Edilone.it - Edilone.it | Edilone.it

Ministero dei lavori pubblici (Dir. Gen. Affari Generali) - Modalità ...

Ministero dei lavori pubblici (Dir. Gen. Affari Generali) - Modalità per il pagamento dei compensi spettanti ai liberi professionisti per la progettazione di opere di edilizia scolastica.

Circolare 04/02/1971 n. 1858
Ministero dei lavori pubblici (Dir. Gen.
Affari Generali) – Modalità per il pagamento dei compensi spettanti ai
liberi professionisti per la progettazione di opere di edilizia
scolastica.

TESTO

Al fine di snellire la procedura e l’azione
dell’Amministrazione, con circolare n. 9895 del 16-6-1966, furono
emanate disposizioni affinché il pagamento dei compensi spettanti ai
liberi professionisti, per la progettazione di opere pubbliche
eseguite con il contributo dello Stato, fosse effettuato dopo
l’approvazione dei progetti e il finanziamento delle opere. Le dette
disposizioni devono intendersi estese, in quanto applicabili, anche
alle opere di edilizia scolastica regolate dalla legge 28-7-1967, n.
641. Vorranno, in conseguenza, le SS.LL. consentire che, a partire
dalla data della presente circolare, si proceda al pagamento in unica
soluzione degli onorari spettanti per le progettazioni delle opere
pubbliche in oggetto – eseguite dagli Enti concessionari a mezzo di
propri uffici tecnici ovvero di liberi professionisti – sempre che
siano intervenuti l’approvazione del progetto e il finanziamento
dell’opera. Peraltro, poiché gli onorari di progettazione rientrano –
unitamente alle spese per la direzione, contabilizzazione e
collaudazione dei lavori – nella percentuale per spese generali, resta
inteso che il pagamento in unica soluzione agli Enti concessionari
potrà essere autorizzato entro i limiti della disponibilità per tale
precipuo titolo di spesa, rimanendo, ovviamente, a carico degli Enti
stessi l’eventuale ulteriore onere. Ciò in analogia a quanto già
precisato da questo Ministero con circolare n. 4655 del 13-3-1969. Nei
casi, invece, di opere finanziate per stralci gli Enti committenti
restano obbligati, salvo diversi accordi raggiunti con il progettista,
a provvedere alla liquidazione – in unica soluzione – delle competenze
professionali di progettazione dell’intera opera a progetto generale
approvato, indipendentemente dall’intervenuto finanziamento
dell’intera spesa dell’opera progettata. Ciò in quanto l’opera del
progettista – una volta intervenuta la approvazione tecnica
dell’elaborato – non può essere condizionata, nel suo tangibile
riconoscimento, alle disponibilità di finanziamento dei lavori e
perché è obbligo dell’Ente interessato anticipare le spese di
progettazione che saranno successivamente ammesse ai benefici del
contributo statale e recuperate, entro i limiti stabiliti dalle norme
vigenti in relazione alla integrazione del finanziamento per i
successivi stralci. Nell’ipotesi in cui sussista anche l’incarico
della direzione dei lavori, per questa ultima incombenza verrà
liquidato l’importo dovuto in base agli stati di avanzamento dei
lavori.

Edilone.it