Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

Criteri e modalita' di assegnazione del contributo agli enti di promoz...

Criteri e modalita' di assegnazione del contributo agli enti di promozione sportiva di cui all'art. 145, comma 15, della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Decreto Ministeriale 08/10/2001
TESTO
IL MINISTRO PER I BENI E LE
ATTIVITA’ CULTURALI Vista la legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante
disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale
dello Stato;
Visto l’art. 145, comma 15, della predetta legge che
prevede l’assegnazione di un contributo di lire 10 miliardi a favore
degli enti di promozione sportiva per lo svolgimento dei compiti
istituzionali degli enti stessi e per il potenziamento ed il
finanziamento dei programmi relativi allo sport sociale per l’anno
2001;
Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante norme in materia
di procedimento amministrativo;
Ritenuta la necessita’ di
predeterminare, ai sensi dell’art. 12 della predetta legge, i criteri
e le modalita’ di ripartizione del contributo statale;
Sentito il
Comitato olimpico nazionale italiano (C.O.N.I.);
Decreta:
1. Sono
ammessi al contributo di cui all’art. 145, comma 15, della legge 23
dicembre 2000, n. 388, gli enti di promozione gia’ riconosciuti, ai
fini sportivi, alla data di entrata in vigore del decreto legislativo
23 luglio 1999, n. 242, sul riordinamento del C.O.N.I.
2. Per
l’ammissione al contributo di cui al precedente comma 1, gli enti
devono produrre, entro cinque giorni dalla data di pubblicazione del
presente decreto nella Gazzetta Ufficiale, apposita domanda, corredata
del programma di attivita’ svolto e/o da svolgere nell’anno 2001 e del
relativo rendiconto finanziario alla predetta data, vistato dal
collegio sindacale. La domanda deve essere presentata o trasmessa a
mezzo raccomandata al Ministero dei beni e delle attivita’ culturali –
Segretariato generale – Servizio X – Rapporti con gli organismi
sportivi – via della Ferratella in Laterano, 51 – Roma.
3. Il
contributo e’ ripartito tra gli enti secondo i criteri appresso
indicati:
a) nella misura del 30%, in rapporto alla consistenza delle
iniziative sul territorio connesse alla struttura organizzativa ed
operativa dell’ente;
b) nella misura del 30%, in base al contenuto dei
programmi di promozione sportiva volti al perseguimento dei compiti
istituzionali;
c) nella misura del 30%, in rapporto all’impegno
finanziario connesso all’attuazione dei progetti finalizzati allo
sport sociale;
d) nella restante misura del 10% – dal quale detrarre
il contributo al C.U.S.I. (che, pur nell’ambito delle attivita’ degli
enti di promozione sportiva, gode di una sua specifica normativa) –
per interventi integrativi e/o correttivi del Ministero, in misura
comunque non superiore al 10% dei contributi determinati in base ai
parametri esposti nelle precedenti lettere a), b) e c).
Il presente
decreto sara’ trasmesso agli organi di controllo e successivamente
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
Roma, 8 ottobre 2001
Il Ministro:
Urbani

Edilone.it