi agli adempimenti posti in essere dal comune
di Treviso inerenti al disinnesco di ordigni bellici nei comuni di
Treviso, Casier e Paese, e di cui all’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3235 del 2 agosto 2002, si provvede a
carico delle somme assegnate, e non utilizzate, al prefetto di
Treviso ai sensi dell’art. 1, comma 3, della medesima ordinanza.

Art. 2.

1. In relazione alle procedure esecutive che hanno interessato la
contabilita’ speciale intestata al commissario delegato – Gen. B.
Umberto Pinotti e di cui all’ordinanza del Presidente del Consiglio
dei Ministri del 18 aprile 2003, n. 3283, e successive modificazioni,
e che hanno comportato l’indisponibilita’ di parte delle risorse ivi
stanziate, il predetto commissario delegato e’ autorizzato a
differire i versamenti IRPEF e le erogazioni derivanti dalle ritenute
previdenziali ed assistenziali di legge al sessantesimo giorno
decorrente dal reintegro delle risorse medesime, ovvero dalla
comunicazione della liberazione dai vincoli esecutivamente apposti
sulle medesime somme.

Art. 3.

1. In relazione alla situazione di pericolo in atto derivante dai
fenomeni di dissesto che hanno interessato la localita’ Marinasco –
Stra’, nel comune di La Spezia, e di cui al decreto del Presidente
del Consiglio dei Ministri del 5 dicembre 2003, al fine di provvedere
urgentemente alla realizzazione dei necessari interventi di carattere
straordinario ed urgenti, anche diretti ad impedire l’aggravarsi del
contesto calamitoso di cui trattasi, il Capo del Dipartimento per le
liberta’ civili e l’immigrazione del Ministero dell’interno e’
autorizzato a trasferire direttamente sulla contabilita’ speciale
intestata al commissario delegato – Prefetto Luigi Piscopo, le
risorse finanziarie disponibili nell’U.P.B. 4.1.2.2 – capitolo 2319,
esercizio finanziario 2004, nel limite massimo di euro 1.408.000,00.

Art. 4.

1. Per le finalita’ di cui al decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri in data 3 settembre 2004, concernente la dichiarazione
di grande evento per lo svolgimento della manifestazione della
pre-regata della trentaduesima Coppa America che si terra’ nello
specchio di mare antistante alla citta’ di Trapani e che comportera’
anche un notevole incremento del traffico diportistico con
conseguente necessita’ di individuare, definire ed attuare misure
efficaci per assicurare l’ordinato svolgimento del predetto evento,
il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto e’
autorizzato, in relazione al ricorrente contesto di somma urgenza, a
porre in essere tutte le iniziative di cui alla scheda allegata alla
nota citata in premessa, anche provvedendo, ove ritenuto
assolutamente necessario, in deroga all’articolo 26 della legge
23 dicembre 1999, n. 488, all’art. 10 della legge 8 agosto 1990, n.
231 e successive modificazioni, al decreto…

[Continua nel file zip allegato]

Edilone.it