Terre e rocce da scavo e Dm 161/2012: chiarimenti dall'Unitel | Edilone.it

Terre e rocce da scavo e Dm 161/2012: chiarimenti dall’Unitel

wpid-14217_TerreeroccedascavoeDm.jpg
image_pdf

Il termine di 90 giorni dalla presentazione del Piano di Utilizzo per l’avvio dei lavori di scavo, previsto dall’articolo 5 del Dm 161/2012, può essere ridotto dall’amministrazione competente. È quanto ha chiarito l’Unitel (Unione nazionale italiana dei tecnici degli enti locali), rispondendo a un quesito.

“Trattandosi di un termine a favore della amministrazione – scrive l’Unitel -, nulla esclude che la pa possa valutare in concreto l’interesse pubblico in un termine inferiore; in questo caso potrà espressamente, con atto formale, o implicitamente, mediante la tolleranza, consentire l’attività estrattiva prima del decorso del termine”.

Al riguardo, l’Ance ritiene che, se l’amministrazione ha dato parere favorevole al Piano di Utilizzo, si può dare immediata esecuzione allo stesso, senza necessità di ulteriori provvedimenti, espressi o taciti, da parte della pa.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Terre e rocce da scavo e Dm 161/2012: chiarimenti dall’Unitel Edilone.it