“Un tetto per la vita” apre nel Lazio | Edilone.it

“Un tetto per la vita” apre nel Lazio

wpid-4279_tettovita.jpg
image_pdf

La prima pietra fu depositata solo due anni fa. Eppure la struttura e i lavori sono stati tutt’altro che semplici. «Un edificio di seimila metri quadri, il primo, nella Regione Lazio,» come ci descrive il Presidente dell’Associazione Hassoandicap, Alessandro Moretti.

L’elevato standing dei servizi è dimostrato anche dalle convenzioni istaurate con l’Università “La Sapienza” e con gli ospedali “San Camillo” e “Sant’Andrea”.

Il fulcro è rappresentato da un Centro di riabilitazione, sito a Marino, da una struttura di soggiorno estivo a Torvaianica e da un Centro multidisciplinare specialistico. I portatori di handicap serviti sono circa 250, quelli in lista d’attesa più di 350. Il personale, fortemente professionalizzato e articolato su molteplici figure (direttore sanitario, direttore neuro-psichiatra, neurologi, fisiatri, dentista, neurofisiopatologo, dermatologo, ortottista, psicologi, terapisti della riabilitazione, maestre d’arte ecc.), è composto da più di 150 addetti.

L’edificio, che occupa una superficie di circa seimila metri quadrati, è costituito da tre volumi incernierati a un corpo centrale (corpo d) che ne garantisce l’interconnessione orizzontale e verticale. Attestandosi su un’area a forte pendenza, i corpi A e D sviluppano due piani interrati e un piano fuori terra; mentre il corpo B ospita il centro congressi con annessa un’area polifunzionale che contiene il laboratorio d’arte, quello di musicoterapia ed un teatro. Il corpo C non ha piani interrati ma accoglie l’ingresso principale e l’entrata per l’autorimessa. I piani interrati del corpo A ospitano magazzini, spogliatoi, depositi di vario genere e il power center dell’impianto elettrico. Ci sono inoltre la centrale termica e quella idrica che hanno un ingresso indipendente con camminamento grigliato per garantirne la buona ventilazione. Al primo piano il corpo C ospita la struttura ambulatoriale della residenza, con uffici, ambulatori di vario genere, la palestra riabilitativa e la stanza multisensoriale; mentre al piano superiore ci sono la cucina, i magazzini, la mensa, il parrucchiere e la cappella. Al secondo piano troviamo la dislocazione nei corpi B e C delle camere doppie e singole dotate ciascuna di servizi igienici ad aerazione naturale e forzata per un totale di n.20 posti letto. Infine, al terzo piano dei corpi A, B e D troviamo le restanti camere di degenza arrivando così a un totale di n.40 posti letto. Le attività sportivo riabilitative sono incentivate grazie alla presenza di una piscina coperta (la prima nel comune di Marino), dotata di spogliatoi per utenti e personale e di un ingresso indipendente per permettere l’ingresso anche ad un pubblico esterno.

Copyright © - Riproduzione riservata
“Un tetto per la vita” apre nel Lazio Edilone.it