Un palasport avvenieristico per Lamezia Terme | Edilone.it

Un palasport avvenieristico per Lamezia Terme

wpid-7748_palasport.jpg
image_pdf

Il progetto, realizzato dal raggruppamento temporaneo composto dall’architetto Vittorio Grassi, AI Engineering Srl, e dagli architetti Annunziato Santoro, Pierluigi Samele e Marco Aloisini, avrà una capienza di 5.000 posti, compresi gli spalti mobili, coprirà una superficie di 8.000 metri quadrati su un’area di 50.000 metri quadrati e grazie alla sua particolare forma fluida e asimmetrica, sarà funzionale agli eventi sportivi ma anche ai concerti e congressi. L’opera, che il Comune spera di poter appaltare nel 2011, costerà 14 milioni di euro. Al momento l’Amministrazione ha a disposizione solo 8 milioni di euro, grazie al fondi Por 2007-2013 e una parte di fondi comunali. Il resto dovrà essere recuperato: è comunque già pronta la richiesta alla Provincia di Catanzaro, mentre un’altra parte sarà richiesta al Coni.

Ma oltre all’aspetto tecnico e strutturale, il nuovo palazzetto dello sport, secondo come capienza in tutta la regione dopo il Pentimele di Reggio Calabria, potrebbe diventare punto di riferimento per tutto il meridione per quanto riguarda gli sport per disabili.

«Nell’area dello stadio Carlei sorgerà una cittadella dello sport che diventerà polo d’attrazione di tutta la regione – ha affermato l’architetto Iovene – e non solo per la grandezza ma anche per la funzionalità dell’opera. Il progetto prevede infatti la realizzazione di una serie di servizi che manterranno viva la struttura per tutto il giorno, e non solo quando ci sono eventi sportivi. Abbiamo scelto questo progetto perchè volevamo che la città avesse un’opera eccezionale, spettacolare e non banale. Per questo abbiamo optato per questo progetto, il più bello e il più avveniristico, tra i 39 gruppi di progettazione che hanno partecipato al concorso. Anche se tutti i progetti sono di elevata qualità». Ora però si deve passare alla fase della realizzazione. In particolare, così come spiegato dall’architetto Iovene, ci vorranno sei-otto mesi per completare la progettazione. Poi si passa alla gara d’appalto. Dalla consegna dei lavori ci vorranno due anni (sempre se non ci saranno intoppi) per vedere concretizzato il progetto del nuovo impianto sportivo.

Sulle potenzialità del nuovo palazzetto ha riferito il vicesindaco Cicione che in particolare ha evidenziato come la realizzazione dell’impianto sportivo si inserisce nel Patto per lo sviluppo siglato nei mesi scorsi. «Noi puntiamo a realizzare un polo d’attrazione sovraregionale – ha sottolineato Cicione – un’opera che sia classificata come il Foro italico a Roma e il Foro italico a Palermo. Il palazzetto, così come progettato, rappresenta il primo pezzo della città del futuro che abbiamo progettato, perfettamente inglobato nel Piano strategico». È l’obiettivo dell’amministrazione, ha sottolineato Speranza, «poter appaltare il progetto entro il 2011, in modo da iniziare subito i lavori».
Intanto, in attesa di vedere realizzata un’opera che la città attendeva da anni, fino all’8 gennaio nei locali di Palazzo Nicotera si potranno ammirare tutti i progetti che hanno partecipato al concorso per la progettazione del nuovo palazzetto dello sport.

Copyright © - Riproduzione riservata
Un palasport avvenieristico per Lamezia Terme Edilone.it