Test per i prodotti dell'ecoedilizia | Edilone.it

Test per i prodotti dell’ecoedilizia

wpid-ITC-CNR.jpg
image_pdf

L’edilizia tenta di sposare la causa dell’ambiente mettendo a punto elementi che sfruttano la luce per ottenere, attraverso la fotocatalisi, reazioni chimiche sfruttabili in numerose applicazioni. Ne sono esempio i prodotti autopulenti e autodisinfettanti, i vetri antiappannanti e gli intonaci disinquinanti. Si tratta, tuttavia di materiali e prodotti in relazione ai quali si pongono ancora delle difficoltà nel valutarne la reale efficacia di prestazione e nel valorizzarli sul mercato.

A tal fine, i laboratori dell’Istituto per le tecnologie della costruzione (Itc) del Cnr di San Giuliano Milanese sono impegnati da diversi anni nello studio delle proprietà di alcuni materiali di “mangiare” gli idrocarburi aromatici presenti nell’aria, come il benzene e il toluene. Nell’ambito dei diversi progetti di ricerca, l’Istituto ha messo a punto un sistema di misura dell’attività fotocatalitica in grado di misurare il flusso di degradazione dei composti aromatici in situazioni rapportabili alle reali condizioni ambientali.

“In questi ultimi anni” , spiega Alberto Strini dell’Itc-Cnr, ” la fotocatalisi ha guadagnato sempre maggiore interesse da parte dell’industria e del pubblico, grazie alle nuove applicazioni permesse dallo sviluppo di fotocatalizzatori nanocristallini ad alta efficienza, basati su diossido di titanio (TiO2), ossido di zinco (ZnO) o diossido di stagno (SnO2). I materiali fotocatalitici concepiti per le costruzioni possono inglobare il catalizzatore nella matrice stessa del materiale, come ad esempio nelle malte cementizie, vernici e pitture, o possono essere trattati superficialmente con una soluzione tipicamente utilizzata per vetri e materiali ceramici” .

Il metodo di misura realizzato dall’Itc-Cnr è attualmente in fase di standardizzazione presso l’Uni (Ente nazionale italiano di unificazione) e sarà utilizzabile come riferimento, su base nazionale, per verificare le prestazioni di tali materiali.

“La tecnica dell’Itc–Cnr, fornendo una misura diretta dell’attività catalitica, può avere importanti applicazioni sia per le ricerche sulle proprietà dei fotocatalizzatori puri sia per lo sviluppo di nuovi materiali e l’ottimizzazione di prodotti industriali” .

Copyright © - Riproduzione riservata
Test per i prodotti dell’ecoedilizia Edilone.it