Triennale: Milano, Firenze e Roma nei linguaggi dell'architettura | Edilone.it

Triennale: Milano, Firenze e Roma nei linguaggi dell’architettura

wpid-triennaleMilano.jpg
image_pdf

Il progetto Laboratorio Italia fa seguito a due anni di ricerche sull’architettura di qualità in Italia ed alle mostre di Parma, Brescia e Roma, che hanno coinvolto un pubblico di oltre 40.000 visitatori. Adesso prosegue con la proposta di una giornata di discussione sui diversi linguaggi dell’architettura, il 14 novembre 2006 al Salone d’Onore della Triennale di Milano, dal titolo ‘I diversi linguaggi dell’architettura: committenti, progettisti, amministratori, imprese’.

Nella ricerca sviluppata da Aid’A e dalla rivista d’Architettura, il territorio italiano è emerso con una ricchezza di interventi architettonici di alto livello, realizzati da architetti italiani e stranieri, che vivono la sfida con il substrato ambientale e storico che solo l’Italia offre come una delle più interessanti esperienze professionali. L’Italia, dunque, non come ‘periferia’, ma come importante centro dello sviluppo dell’architettura contemporanea internazionale.

Organizzato da Aid’A – Agenzia italiana d’Architettura – in collaborazione con La Triennale di Milano, d’Architettura e Motta Architettura, il convegno si propone di affrontare il tema del progetto visto dai diversi punti di vista dei soggetti coinvolti nella realizzazione.
I lavori prevedono interventi di progettisti, committenti, imprese e amministratori che, in qualità di relatori, presenteranno alcuni casi esemplari di come l’architettura di qualità non possa che nascere da una forte sinergia tra i soggetti di volta in volta coinvolti nel progetto, ritenendo che solo grazie al coordinamento delle molteplici esigenze e dei numerosi linguaggi di – architetto, imprese, committente e istituzioni pubbliche – si possa sviluppare una progettazione di grande qualità.

Durante la giornata saranno illustrati 12 importanti progetti realizzati in tre diverse città italiane: Milano, Firenze e Roma.
La nuova architettura a Milano viene rappresentata in convegno dal progetto di Frigoriferi Milanesi di 5+1 Architetti Associati, dalla ristrutturazione del Palazzo della Triennale di Michele De Lucchi, dal progetto Ansaldo Città delle Culture di David Chipperfield e dall’edificio polifunzionale Porta Vittoria dello studio Nonis Maggiore.
Nel pomeriggio verranno invece affrontate le città di Firenze, con la residenza universitaria e servizi di C+S Associati, l’edificio residenziale di Studio Archea, la riqualificazione urbana dell’ex Area Fiat di Ipostudio e l’edificio residenziale di Cristofani e Lelli; e la città di Roma, con l’edificio per laboratori dell’Università Tor Vergata di Ian+, la Serra Piacentini al Palazzo delle Esposizioni di ABDR, l’ampliamento e la ristrutturazione dell’Accademia Britannica di Garofalo e Miura e il restauro e ampliamento dei servizi aggiuntivi di Villa d’Este di Tivoli di Ricci e Spaini.

Troverà spazio nei lavori della giornata, alle ore 12.30, anche l’assegnazione del Premio biennale di architettura Archés, giunto quest’anno alla sua seconda edizione. Il premio, promosso da Aid’A, Agenzia italiana d’Architettura, in collaborazione con DARC (Direzione Generale per l’Architettura e l’Arte contemporanee del Ministero per i Beni e le Attività Culturali) e CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori) e con il sostegno e il contributo del Gruppo Archés, leader nel settore dell’edilizia, promuove opere di progettisti che si distinguano per la qualità generale della proposta architettonica e in particolare per la ricerca di un’integrazione tra il progetto di architettura e i suoi contenuti innovativi dal punto di vista delle applicazioni tecnologiche e costruttive.
http://www.triennale.it/index.php?id=1&tbl=1

Copyright © - Riproduzione riservata
Triennale: Milano, Firenze e Roma nei linguaggi dell’architettura Edilone.it