Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

LEGGE 19 ottobre 2004, n.257: Conversione in legge, con modificazioni,...

LEGGE 19 ottobre 2004, n.257: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 agosto 2004, n. 220, recante disposizioni urgenti in materia di personale del Centro nazionale per l'informatica nella pubblica amministrazione (CNIPA), di applicazione delle imposte sui mutui e di agevolazioni per imprese danneggiate da eventi alluvionali. (GU n. 246 del 19-10-2004)

LEGGE 19 ottobre 2004, n.257

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 agosto
2004, n. 220, recante disposizioni urgenti in materia di personale
del Centro nazionale per l’informatica nella pubblica amministrazione
(CNIPA), di applicazione delle imposte sui mutui e di agevolazioni
per imprese danneggiate da eventi alluvionali.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno
approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:
Art. 1.

1. Il decreto-legge 3 agosto 2004, n. 220, recante disposizioni
urgenti in materia di personale del Centro nazionale per
l’informatica nella pubblica amministrazione (CNIPA), di applicazione
delle imposte sui mutui e di agevolazioni per imprese danneggiate da
eventi alluvionali, e’ convertito in legge con le modificazioni
riportate in allegato alla presente legge.
2. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello
della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi’ 19 ottobre 2004

CIAMPI

Berlusconi, Presidente del Consiglio
dei Ministri
Visto, il Guardasigilli: Castelli

LAVORI PREPARATORI
Senato della Repubblica (atto n. 3097):
Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri
(Berlusconi), dal Ministro per la funzione pubblica
(Mazzella), dal Ministro per l’innovazione e le tecnologie
(Stanca), dal Ministro dell’economia e delle finanze
(Siniscalco) il 20 agosto 2004;
Assegnato alla 1ª commissione (Affari costituzionali),
in sede referente, il 3 settembre 2004 con parere delle
commissioni 1ª (per presupposti costituzionali) 5ª, 6ª, 10ª
e 13ª;
Esaminato dalla 1ª commissione (Affari costituzionali),
in sede consultiva, sull’esistenza dei presupposti di
costituzionalita’ l’8 e il 22 settembre 2004;
Esaminato dalla 1ª commissione, in sede referente, l’8
il 21 e 22 settembre 2004;
Esaminato in aula il 22 settembre 2004 e approvato il
28 settembre 2004.
Camera dei deputati (atto n. 5303):
Assegnato alla V commissione (Bilancio), in sede
referente, il 30 settembre 2004, con pareri del comitato
per la legislazione e delle commissioni I, VI, VII, VIII,
X, XI, XII, XIV e parlamentare per le questioni regionali;
Esaminato dalla V commissione (Bilancio) il 6 – 7 – 12
e 13 ottobre 2004;
Esaminato in aula il 7 e 13 ottobre 2004 ed approvato
il 15 ottobre 2004.
Senato della Repubblica (atto n. 3097/B):
Assegnato alla 1ª commissione (Affari costituzionali),
in sede referente, il 15 ottobre 2004, con pareri delle
Commissioni 5ª, 7ª e 12ª;
Esaminato dalla 1ª commissione il 19 ottobre 2004;
Esaminato in aula e approvato il 19 ottobre 2004.

Avvertenza:
Il decreto-legge 3 agosto 2004, n. 220, e’ stato
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie generale – n.
195 del 20 agosto 2004.
A norma dell’art. 15, comma 5, della legge 23 agosto
1988, n. 400 (Disciplina dell’attivita’ di Governo e
ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri),
le modifiche apportate dalla presente legge di conversione
hanno efficacia dal giorno successivo a quello della sua
pubblicazione.
Il testo del decreto-legge coordinato con la legge di
conversione e corredato delle relative note sara’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 29 ottobre 2004.

Allegato

MODIFICAZIONI APPORTATE IN SEDE DI CONVERSIONE AL DECRETO-LEGGE 3
AGOSTO 2004, N. 220.

