Venezia: nuovo Palazzo del Cinema, prima opera per i 150 anni dell'Unità d'Italia | Edilone.it

Venezia: nuovo Palazzo del Cinema, prima opera per i 150 anni dell’Unità d’Italia

wpid-Palazzo-cinema-Venezia.jpg
image_pdf

Lo scorso 31 agosto si è dato l’avvio ufficiale ai lavori del nuovo Palazzo del Cinema del Lido di Venezia, destinato ad ospitare, al momento dell’ultimazione, le future edizioni della Mostra d’arte cinematografica.

Il palazzo sorgerà al Lido di fronte a quello che finora ha ospitato le proiezioni ufficiali di film, alla destra del casinò e, secondo le dichiarazioni di rappresentanti del governo e degli amministratori locali, sarà pronto per l’edizione del 2011, in un progetto di ampio respiro dal valore complessivo di 77 milioni di euro, di cui 20 finanziati dal governo. Il nuovo Palazzo del cinema e dei congressi sarà, nel 2011, la prima opera da completare per celebrare il 150° dell’Unità d’Italia. Nel 1911 – ha ricordato Rutelli – il cinquantenario dell’Unità d’Italia fu un momento importante incentrato soprattutto su Roma, mentre nel 1961, il centenario fu incentrato su Torino.

I lavori, che partiranno nel 2008, non dovranno intralciare – secondo le dichiarazioni del vicepremier – lo svolgimento delle prossime edizioni del Festival. Il concorso internazionale per il "Nuovo Palazzo del Cinema e aree limitrofe", bandito dalla Biennale di Venezia nel 2004, è stato vinto nel 2005 dallo studio di progettazione italiano 5+1 & Rudy Ricciotti, con un un progetto che si caratterizza anche per l’alto grado di sostenibilità ambientale nell’area in cui il Palazzo dovrà essere edificato, al Lido di Venezia.

Rutelli, che ha parlato nel corso di un’affollata conferenza stampa che ha riunito allo stesso tavolo il presidente della Giunta regionale del Veneto Giancarlo Galan, il presidente della Biennale Davide Croff e il sindaco di Venezia Massimo Cacciari e dedicata interamente al nuovo Palazzo del cinema, ha ripercorso le principali tappe di questo progetto. Risale al maggio scorso a Venezia, la firma del protocollo tra Stato, Comune di Venezia e Usl 12, per la riqualificazione dell’ospedale al mare dove troverà sede una parte del nuovo Palazzo del cinema e dei congressi, seguita dalle tappe successive così come programmate.

La cerimonia del 31 agosto 2007 rappresenta la posa della prima pietra simbolica di un progetto sospirato da decenni e approvato dalla Biennale nel 2004, legato anche ad un’opera di recupero e valorizzazione di un’altra zona del Lido, che ospita l’ex-ospedale al mare, che sarà sede di un importante centro congressi e che consentirà al Lido di vivere durante tutto l’anno, come ha sottolineato anche sindaco di Venezia, Massimo Cacciari.

La programmazione temporale del progetto del nuovo Palazzo del cinema di Venezia prevede che dal progetto preliminare in tre mesi si passi a quello definitivo. Su questo si svolgerà la competizione fra imprese e l’organizzazione dei lavori nel primo semestre del prossimo anno.

Nel 2008, e forse anche nel 2009, il cantiere dei lavori si troverà a dover coesistere con la Mostra del Cinema per giungere al completamento nel 2010. Una garanzia sulla non interruzione del Festival per i lavori in corso, infatti, è stata esplicitamente richiesta dal presidente della Regione Veneto, Giancarlo Galan che al commissario straordinario per la costruzione del nuovo Palazzo del Cinema, Antonio Maffey, ha chiesto anche ”di poter concludere l’opera prima del 2011”.

Per la realizzazione dell’edificio (che avrà una sala proiezione da 2.400 posti, contro i mille attuali), il protocollo firmato lo scorso maggio tra il governo e le parti coinvolte ha disposto la nomina di un commissario incaricato di seguire i lavori."Stiamo lavorando tutti insieme con spirito positivo, per far sì che il palazzo sia pronto per il 2011, centocinquantenario dell’unità d’Italia", ha spiegato oggi il vicepremier e ministro della Cultura Francesco Rutelli, che ha invitato anche il settore privato a prendere parte al progetto.

Rutelli ha rimarcato che il nuovo Palazzo del cinema sarà anche una sede congressuale, tale da assicurare al Lido una maggiore vitalità, non solo nel periodo della Mostra del cinema. Rutelli si è soffermato quindi sulla riqualificazione urbana che il nuovo Palazzo del cinema e dei congressi conferirà al Lido.

Il vicepremier ha inoltre evidenziato che le risorse iniziali sono state ridimensionate da 100 a 77 milioni di euro e che il 2009 potrebbe essere un anno particolarmente delicato. Oltre ad annunciare che il Comune di Venezia assumerà la gestione e la responsabilità del nuovo Palazzo del cinema ha affermato: "Confidiamo che anche il sistema privato ci dia una mano, soprattutto per la gestione del palazzo dei congressi, che certamente fornirà molto indotto per quanto riguarda l’occupazione, i servizi, il settore alberghiero, la ristorazione".

Copyright © - Riproduzione riservata
Venezia: nuovo Palazzo del Cinema, prima opera per i 150 anni dell’Unità d’Italia Edilone.it