Tessuti rinfrescanti per gli atleti ed i lavoratori edili | Edilone.it

Tessuti rinfrescanti per gli atleti ed i lavoratori edili

wpid-washing_line.jpg
image_pdf

Fra i progetti in cantiere dell’Istituto di chimica e tecnologia dei polimeri (Ictp) del Cnr, con sede a Pozzuoli (Na), c’è, nel settore dell’abbigliamento sportivo, quello in cui gli indumenti si deteriorano più facilmente, sia per l’uso intenso che per altri fattori, primo fra tutti l’elevata sudorazione, che può rovinare il materiale. Obiettivo del lavoro dell’Istituto campano è quello di realizzarne di nuovi, più resistenti e comodi: tessuti funzionali che presentino qualcosa in più rispetto agli altri, per i quali contano invece l’aspetto estetico e coprente.

Attualmente, l’Istituto sta seguendo due linee di ricerca: quella sui tessuti cosmetici che possono rilasciare sostanze attive a contatto con il corpo (lenitive, emollienti stabilizzanti per i raggi ultravioletti o con sostanze antibatteriche), e quela sui tessuti termoregolatori. In questo secondo caso, l’obiettivo è produrre tessuti che, come dice il nome, possano essere termoregolati sulla temperatura corporea di chi li indossa.

Se è immediato comprendere che quello sportivo è il settore che può beneficiare maggiormente dei nuovi tessuti, ci interessa maggiormente apprendere l’applicazione di tali vantaggi anche al comparto edilizio, giacchè è noto che gli abiti dei lavoratori dei cantieri all’aperto si surriscaldano facilmente. Questi materiali innovativi consentono di risparmiare energia. I percorsi di ricerca sono tre: mediante calore sensibile, con calore di reazione o con calore latente. Nel primo caso, si è pensato di utilizzare l’acqua in quanto un ottimo volano termico contro gli sbalzi di temperatura; nel secondo di sfruttare il calore esotermico, attraverso il processo di solubilizzazione del sale in acqua; nel caso del calore latente, infine, intervengono sostanze poste tra le fibre del tessuto o spalmate superficialmente, che abbassano la temperatura.
I tessuti termolagoratori sono per ora a livello di brevetto, si dovrà attendere ancora qualche anno perché arrivino sul mercato.

Copyright © - Riproduzione riservata
Tessuti rinfrescanti per gli atleti ed i lavoratori edili Edilone.it