Dopo l’articolo 1 sono inseriti i seguenti:
«Art. 1-bis. (Ulteriori interventi a favore dei soggetti
danneggiati dagli eventi alluvionali del mese di novembre 1994). – 1.
All’articolo 3-bis, comma 1, del decreto-legge 19 dicembre 1994, n.
691, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 febbraio 1995, n.
35, e successive modificazioni, concernente la concessione di un
contributo in conto capitale a favore dei soggetti dichiarati
danneggiati per effetto delle eccezionali avversita’ atmosferiche
della prima decade del mese di novembre 1994, le parole: “pari al 30
per cento” sono sostituite dalle seguenti: “fino al 75 per cento” e
le parole: “nel limite massimo complessivo di lire 300 milioni” sono
sostituite dalle seguenti: “nel limite massimo complessivo di euro
259.000”.
2. Ai soggetti danneggiati dalle avversita’ atmosferiche di cui al
comma 1 che hanno beneficiato, oltre che del contributo in conto
capitale, anche dei finanziamenti concessi ai sensi degli articoli 2
e 3 del decreto-legge 19 dicembre 1994, n. 691, convertito, con
modificazioni, dalla legge 16 febbraio 1995, n. 35, e successive
modificazioni, ovvero ai sensi dell’articolo 4-quinquies del
decreto-legge 28 agosto 1995, n. 364, convertito, con modificazioni,
dalla legge 27 ottobre 1995, n. 438, e successive modificazioni,
ovvero ai sensi dell’articolo 3-quinquies, comma 1, del decreto-legge
13 maggio 1999, n. 132, convertito, con modificazioni, dalla legge
13 luglio 1999, n. 226, ovvero ai sensi dell’articolo 4-quinquies del
decreto-legge 19 maggio 1997, n. 130, convertito, con modificazioni,
dalla legge 16 luglio 1997, n. 228, e successive modificazioni,
ovvero ai sensi dell’articolo 52, comma 28, della legge 28 dicembre
2001, n. 448, la quota residua del contributo spettante ai sensi del
comma 1 e’ corrisposta mediante riduzione di pari importo della quota
capitale del finanziamento qualora lo stesso sia ancora in essere
alla data di entrata in vigore della legge di conversione del
presente decreto, a condizione che nei loro confronti non sia
avvenuto, per effetto della risoluzione dei relativi contratti per
inadempimento nel rimborso delle rate, il recupero delle somme
insolute da parte delle banche o il pagamento anche parziale a carico
dei fondi di garanzia. Nel caso in cui la quota residua del
contributo risulti superiore alla quota capitale del finanziamento in
essere la differenza e’ corrisposta al beneficiario da Mediocredito
centrale spa e da Artigiancassa spa nel periodo di un triennio con le
modalita’ stabilite con il decreto di cui al comma 6.
3. Le somme impegnate sui fondi di garanzia gestiti da Mediocredito
centrale spa e da Artigiancassa spa, e che verranno disimpegnate per
effetto dell’attuazione della disposizione di cui al comma 2, sono
versate all’entrata del bilancio dello Stato.
4. Ai soggetti di cui al comma 2 che hanno beneficiato soltanto del
contributo in conto capitale o che hanno rimborsato anticipatamente
il finanziamento ottenuto ai sensi delle disposizioni di cui allo
stesso comma, nonche’ ai soggetti di cui all’articolo 4-bis, comma 5,
del decreto-legge 12 ottobre 2000, n. 279, convertito, con
modificazioni, dalla legge 11 dicembre 2000, n. 365, che siano in
attivita’ alla data di entrata in vigore della legge di conversione
del presente decreto, la quota residua e’ corrisposta da Mediocredito
centrale spa e da Artigiancassa spa nel periodo di un triennio con le
modalita’ stabilite con il decreto di cui al comma 6.
5. La durata dei finanziamenti di cui all’articolo 4-quinquies del
decreto-legge 19 maggio 1997, n. 130, convertito, con modificazioni,
dalla legge 16 luglio 1997, n. 228, e successive modificazioni,
concessi a favore dei soggetti danneggiati dalle avversita’
atmosferiche di cui al comma 1, e’ fissata in quindici anni, compreso
il periodo di tre anni di preammortamento.
6. La data di decorrenza delle disposizioni di cui al presente
articolo e’ fissata al 1° gennaio 2005. Con decreto di natura non
regolamentare del Ministro dell’economia e delle finanze sono
stabiliti i criteri, le condizioni e le modalita’ di attuazione delle
disposizioni medesime.
7. All’attuazione degli interventi previsti dalle disposizioni del
presente articolo si provvede nell’ambito delle risorse disponibili
di cui agli articoli 2 e 3 del decreto-legge 19 dicembre 1994, n.
691, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 febbraio 1995, n.
35, e successive modificazioni.
8. Mediocredito centrale spa e’ autorizzata a versare ad
Artigiancassa spa, a valere sulle risorse di cui al comma 7, la somma
di 27,1 milioni di euro per l’attuazione degli interventi di cui al
presente articolo.
Art. 1-ter. (Assunzioni di personale a tempo determinato delle
universita). – 1. All’articolo 3, comma 68, della legge 24 dicembre
2003, n. 350, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: “Per l’anno
2004 per le universita’ sono fatte salve inoltre, nel limite di spesa
di 500.000 euro, da ripartire secondo le procedure di cui
all’articolo 39, comma 3-ter, della legge 27 dicembre 1997, n. 449,
le assunzioni a tempo determinato gia’ in essere alla data del
1° gennaio 1998, esclusivamente finalizzate ad assicurare il regolare
svolgimento e la funzionalita’ di servizi di supporto all’attivita’
di laborator…

[Continua nel file zip allegato]

Edilone.it